giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Erboristeria e spezie nelle malattie reumatiche: a parte i farmaci, sono utili per sintomi o benessere?

Nonostante i progressi nel trattamento farmacologico della RD negli ultimi anni, la maggior parte dei pazienti non raggiunge la remissione completa con i trattamenti attualmente disponibili. Di conseguenza, i pazienti spesso cercano una terapia adiuvante, inclusi interventi dietetici, per migliorare la loro qualità di vita. Erbe e spezie svolgono un ruolo di primo piano nelle abitudini nutrizionali e negli scopi medicinali. Pertanto, vi è un crescente interesse per l’intervento dietetico con erbe e spezie nella gestione delle malattie immuno-mediate. La maggior parte delle erbe e delle spezie sono fonti abbondanti di polifenoli, alcaloidi, antiossidanti e delle loro notevoli proprietà antinfiammatorie e preventive sui tumori. Un’ultima recensione ha discusso le spezie/erbe ampiamente utilizzate nelle malattie reumatiche, tra cui cannella, aglio, zafferano, zenzero e curcuma.

I risultati forniscono importanti informazioni sul microbiota intestinale e sull’effetto di erbe e spezie su artrite reumatoide (AR), fibromialgia (FM) e osteoartrite. Cannella, aglio, curcumina, zafferano e zenzero sono stati ampiamente studiati per il loro potenziale utilizzo nel trattamento dell’infiammazione in molte malattie croniche, comprese le malattie rare. La cannella contiene composti bioattivi che inibiscono il fattore nucleare delle cellule B attivate (NF-kB) indotto dal lipopolisaccaride (LPS) batterico, che è un fattore di trascrizione per la regolazione dell’espressione genica dei geni proinfiammatori. La curcumina, il maggiore composto attivo della curcuma, influenza il metabolismo dell’acido arachidonico e si comporta in modo simile agli antinfiammatori classici (FANS). Nei pazienti affetti da AR, la curcumina mostra significativi effetti antinfiammatori e riduce l’attività della malattia.

L’aglio e i suoi derivati sono stati ampiamente studiati sia in vitro che in vivo per valutarne le proprietà immunomodulatorie e antinfiammatorie. Studi randomizzati controllati (RCT) hanno anche dimostrato che l’integrazione di aglio riduce i livelli di proteina C-reattiva (PCR), IL-6 e TNF-alfa. Lo zenzero ha una composizione chimica complessa e sembra proteggere dall’infiammazione intestinale. È stato anche scoperto che l’estratto di zenzero riduce l’infiammazione diminuendo la produzione di ossido nitrico e prostaglandina E2 in un modello di artrite del ratto. Lo zafferano e i suoi composti attivi (es. safranale, crocetina e crocina), possono migliorare lo stato della malattia nei pazienti reumatici modificando l’infiammazione, lo stress, il dolore e i livelli di antiossidanti. Tuttavia, analogamente alle altre spezie, l’azione dello zafferano non era abbastanza significativa per la raccomandazione clinica.

In particolare, le proprietà bioattive di queste spezie ed erbe dipendono dai loro metodi di conservazione e cottura. Uno studio ha studiato l’effetto di capsule da 5gr contenenti cannella, origano, zenzero, pepe nero e pepe di Caienna sul microbiota intestinale degli esseri umani. Se consumate come spezie miste, queste capsule hanno un effetto probiotico e ripristinano il microbiota intestinale. In un altro studio, gli autori hanno scoperto che 500 mg di cannella riducono significativamente l’attività della malattia, come dimostrato dalla riduzione della PCR sierica e del TNF-alfa, a beneficio dei pazienti affetti da AR. Tuttavia, i trials condotti fino ad oggi hanno un alto rischio di fattori di disturbo. Di conseguenza, sono necessari più dati e ricerche per stabilire i benefici per la salute di queste erbe e spezie.

Le spezie possono influenzare positivamente anche la composizione del microbiota intestinale, che risulta sbilanciato in malattie autoimmuni come AR, psoriasi, sclerosi multipla ed anche artrite giovanile (JIA). Quindi usare integratori a base di queste erbe/spezie, può risultare utile nel tempo per incentivare una migliore composizione microbica dell’intestino, aggiungendo gli effetti antinfiammatori ed antidolorifici delle preparazioni. E’ chiaro che sostituire i farmaci ufficiali con le medicine naturali, non può da solo controllare una malattia grave come l’artrite reumatoide, un lupus sistemico o un’artrite giovanile idiopatica. Integrare queste erbe/spezie a tavola o in preparazioni specifiche può servire sicuramente per tamponare i sintomi dolorosi, la fatica o altri sintomi invalidanti. Secondo punto, farmaci o integratori miracolosi non ne esistono.

Se si decide di usare preparazioni erboristiche/di spezie per trattare i problemi suddetti bisogna accettare il fatto che serve tempo affinché il corpo si adatti (incluso il microbiota intestinale), per poter vedere gli effetti.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Charneca S et al. Nutrients 2023; 15(12):2812.

Kocyigit BF et al. Rheumatol Int. 2022; 43:617.

Zeng, L et al. Front Immunol. 2022; 13:896476.

Qi L, Mao H et al. Front Nutr. 2021; 8:748503.

Pahan S et al. Clin Exp Immunol. 2020; 5:252.

Letarouilly JG et al. Nutrients 2020; 11:3800.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Immune metabolism “on fire”: itaconate as a inner mediator that “redoxes” inflammation off by aiming to multiple targets

Metabolic products can lead to crucial biological function alterations, by regulating cellular enzymes. Itaconate is probably the best example of how a metabolic process...

Coliti infiammatorie e Parkinson: la possibile connessione a sorpresa

Un nuovo studio nazionale danese su una popolazione che copre quasi 40 anni, ha rivelato che le persone con malattia infiammatoria intestinale hanno un...

Arance rosse: si approfondisce come i suoi principi attivi agiscono sull’obesità

L’accumulo di grasso, a causa di uno squilibrio tra apporto energetico e dispendio, porta all’obesità, al diabete di tipo 2, alle malattie cardiovascolari e...

Questo si chiuderà in 20 secondi