Nausea in gravidanza: le sorprese delle ultime ricerche

Nausea in gravidanza: le sorprese delle ultime ricerche

Il malessere mattutino – nausea e vomito durante la gravidanza – si verifica fino al 90% delle donne. Ma circa il 2% delle donne incinte soffrono di una forma più grave nota come iperemesi gravidica, o HG. I sintomi caratteristici includono rapida perdita di peso, malnutrizione e disidratazione dovute a nausea e vomito inesorabili. È la seconda causa di ospedalizzazione durante la gravidanza perché alcune donne avranno bisogno di liquidi per via endovenosa e, nei casi più gravi, di tubi di alimentazione. La Fondazione HER, un’organizzazione dedicata all’istruzione, alla ricerca e alla difesa di HG, offre informazioni che mettono a confronto i sintomi della normale malattia mattutina con HG. Marlena Fejzo è ricercatrice associata presso la David Geffen School of Medicine della UCLA che studia la condizione. Ci ha sofferto lei stessa per una intera gravidanza. È incoraggiata dai progressi compiuti per capire meglio questa complessa malattia fisiologica; è per questo che ha intrapreso uno studio associato al genoma (GWAS).

Questo è quello che ha scoperto.

A). La HG non è causata dai sospetti ormoni della gravidanza. È stato a lungo ipotizzato che la gonadotropina corionica umana o l’estrogeno fossero i probabili responsabili di nausea e vomito estremi. Ma recenti ricerche non supportano questa teoria. Invece, HG è probabilmente causato, almeno in parte, da tre geni noti come GDF15, IGFBP7 e ANGPTL8, che sono coinvolti nello sviluppo della placenta e svolgono ruoli importanti nella gravidanza precoce e nella regolazione dell’appetito. Le proteine ​​espresse da questi geni sono anormalmente alte nel sangue delle donne con HG. I centri del vomito nell’uomo si trovano uno nel bulbo cerebrale (CTZ) e l’altro nel fondo gastrico (PTZ): se queste proteine sono alte nel sangue, è possibile che stimolino dei recettori dello stomaco che causano le contrazioni tipiche della nausea e producano vomito. Oppure, se queste proteine oltrepassano la barriera emato-encefalica (BEE), potrebbero fare lo stesso nei centri nueronali del CTZ. Questa ipotesi non è stata ancora esplorata.

B). La HG è biologicamente correlata ad alcuni sintomi nel cancro allo stadio terminale. GDF15 e IGFBP7, infatti, sono casualmente collegati alla cachessia, una nausea cronica debilitante e una sindrome da perdita di peso che porta alla morte in circa il 20% dei malati di cancro. GDF15 è stata associata alla promozione di fenomeni metastatici per alcuni carcinomi (colon, esofago, ecc.) Uno dei tumori che produce IGFBP7 è proprio il carcinoma gastrico; tutti sanno che chi è affetto da questo tumore, ha una vera e propria avversione per la carne e alimenti carnei in genere. La produzione da parte delle cellule tumorali di IGFBP7 potrebbe essere in parte responsabile di questo fenomeno. Non si sa ancora, tuttavia, se la IGFBP/ causi una nausea specifica nella donna in gravidanza.

C). È associata a ritardo dello sviluppo neurologico nei bambini. Le donne che hanno esperienza di HG hanno tre volte più probabilità di avere bambini con deficit dello sviluppo neurologico, inclusi disturbi dell’attenzione e ritardi di linguaggio. C’è anche una recente recensione che ha associato la HG ad un maggiore rischio di autismo o disturbo dello spettro autistico (ASD). I ricercatori ritengono che la carenza nutrizionale all’inizio della gravidanza possa essere la causa, piuttosto che i farmaci usati per trattare la HG.

Dato che non è noto ancora il funzionamento di queste proteine, né esistono opzioni per neutralizzare i loro effetti, è raccomandabile la linea guida base di non rimanere incinte in sovrappeso o, peggio, in obesità franca per un semplice motivo. GDF15 è sotto studio per capire i suoi effetti sull’obesità, dato che questa specie di “citochina” ha un ruolo provato nell’appetito.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD,specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Koren G, Ornoy A, Berkovitch M. Reprod Toxicol. 2018 Aug; 79:84-88. 

Walker RG, Thompson TB. Endocrinology 2018 Jul 1;159(7):2698-2700.

Mitsuda N et al. BMC Pregnancy Childbirth. 2018 Jun 27; 18(1):268. 

Timur B et al. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol. 2018 Jun; 225:221.

Whitehouse AJO et al., Maybery M. Mol Autism. 2018 Jun 19; 9:37. 

Fossum S et al. Pregnancy Hypertens. 2018 Apr; 12:129-135.

Kontonika SM et al. Clin Nutr ESPEN. 2018 Apr;24:174-175.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 680 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.