Leucemia: i livelli di stress psicologico possono condizionare il decorso

Leucemia: i livelli di stress psicologico possono condizionare il decorso

Vi è variabilità nei risultati psicologici e fisici dei pazienti con malattia cronica, anche tra quelli con la stessa malattia. I marcatori di gravità della malattia non sempre tengono conto di queste differenze. In generale, le percezioni della malattia sono coerentemente collegate a esiti psicologici e fisici in malattie come il diabete, la sindrome da stanchezza cronica e l’HIV. Sono stati testati come predittori di stress, risposte emotive e risposte fisiche. Gli studi sulle percezioni della malattia dei pazienti oncologici si stanno accumulando. Nello specifico, la time-line, l’identità, le conseguenze e l’attribuzione di cause psicologiche per la malattia hanno predetto i sintomi depressivi, con il controllo e la coerenza del trattamento che rappresentano anche una percentuale significativa della varianza dello stress. Ulteriori studi hanno collegato dimensioni della rappresentazione emotiva, conseguenze, controllo, identità e time-line ai sintomi depressivi. Non ci sono quasi studi su questo fenomeno in contesti correlati al cancro, meno correlati a tumori del sangue come la leucemia. Ad esempio, la maggior parte (70-80%) dei pazienti con leucemia linfatica cronica (LLC) è asintomatica o solo lievemente sintomatica alla diagnosi. Inoltre, il trattamento della malattia in fase iniziale non porta benefici alla sopravvivenza. Pertanto, molti pazienti sottoposti a sorveglianza attiva in cui la malattia viene monitorata e trattati solo una volta che la progressione si verifica.

Quando iniziato, il trattamento della CLL differisce da quello osservato nei pazienti con tumori solidi. Le differenze nella diagnosi, nel corso e nel trattamento della CLL sollevano la questione della generalizzabilità dei risultati della percezione della malattia da altri siti di malattia. La LLC è la leucemia più comune negli adulti e rappresenta circa un terzo della leucemia negli adulti negli Stati Uniti. I pazienti con leucemia linfatica cronica (LLC) che sentono più stress hanno anche più cellule tumorali nel sangue e livelli elevati di altri tre marcatori di malattia più avanzata. Un nuovo studio su 96 pazienti è il primo a collegare lo stress con i markers della malattia biologica nei pazienti con LLC. Barbara L. Andersen, autrice principale dello studio e professore di psicologia presso la Ohio State University, ha dichiarato: “Tutte e quattro le variabili che abbiamo misurato sono correlate alla prognosi nei pazienti con LLC, quindi hanno molta rilevanza. di gestire lo stress nei pazienti oncologici”. Lo studio ha coinvolto pazienti che stavano entrando in una sperimentazione presso l’Arthur G. James Cancer Hospital dell’Ohio State per ibrutinib, ora approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti. Al momento dello studio, il farmaco era in fase precoce per il trattamento della malattia. La raccolta dei dati è stata effettuata prima che i pazienti ricevessero la prima dose. Tutti i pazienti hanno completato un sondaggio che misurava il loro stress correlato al cancro.

Sono state poste domande come la frequenza con cui avevano pensieri intrusivi sul loro cancro, con quante volte hanno cercato di evitare di pensarci e quanto spesso si sentivano nervosi e facilmente spaventati. I ricercatori hanno prelevato campioni di sangue e calcolato la conta assoluta dei linfociti (ALC), che è una misura di cellule sane e maligne che circolano nel sangue. Questa misura è spesso elevata nei pazienti con LLC e viene utilizzata come marker di gravità della malattia. Hanno anche misurato livelli di otto diverse citochine coinvolte nella risposta immunitaria. Tutte queste citochine possono promuovere livelli di infiammazione malsana nei pazienti con cancro. I risultati hanno mostrato che maggiore stress nei pazienti era associato a un più alto numero di cellule cancerose circolanti e livelli più alti di tre citochine: fattore di necrosi tumorale alfa, interleuchina 16 e chemochina ligando 3 (CCL3). CCL3 è un particolare tipo di citochina chiamata chemochina. Aiuta a facilitare lo sviluppo di cellule CLL in luoghi come la milza e i linfonodi, dove vengono prodotte cellule leucemiche. Lo stress era legato alla gravità della malattia anche dopo che i ricercatori hanno preso in considerazione molti altri fattori importanti che svolgono anche un ruolo nella progressione della malattia, incluso il genere, il numero di trattamenti precedenti e la presenza di un marcatore genetico (del17p) associato a trattare la LLC.

Le chemochine non sono mai state utilizzate in studi come questo ed è un nuovo modo di verificare il legame tra stress e malattia. Il fatto che lo stress mostri un effetto sulla LLC anche dopo che gli scienziati hanno controllato per altri fattori, suggerisce che potrebbe essere rilevante per il decorso della CLL. Perché le altre cinque citochine che i ricercatori hanno studiato non mostrano un effetto in questo studio? Andersen ha notato che questo è stato il primo studio del suo genere fatto con pazienti affetti da leucemia. Molte altre citochine hanno avuto effetti sui tumori solidi e potrebbero non funzionare allo stesso modo nei tumori del sangue. I ricercatori stanno continuando a seguire questi pazienti e esamineranno la relazione tra lo stress e queste stesse risposte durante il trattamento.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Andersen BL et al. Cancer. 2018 Aug 1;124(15):3240-3248.

Goyal NG et al. Ann Behav Med. 2018 Mar; 52(4):287-298.

Morrison EJ et al. Ann Hematol. 2016 Dec; 95(12):1989-97.

Westbrook TD et al. Psychol Health 2016 Jul;31(7):891-902.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1028 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it