Home RICERCA & SALUTE Sindromi pre-leucemiche: il metabolismo dell'ossigeno è il prossimo bersaglio

Sindromi pre-leucemiche: il metabolismo dell’ossigeno è il prossimo bersaglio

Gli scienziati potrebbero essere sulla strada per risolvere il mistero di un gruppo di malattie del sangue per lo più incurabili chiamate sindromi mielodisplastiche (MDS), che causano l’immaturo, malfunzionamento delle cellule del midollo osseo che alimentano una serie diversificata di problemi di salute e possono portare alla leucemia. L’MDS sta diventando più prevalente con l’età della popolazione, con un’età media di occorrenza a circa 70 anni, secondo i ricercatori. Esistono per lo più terapie di mantenimento farmacologico, che rallentano la trasformazione maligna. L’unica terapia curativa è un trapianto di midollo osseo, ma è appropriato solo in un raro numero di casi, una delle ragioni è che i pazienti più anziani che sviluppano MDS non sono abbastanza sani da tollerare il trapianto di cellule staminali. La MDS è collegata a un numero di mutazioni genetiche diverse e considerata una dei più complessi tumori maligni che colpiscono le cellule staminali ematopoietiche nel midollo osseo, secondo Gang Huang, PhD, un biologo del cancro presso il Cincinnati Children’s Hospital Medical Center. È capo ricercatore di un nuovo studio pubblicato sulla rivista Cancer Discovery, che ha identificato un gene che alimenta i processi biologici alla base di diversi tipi di MDS che i medici vedono nei pazienti.

Il Dr. Huang, un membro delle divisioni di Patologia, Ematologia Sperimentale e Biologia del cancro, commenta: “Sappiamo che i genomi dei pazienti con MDS hanno mutazioni ricorrenti in diversi regolatori trascrizionali, epigenetici e metabolici, ma l’incidenza di queste mutazioni non corrisponde direttamente alla malattia quando si verifica. Il nostro studio dimostra che i malfunzionamenti nella segnalazione di HIF1A, potrebbero generare i diversi problemi medici che i medici vedono nei pazienti con MDS”. HIF-1A (fattore 1 indotto dall’ipossia) è un fattore di trascrizione, una proteina regolatrice che dice ad altri geni cosa fare. HIF-1A svolge un ruolo vitale nel modo in cui le cellule rispondono ai cambiamenti metabolici e all’ossigeno, influenzando la funzione di oltre un migliaio di geni. Ciò include un ruolo vitale nella regolazione delle funzioni biologiche nelle cellule staminali ematopoietiche. Il team ha identificato il ruolo centrale di HIF-1A prima studiando cellule donate da pazienti con MDS. Ciò includeva un’analisi approfondita del trascrittoma delle cellule (un elenco completo delle molecole di RNA messaggero espresse dai geni in un organismo) e dell’epigenoma (la raccolta di sostanze chimiche che aiutano a regolare i geni nelle cellule).

Gli scienziati hanno trovato prove di HIF-1A disregolato nelle cellule dei pazienti. Ciò ha portato a esperimenti in diversi modelli genetici di topo per studiare l’insorgenza di MDS e dei suoi driver genetici e molecolari. Questi test hanno confermato che la disregolazione di HIF-1A ha un ruolo centrale nell’insorgenza, incluse diverse manifestazioni e sintomi riscontrati nei pazienti. Sebbene gli autori sottolineano che sono necessari anni di ulteriori ricerche prima di sapere se i loro risultati diventeranno clinicamente rilevanti, il loro studio fa riferimento a HIF-1A come potenziale bersaglio terapeutico per una malattia che necessita di nuove e migliori opzioni terapeutiche. Hanno determinato questo eliminando geneticamente e chimicamente la segnalazione HIF-1A dai loro modelli di topi genetici di MDS. Gli scienziati riferiscono che l’inibizione di HIF-1A ha invertito un ampio spettro di sintomi di MDS. Huang ha detto che la prossima sfida per i ricercatori è identificare un agente terapeutico specifico per HIF-1A per il trattamento della MDS. Attualmente, la maggior parte degli inibitori molecolari di piccole dimensioni per HIF-1A non distingue da una fattore correlato denominato HIF-2A, che li renderebbe inadatti ai pazienti con MDS.

Fra questi vi sono le antracicline (adriamicina), che a parte i tumori solidi viene usata solamente in qualche forma di leucemia, e gli inibitori della topoisomerasi (topotecano, irinotecano). Ma sono molecole che hanno altri bersagli e nel complesso sono molto tossiche. Prendere di mira HIF-1A nelle cellule tumorali senza causare danni alle cellule normali vicine, richiede dunque ulteriori sforzi.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Huang ZN, Liang H et al. Arch Pharm Res. 2018 Jul 11.

Zheng QQ et al., Chang CK. Leuk Res. 2017 Jul; 58:55-62.

Tong H et al. Leuk Lymphoma. 2012 Dec; 53(12):2412-8.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI