venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Invecchiamento di pelle e capelli? Colpa della dieta occidentale

In un paper ad accesso libero recentemente pubblicato su Scientific Reports, il Dr. Chatterjee e colleghi della Johns Hopkins Medicine di Baltimora, mostrano che una dieta ricca di grassi e colesterolo può causare infiammazione della pelle, perdita di capelli e sbiancamento dei capelli. Sulla base delle loro scoperte iniziali, i ricercatori hanno anche sviluppato un farmaco sperimentale, il D-threo-1-fenil-2-decanoilamino-3-morfolino-1-propanolo (D-PDMP), sperando che potesse aiutarli a invertire gli effetti di una dieta malsana su pelle e capelli. Il D-PDMP regola la produzione di un tipo di grassi noti come glicosfingolipidi (GSL), che fanno parte delle membrane delle cellule della pelle e di altri tipi di cellule (es. nervose). In particolare, i GSL sono un componente importante dello strato esterno della pelle e dei cheratinociti, un tipo di cellula che partecipa alla pigmentazione o alla colorazione della pelle, dei capelli e degli occhi. Il team di ricerca ha testato gli effetti che una dieta grassa avrebbe sulla pelle e sui capelli dei topi, nonché l’efficacia del composto progettato nel compensare il danno.

Chatterjee e il team hanno lavorato con un gruppo di topi che avevano modificato geneticamente per esprimere i sintomi dell’aterosclerosi, una condizione in cui i depositi di grasso si formano all’interno delle arterie. I ricercatori hanno diviso i topi in due gruppi distinti: uno di questi è stato assegnato a una dieta normale di topo, mentre l’altro è stato assegnato a una dieta ricca di grassi e ad alto contenuto di colesterolo – simile a un regime di tipo occidentale. Tutti i topi avevano 12 settimane quando hanno iniziato la loro rispettiva dieta, emi ricercatori hanno condotto le loro prime valutazioni quando i topi avevano 20 settimane. Il team ha scoperto che i topi su una dieta di tipo occidentale avevano iniziato a perdere i peli e mostrato loro sbiancamento e lesioni cutanee. A 36 settimane di età, il 75% dei topi che erano rimasti nella dieta ad alto contenuto di grassi e ad alto contenuto di colesterolo presentavano più lesioni cutanee, oltre a una più grave perdita di pelo. Quando i topi avevano un’età compresa tra le 20 e le 36 settimane, i ricercatori hanno somministrato a tutti loro D-PDMP in quantità variabili.

Dopo aver ricevuto 1 mg o 10 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo di D-PDMP in forma di capsule, i topi con una dieta grassa hanno iniziato a riguadagnare i peli persi e il colore iniziale dei capelli. Anche i danni alla pelle hanno iniziato a guarire. Chatterjee e il team hanno anche notato che il trattamento dei roditori con 1 milligrammo di D-PDMP per chilogrammo di peso corporeo in forma di capsula, è stato altrettanto efficace nell’invertire il danno della pelle e dei capelli come forma liquida di 10 milligrammi/Kg di peso corporeo. Questo, spiegano i ricercatori, suggerisce che le capsule sono più efficaci nel fornire il composto. Quindi, cosa ha fatto specificamente il D-PDMP? Il team di ricerca ha osservato che la pelle di topi seguendo una dieta di tipo occidentale mostrava numerosi segni di infiltrazione di neutrofili. I neutrofili sono un tipo di globuli bianchi che svolgono un ruolo nell’infiammazione. La D-PDMP incapsulata ha ridotto il numero di neutrofili osservati, suggerendo che la sostanza era efficace nel ridurre il danno alla pelle e l’infiammazione.

I ricercatori hanno anche osservato che i roditori con una dieta grassa hanno modificato i livelli di tre importanti tipi di sfingolipidi: ceramidi, glucosil-ceramidi e lattosil-ceramidi, che normalmente aiutano a mantenere la salute della pelle. Le ceramidi sono gli sfingolipidi “mattone”, e la glucosilceramide è il primo derivato della ceramide, mentre la lattosilceramide è un derivato successivo della ceramide. Mentre le ceramidi normalmente aiutano a mantenere la pelle idratata, i glucosil-ceramidi proteggono la funzione della pelle; le lattosil-ceramidi sono coinvolte nella risposta infiammatoria cutanea. I ricercatori hanno utilizzato l’analisi della spettrometria di massa, un metodo per identificare e quantificare la composizione chimica di una miscela, per determinare i livelli di ceramide, glucosil-ceramide e lattosil-ceramide nei topi. I ricercatori hanno scoperto che il trattamento di questi animali con 1mg o con 10mg/Kg di D-PDMP liquido, ha riportato i livelli di ceramide alla normalità.

Mentre i ricercatori dello studio sono fiduciosi dei risultati promettenti ottenuti con la D-PDMP nei topi, tuttavia sottolineano che è necessario condurre più ricerche sugli animali, al fine di stabilire esattamente quanta parte del composto è necessaria per trattare completamente il danno biologico causato da diete di tipo occidentale nei capelli e nella pelle. Inoltre, il team avverte anche che i risultati osservati nei topi potrebbero non essere applicabili alle persone, poiché questo è un aspetto che deve ancora essere confermato. La sicurezza della D-PDMP per l’ingestione umana non è stata ancora stabilita. “I nostri risultati mostrano che una dieta occidentale provoca la perdita di peli, il loro sbiancamento e l’infiammazione della pelle nei topi. Crediamo che un processo simile avvenga in uomini che perdono i capelli e sperimentano lo sbiancamento dei capelli quando mangiano una dieta ricca di grassi e colesterolo”, sottolinea Chatterjee. “Sono necessarie ulteriori ricerche, ma i nostri risultati mostrano la promessa che un giorno questo farmaco venga usato per malattie della pelle come la psoriasi e le ferite derivanti da diabete o chirurgia plastica”.

  • a cura del Dr, Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Inokuchi JI et al. Methods Mol Biol. 2018; 1804:401-410.

Yadav DK et al. Front Pharmacol. 2018 Jun 27;9:644.

Wennberg CL et al. Biophys J. 2018; 114(5):1116-1127.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Ipertensione: sotto i “riflettori” curativi della luce blu

L'ipertensione è diffusa negli Stati Uniti e in molti altri paesi occidentali. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l'ipertensione arteriosa è...

Le polveri di cemento ed i problemi respiratori nei lavoratori: una recensione fa il punto

Gli effetti sulla salute associati all'esposizione al cemento furono segnalati da Bernardino Ramazzini già nel 1700. Circa 250 anni dopo, furono riportate prove di un'associazione...

Dieta “portfolio”: mirata alla perfetta salute cardiaca

Le diete a base vegetale sono ottime per la salute cardiovascolare, ma una dieta vegetariana a basso contenuto di grassi saturi potrebbe non essere...