giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Insufficienza renale acuta: una proteina come futuro primo farmaco?

Una proteina prodotta dal corpo umano sembra essere un promettente nuovo farmaco candidato per il trattamento di condizioni che portano a insufficienza renale acuta. Lo dimostra uno studio condotto all’Università statale di San Paolo (UNESP) a São José do Rio Preto, in Brasile. I risultati dello studio, pubblicati nella rivista Scientific Reports, indicano che la proteina galectin-1 ha proprietà anti-infiammatorie in grado di minimizzare il danno fatto alle cellule renali da ipossia (mancanza di ossigeno) e riperfusione (ripristino del flusso sanguigno dopo ischemia), processi dannosi che sono inerenti ai trapianti e possono causare insufficienza renale. Carla Patrícia Carlos, prima autrice dell’articolo, afferma: “La galectina-1 è già venduta come una proteina ricombinante per studi di laboratorio, anche se non viene utilizzata clinicamente, potrebbe in futuro diventare un’alternativa ai corticosteroidi per il danno da ischemia-riperfusione. Questa proteina riduce i marcatori di infiammazione come le citochine che attivano e modulano la risposta immunitaria, inoltre abbiamo scoperto che riduce la morte cellulare e lo stress ossidativo causato dal danno alle cellule. Il punto chiave è che la galectina-1 agisce riducendo i markers infiammatori e aumentando quelli anti-infiammatori”.

Lo studio è il risultato della sua ricerca post-dottorato con una borsa di studio della Fondazione di ricerca di San Paolo – FAPESP. L’articolo descrive una simulazione della lesione da ischemia-riperfusione nei ratti e nelle cellule in coltura, in cui la galectina-1 precedentemente somministrata ha avuto effetti simili a quelli del corticosteroide desametasone. Ampiamente usato come un antiinfiammatorio e un farmaco immunosoppressore, il desametasone può avere una serie di effetti collaterali significativi, come l’iperglicemia e la tendenza al diabete, dipendenza, vulnerabilità alle infezioni e al cancro e ipercoagulabilità, tra gli altri. Nello studio, il gruppo di ricercatori ha simulato uno stato di ipossia comune nei pazienti sottoposti a una procedura di trapianto di organi, nonostante tutte le cure necessarie. Questo stato si verifica perché quando un organo viene rimosso dal donatore, diventa immediatamente ischemico in quanto perde l’apporto di sangue a causa dell’interruzione del flusso arterioso al tessuto e della mancanza di ossigenazione (ipossia). Quando l’organo viene impiantato nel ricevente e i vasi sanguigni sono ricollegati, il flusso sanguigno viene ripristinato dopo il periodo di ischemia (riperfusione).

Questo duplice processo di ischemia e riperfusione (che non si verifica solo nei trapianti di organi) causa lesioni tissutali che possono portare a insufficienza renale. La lesione tessutale che si verifica durante l’ischemia-riperfusione è spesso irreversibile e può portare al rigetto dell’organo trapiantato dall’organismo del ricevente. Questo è il motivo per cui il tempo è essenziale in un trapianto. Più velocemente l’organo raggiunge il ricevente, minore è il danno causato dall’ipossia e l’infiammazione meno grave. È estremamente importante trovare alternative che riducano l’infiammazione, come la galectina-1. Il potenziale antinfiammatorio della galectina-1 è in fase di studio in relazione a patologie che colpiscono altri organi. Un gruppo di ricerca guidato da Sonia Oliani, Professore ordinario presso l’Istituto di Bioscienze e Scienze esatte dell’Università di São Paulo (IBILCE-UNESP), e tra cui Cristiane Gil, professore presso l’Università Federale di San Paolo (UNIFESP), ha anche studiato gli effetti della galectina-1 su uveite, congiuntivite e dermatite. Ritornando alla ricerca sull’azione protettiva della galectina-1 contro l’insufficienza renale, per confrontarla con quella dei corticosteroidi, il gruppo ha eseguito test in vivo con ratti.

Gli animali hanno ricevuto una soluzione endovenosa di galectina-1 e dopo 30 minuti sono stati sottoposti a una sfida di ischemia-riperfusione al rene. In parallelo test in vitro, le cellule epiteliali tubulari renali prossimali umane immerse in una soluzione con galectina-1 sono state sottoposte alla stessa sfida. Il Dr. Oliani ha spiegato: “Lo scopo di questa ricerca era di proteggere i pazienti dal danno renale da ischemia-riperfusione, ma sembra che la proteina possa essere usata anche come agente antinfiammatorio in altre situazioni o organi. Su questa possibilità, ciò che abbiamo visto nel modello animale è stato confermato nella coltura cellulare: il rilascio di fattori infiammatori è ridotto e questo migliora la vitalità cellulare. Anche se la galectina-1 non protegge completamente i tessuti, attualmente nessun farmaco lo fa. La proteina migliora alcuni aspetti importanti della lesione e la nostra ricerca indica un percorso importante per il lavoro futuro. L’azione protettiva della proteina è stata testata, così ora possiamo investigare la sua azione sull’insufficienza renale cronica e vedere come il rene reagisce nel lungo periodo termine”.

Una speranza futura per tutti i pazienti che vedono la dialisi come l’ultima spiaggia a cui approdare.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Mello-Bosnic C et al. Eur J Pharmacol. 2018 Aug 15;833:124-130.

Carlos CP et al., Oliani SM. Sci Rep. 2018 Jun 22; 8(1):9568.

Mello CB et al. Invest Ophthalmol Vis Sci. 2015 Jan 8;56(2):693-704.

Zanon Cde F et al., Oliani SM. Mol Vis. 2015 Sep; 21:1036-50.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Grasso tessuto morto? No, vivo, vegeto e “in orario” con le scadenze

Le cellule specializzate nel tessuto adiposo chiamate adipociti immagazzinano le calorie in eccesso come trigliceridi, un tipo di lipidi. Gli adipociti analizzano i trigliceridi...

Diabetes therapy: the weaponry enlarges with possibilities

A new class of drugs for diabetes and for obesity dependent on it will soon be available. This is judged by the findings of...

Diabete tipo 1: biotecnologie e microchip diagnostici in arrivo

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune permanente che colpisce circa 542.000 bambini in tutto il mondo, con anche un numero crescente...

Questo si chiuderà in 20 secondi