Alzheimer: la qualità del sonno nei caregivers non deve mancare

Alzheimer: la qualità del sonno nei caregivers non deve mancare

Quasi 6 milioni di persone vivono con il morbo di Alzheimer. Tuttavia, gli effetti sono avvertiti dagli oltre 16 milioni di persone, spesso membri della famiglia, che forniscono assistenza non retribuita, secondo l’Alzheimer’s Association. Più del 90% delle persone che si prendono cura di un membro della famiglia con demenza sperimentano un sonno scarso in qualità, secondo una nuova ricerca dell’Università di Buffalo School of Nursing. Lo studio ha rilevato che la maggior parte dei partecipanti ha avuto meno di sei ore di sonno ogni notte, accompagnata da frequenti risvegli ogni quattro volte all’ora. “Queste interruzioni possono portare a una deprivazione cronica del sonno e porre i curanti a rischio di depressione, aumento di peso, malattie cardiache e morte prematura”, afferma l’autore principale Yu-Ping Chang, PhD. “Anche se la perdita di memoria è il sintomo più noto della demenza, oltre l’80% delle persone con demenza sperimenterà anche disturbi del sonno, ansia e wandering (vagabondaggio). Queste interruzioni hanno effetti negativi sulla salute dei caregivers, che a loro volta diminuirà la loro capacità di fornire cura ottimale “.

Ricerche passate hanno rilevato che tra il 50 e il 70% dei caregivers ha disturbi del sonno, ma i dati utilizzati in quegli studi sono stati auto-segnalati. Pochi ricercatori hanno preso misure oggettive per ottenere un’immagine più accurata della qualità del sonno del caregiver, dice Chang. Lo studio, pubblicato a luglio in Perspectives in Psychiatric Care, ha analizzato il sonno di 43 persone che prestano servizio come caregiver principale per un membro della famiglia affetto da demenza. Tutti i partecipanti avevano più di 50 anni e vivevano nella regione occidentale di New York. Ai partecipanti è stato dato un orologio di actigrafia (un sensore indossato al polso) per misurare il tempo di sonno, l’efficienza e i risvegli nella loro casa per sette giorni. Ai caregiver è stato inoltre richiesto di compilare un diario del sonno per sé e per i loro assistiti e autovalutazioni su depressione, carico di cura, qualità del sonno e igiene del sonno – comportamenti che possono interferire con il sonno, come sonnellini diurni, attività fisica e guardare la televisione prima di dormire..

I ricercatori hanno scoperto che quasi il 92% dei partecipanti ha sperimentato una scarsa qualità del sonno, si è svegliato frequentemente e ha dormito meno di sei ore a notte, sotto il totale raccomandato di sette o otto ore a notte. È stata rilevata una scarsa igiene del sonno per aumentare la latenza del sonno o la quantità di tempo necessaria per addormentarsi. Sebbene i caregivers si siano auto-segnalati prendendo in media 30 minuti per addormentarsi, i dati raccolti dagli orologi di actigrafia hanno mostrato una latenza di sonno più lunga di 40 minuti. I risultati evidenziano il divario tra la percezione soggettiva dei caregivers e le misurazioni oggettive della loro qualità del sonno. Badare ad un anziano con demenza è stressante, soprattutto se il paziente è gravemente colpito dall’agitazione e dai suoi aspetti (ad es. psicosi, allucinazioni, ecc.). Sebbene i farmaci siano disponibili per gestire la situazione, questi aspetti sono frustranti per i caregiver e potrebbero influenzare la loro psiche ad una certa estensione, a cominciare dal loro sonno.

Il dott. Chang conclude: “Capire quanto stiano dormendo i caregivers e le variabili che li riguardano è un primo passo importante verso lo sviluppo di un trattamento personalizzato ed efficace, che aiuterebbe milioni di assistenti sanitari a ricevere il sonno ottimale necessario per proteggere la loro salute e continuare a fornire cure di qualità”.

  • a cura del Dr. Gianfracesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Scott CB et al. Dementia 2018 Jul 25:1471301218788147.

Gossink F, Pijnenburg Y et al. Psychogeriatrics. 2018 Jul 31.

Ohta Y, Yamashita T et al. J Clin Neurosci. 2018 Jul 18.

Boots LM et al. J Med Internet Res. 2018 Jul; 20(7):e10017.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1070 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it