mercoledì, Luglio 24, 2024

L’immunità che dialoga costantemente col cervello: il ruolo segreto di C1q nel cervello che matura ed invecchia

Uno studio innovativo condotto presso il laboratorio di Beth...

L’orologio biologico ed il metabolismo: una bilancia che rischia di saltare con certe tipologie di lavoro

Le routine quotidiane della vita sono legate ai modelli...

The risk for cognitive impairment among breast cancer survivors: drug types vs. plausible mechanisms

Breast cancer is the most commonly diagnosed cancer among...

Magnesio: può essere utile al naturale per l’emicrania?

Le emicranie possono essere difficili da trattare con gli antidolorifici tradizionali, quindi molte persone cercano modi alternativi per prevenirli. Un potenziale rimedio è il magnesio, un minerale che aiuta a mantenere stabile la pressione del sangue, favorisce la salute del cuore, regola la funzione nervosa e muscolare e stabilizza le ossa. Una mancanza di magnesio può anche contribuire a mal di testa ed emicranie. Alcune persone usano il magnesio per trattare e prevenire i sintomi dell’emicrania, come i disturbi visivi, la sensibilità alla luce e al suono, nausea e vomito. Alcune ricerche hanno indicato che l’assunzione di un integratore di magnesio potrebbe essere un modo efficace per prevenire il mal di testa. Altri studi hanno anche suggerito che i livelli di magnesio nel cervello di una persona possono essere bassi durante l’emicrania. L’American Migraine Foundation suggerisce di assumere quotidianamente un supplemento di 400-500 milligrammi (mg) di sali di magnesio per prevenire l’emicrania. Alcuni ricercatori pensano che l’efficacia del magnesio come prevenzione contro l’emicrania aumenta quando una persona assume dosi superiori a 600 mg per 3-4 mesi.

L’assunzione di magnesio può essere più efficace per le persone le cui emicranie includono aura o disturbi visivi. Le persone con emicrania possono assumere l’ossido di magnesio sotto forma di una pillola per integrare l’assunzione di magnesio. In alternativa, un medico può somministrare per via endovenosa 1-2 grammi (g) di solfato di magnesio se una persona ha problemi ad assorbirlo. Altre forme di magnesio includono: carbonato, cloruro e citrato. Il corpo assorbe questi diversi tipi di magnesio a velocità diverse. La forma più biodisponibile è il citrato. Il corpo ha difficoltà ad assorbire il magnesio a meno che non sia legato a qualcos’altro, quindi gli integratori di magnesio spesso contengono altre sostanze, come gli amminoacidi, che forniscono anche benefici per la salute. Alcune persone preferiscono aumentare il loro apporto di magnesio attraverso la loro dieta. L’assunzione giornaliera media raccomandata di magnesio è di 310-320 mg per le donne e di 400-420 mg per gli uomini.

Gli alimenti ricchi di magnesio includono:

  • noci e cereali
  • fagioli neri e lenticchie
  • cacao
  • verdure a foglia verde
  • avocado
  • semi di zucca o di zucca
  • mandorle
  • sgombro, tonno e pollock
  • yogurt magro o kefir
  • banane e fichi

Effetti collaterali e rischi

Il magnesio si trova naturalmente in molti alimenti. Aumentare i livelli di magnesio mangiando più di quetensionesti alimenti non sembra avere alcun rischio associato. Tuttavia, l’assunzione di troppi supplementi di magnesio può causare alcuni effetti avversi, tra cui diarrea, crampi e vomito. Se una persona sperimenta la diarrea a causa di un supplemento di magnesio, dovrebbe smettere di prenderlo. È anche essenziale per una persona con diarrea rimanere idratata. Le persone dovrebbero anche evitare di assumere integratori di magnesio insieme a un tipo di antibiotici noti come aminoglicosidi. L’assunzione di queste sostanze insieme può causare debolezza muscolare e altri problemi. Il magnesio può anche interferire con il modo in cui una persona assorbe gli antibiotici. Pertanto, una persona dovrebbe assumere gli antibiotici necessari almeno 2 ore prima o 4-6 ore dopo aver assunto questi supplementi. Il magnesio può anche abbassare la pressione sanguigna di una persona.

Le persone che assumono farmaci per l’ipertensione che assumono integratori di magnesio potrebbero essere a rischio di ipotensione, ovvero quando la pressione del sangue scende pericolosamente bassa. Supplementi di magnesio possono sono da assumere  con cautela  in ​​persone con determinate condizioni mediche, come disturbi emorragici, l’insufficienza renale e rettocolite ulcerosa. Chiunque pensi di prendere integratori di magnesio dovrebbe prima discuterne con un medico. Un medico può consigliare a un individuo se il supplemento è sicuro in base alla sua storia medica. Le donne incinte dovrebbero anche consultare un medico prima di prendere un integratore a base di magnesio. Dovrebbero anche evitare di assumere alte dosi di solfato di magnesio per via endovenosa, poiché potrebbero causare assottigliamento osseo nel feto in via di sviluppo.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Il dialogo invisibile fra microbiota e sistema nervoso

I legami tra il nostro intestino e il cervello sono sia ormonali, immunologici che neurali, attraverso il sistema nervoso centrale e il sistema nervoso...

Invecchiamento di pelle e capelli? Colpa della dieta occidentale

In un paper ad accesso libero recentemente pubblicato su Scientific Reports, il Dr. Chatterjee e colleghi della Johns Hopkins Medicine di Baltimora, mostrano che...

La colite collagenica: un altro aspetto infiammatorio dell’intestino

La colite collagenica è un tipo di colite microscopica, caratterizzata da una fascia spessa e non elastica di collagene sotto il rivestimento del colon....

Questo si chiuderà in 20 secondi