Invecchiamento di pelle e capelli? Colpa della dieta occidentale

In un paper ad accesso libero recentemente pubblicato su Scientific Reports, il Dr. Chatterjee e colleghi della Johns Hopkins Medicine di Baltimora, mostrano che una dieta ricca di grassi e colesterolo può causare infiammazione della pelle, perdita di capelli e sbiancamento dei capelli. Sulla base delle loro scoperte iniziali, i ricercatori hanno anche sviluppato un farmaco sperimentale, il D-threo-1-fenil-2-decanoilamino-3-morfolino-1-propanolo (D-PDMP), sperando che potesse aiutarli a invertire gli effetti di una dieta malsana su pelle e capelli. Il D-PDMP regola la produzione di un tipo di grassi noti come glicosfingolipidi (GSL), che fanno parte delle membrane delle cellule della pelle e di altri tipi di cellule (es. nervose). In particolare, i GSL sono un componente importante dello strato esterno della pelle e dei cheratinociti, un tipo di cellula che partecipa alla pigmentazione o alla colorazione della pelle, dei capelli e degli occhi. Il team di ricerca ha testato gli effetti che una dieta grassa avrebbe sulla pelle e sui capelli dei topi, nonché l’efficacia del composto progettato nel compensare il danno.

Chatterjee e il team hanno lavorato con un gruppo di topi che avevano modificato geneticamente per esprimere i sintomi dell’aterosclerosi, una condizione in cui i depositi di grasso si formano all’interno delle arterie. I ricercatori hanno diviso i topi in due gruppi distinti: uno di questi è stato assegnato a una dieta normale di topo, mentre l’altro è stato assegnato a una dieta ricca di grassi e ad alto contenuto di colesterolo – simile a un regime di tipo occidentale. Tutti i topi avevano 12 settimane quando hanno iniziato la loro rispettiva dieta, emi ricercatori hanno condotto le loro prime valutazioni quando i topi avevano 20 settimane. Il team ha scoperto che i topi su una dieta di tipo occidentale avevano iniziato a perdere i peli e mostrato loro sbiancamento e lesioni cutanee. A 36 settimane di età, il 75% dei topi che erano rimasti nella dieta ad alto contenuto di grassi e ad alto contenuto di colesterolo presentavano più lesioni cutanee, oltre a una più grave perdita di pelo. Quando i topi avevano un’età compresa tra le 20 e le 36 settimane, i ricercatori hanno somministrato a tutti loro D-PDMP in quantità variabili.

Dopo aver ricevuto 1 mg o 10 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo di D-PDMP in forma di capsule, i topi con una dieta grassa hanno iniziato a riguadagnare i peli persi e il colore iniziale dei capelli. Anche i danni alla pelle hanno iniziato a guarire. Chatterjee e il team hanno anche notato che il trattamento dei roditori con 1 milligrammo di D-PDMP per chilogrammo di peso corporeo in forma di capsula, è stato altrettanto efficace nell’invertire il danno della pelle e dei capelli come forma liquida di 10 milligrammi/Kg di peso corporeo. Questo, spiegano i ricercatori, suggerisce che le capsule sono più efficaci nel fornire il composto. Quindi, cosa ha fatto specificamente il D-PDMP? Il team di ricerca ha osservato che la pelle di topi seguendo una dieta di tipo occidentale mostrava numerosi segni di infiltrazione di neutrofili. I neutrofili sono un tipo di globuli bianchi che svolgono un ruolo nell’infiammazione. La D-PDMP incapsulata ha ridotto il numero di neutrofili osservati, suggerendo che la sostanza era efficace nel ridurre il danno alla pelle e l’infiammazione.

I ricercatori hanno anche osservato che i roditori con una dieta grassa hanno modificato i livelli di tre importanti tipi di sfingolipidi: ceramidi, glucosil-ceramidi e lattosil-ceramidi, che normalmente aiutano a mantenere la salute della pelle. Le ceramidi sono gli sfingolipidi “mattone”, e la glucosilceramide è il primo derivato della ceramide, mentre la lattosilceramide è un derivato successivo della ceramide. Mentre le ceramidi normalmente aiutano a mantenere la pelle idratata, i glucosil-ceramidi proteggono la funzione della pelle; le lattosil-ceramidi sono coinvolte nella risposta infiammatoria cutanea. I ricercatori hanno utilizzato l’analisi della spettrometria di massa, un metodo per identificare e quantificare la composizione chimica di una miscela, per determinare i livelli di ceramide, glucosil-ceramide e lattosil-ceramide nei topi. I ricercatori hanno scoperto che il trattamento di questi animali con 1mg o con 10mg/Kg di D-PDMP liquido, ha riportato i livelli di ceramide alla normalità.

Mentre i ricercatori dello studio sono fiduciosi dei risultati promettenti ottenuti con la D-PDMP nei topi, tuttavia sottolineano che è necessario condurre più ricerche sugli animali, al fine di stabilire esattamente quanta parte del composto è necessaria per trattare completamente il danno biologico causato da diete di tipo occidentale nei capelli e nella pelle. Inoltre, il team avverte anche che i risultati osservati nei topi potrebbero non essere applicabili alle persone, poiché questo è un aspetto che deve ancora essere confermato. La sicurezza della D-PDMP per l’ingestione umana non è stata ancora stabilita. “I nostri risultati mostrano che una dieta occidentale provoca la perdita di peli, il loro sbiancamento e l’infiammazione della pelle nei topi. Crediamo che un processo simile avvenga in uomini che perdono i capelli e sperimentano lo sbiancamento dei capelli quando mangiano una dieta ricca di grassi e colesterolo”, sottolinea Chatterjee. “Sono necessarie ulteriori ricerche, ma i nostri risultati mostrano la promessa che un giorno questo farmaco venga usato per malattie della pelle come la psoriasi e le ferite derivanti da diabete o chirurgia plastica”.

  • a cura del Dr, Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Inokuchi JI et al. Methods Mol Biol. 2018; 1804:401-410.

Yadav DK et al. Front Pharmacol. 2018 Jun 27;9:644.

Wennberg CL et al. Biophys J. 2018; 114(5):1116-1127.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it