Sclerosi multipla: l’herpes virus non è responsabile ma impedisce il riparo dei danni

Sclerosi multipla: l'herpes virus non è responsabile ma impedisce il riparo dei danni

L’herpesvirus umano 6 (HHV-6) può giocare un ruolo fondamentale nell’impedire la capacità del cervello di riparare se stesso in malattie come la sclerosi multipla. I risultati, che appaiono nella rivista Scientific Reports, possono aiutare a spiegare le differenze nella gravità dei sintomi che molte persone con la malattia sperimentano. Si stima che oltre l’80% delle persone siano state esposte all’HHV6 a un certo punto durante la prima infanzia. L’HHV-6 è l’herpesvirus umano più comune e le infezioni che si verificano durante l’infanzia spesso passano inosservate, ma il virus può causare la roseola, che è caratterizzata da febbre e eruzioni cutanee nei neonati. Un numero molto più piccolo – l’1% delle persone – ha HHV6 congenito in cui una singola copia del virus viene acquisita attraverso lo sperma del padre o l’uovo della madre, e viene trasmessa al bambino in via di sviluppo. Mentre il sistema immunitario combatte le forme più attive dell’infezione, il virus non lascia mai veramente i nostri corpi e può riattivarsi più tardi nella vita. L’herpesvirus 6 realizza questa forma di latenza integrandosi nel nostro codice genetico e quindi nascondendosi nelle cellule e sfuggendo al sistema immunitario.

Uno dei primi studi a dimostrare un’associazione tra infezione HHV-6 latente e disordini demielinizzanti è stato condotto nel 2003 dai ricercatori dell’URMC David Mock, MD, coautore dell’attuale studio, Andrew Goodman, MD, e altri. Hanno notato che il codice genetico HHV6 potrebbe essere trovato nelle cellule cerebrali di individui con forme gravi di sclerosi multipla. I virus sono stati a lungo sospettati di contribuire alla sclerosi multipla, una malattia in cui il sistema immunitario del corpo attacca e distrugge la mielina – il tessuto grasso che isola le connessioni tra le cellule nervose. Tuttavia, mentre lo studio del 2003 indicava che il virus dell’herpes giocava un ruolo nella sclerosi multipla, in seguito è diventato chiaro che il virus non avrebbe innescato la malattia. I ricercatori di Rochester nel documento attuale hanno adottato un nuovo approccio e hanno chiesto invece se il virus potrebbe avere un impatto su una cellula di supporto critica presente nel cervello chiamata cellule progenitrici degli oligodendrociti (OPC). Queste cellule svolgono un ruolo importante nel mantenimento e nella costruzione della mielina nel cervello. Quando la mielina viene persa per malattia, età o lesioni, gli OPC vengono attivati, migrano dove sono necessari e maturano in cellule produttrici di mielina che riparano il danno (neurogenesi).

I ricercatori hanno esaminato l’impatto dell’HHV-6 latente sull’attività degli OPC umani, il che è stato possibile grazie al lavoro di Chris Proschel, un co-autore del manoscritto con esperienza nella generazione di OPC umani. Uno dei modi in cui il virus rimane nascosto nelle cellule è l’espressione di una proteina chiamata U94 che aiuta a mantenere il suo posto nel DNA umano e rimane non rilevata dal sistema immunitario. Studiando cellule umane e trapiantando OPC umani in modelli animali, il team ha scoperto che quando la U94 veniva espressa negli OPC, le cellule smettevano di migrare dove erano necessarie. Ciò che non è ancora completamente compreso è la relazione tra l’estensione dell’infezione virale nel cervello e la gravità di malattie come la sclerosi multipla e altre malattie demielinizzanti come le leucodistrofie e la malattia della sostanza bianca. Ad esempio, il numero di celle infette deve raggiungere una certa soglia prima che venga impedita la funzione OPC? Le persone con HHV6 congenito sono più vulnerabili a forme gravi di queste malattie?

“Mentre l’HHV-6 latente – che può essere trovato nelle cellule in tutto il cervello – è stato associato a disordini demielinizzanti come la sclerosi multipla, non è chiaro quale ruolo, se esiste, funzioni in queste malattie”, ha detto Margot Mayer- Proschel, PhD, professore associato presso l’Università di Rochester Medical Center Department of Biomedical Genetics e co-autore dello studio. “Questi risultati mostrano che, mentre si nasconde dal sistema immunitario, il virus produce una proteina che ha il potenziale per compromettere la normale capacità delle cellule cerebrali di riparare la mielina danneggiata. Sono necessarie ulteriori ricerche per capire con quali meccanismi il virus impedisce la funzione degli OPC e quale impatto ha sulla progressione di queste malattie. Ma è chiaro che l’HHV6, sebbene non sia necessariamente la causa delle malattie demielinizzanti, sta limitando la capacità del cervello di riparare il danno alla mielina, accelerando potenzialmente la progressione di queste malattie”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Pormohammad A et al. J Cell Physiol. 2018 Apr; 233(4):2850-62.

Hogestyn JM et al. Neural Regen Res. 2018 Feb;13(2):211-221.

Hassani A et al., Khan G. PLoS One. 2018 Feb; 13(2):e0192109.

Campbell A et al., Mayer-Pröschel M. Sci Rep. 2017; 7(1):3978. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 967 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.