giovedì, Luglio 18, 2024

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...

Disperati per la calvizie? Il capello “indossa il sandalo” e mette fine al “calvario”

Una sostanza chimica che imita l’odore del legno di sandalo sembra avere la capacità di stimolare la crescita dei capelli negli esseri umani. Questo porta speranza per le persone che perdono i capelli in tutto il mondo. I ricercatori del Monasterium Laboratory, Münster, hanno espresso la speranza che questa nuova sostanza chimica possa trattare efficacemente la perdita di capelli e stia provando il farmaco per la sua efficacia sui volontari umani. Il professor Ralf Paus, uno scienziato dell’Università di Manchester, che ha condotto la ricerca, ha definito questo “risultato sorprendente”. Ha detto che questo odorante ampiamente utilizzato che viene utilizzato in moltitudine di prodotti estetici, è stato visto per la prima volta per rimodellare un “normale mini-organo umano, un capello”. Il team ha scoperto che c’era una via chimica nei follicoli piliferi che era interessata da questa sostanza chimica. Questo ha promosso la crescita dei capelli e ha anche rallentato la morte dei follicoli. La sostanza chimica in questione si chiama Sandalore, usata per produrre profumi e saponi per ricreare l’odore del sandalo. Il team ha notato che questa sostanza chimica odorizzante stimola cellule speciali all’interno del naso; oltre ai passaggi nasali, stimola anche altre cellule del corpo come i follicoli piliferi. I risultati dello studio sono stati pubblicati sull’ultimo numero della rivista Nature Communications.

I ricercatori hanno notato che esiste un recettore chiamato OR2AT4 che può essere stimolato da Sandalore. Questo recettore è stato trovato negli strati più esterni dei follicoli piliferi. Spiegano che i recettori del follicolo pilifero sono in grado di “annusare” la sostanza chimica utilizzando i loro speciali recettori. Quando applicato sui tessuti del cuoio capelluto esterno, Sandalore può ridurre la caduta dei capelli o la morte follicolare e stimolare la crescita di nuovi capelli. I risultati sono stati clinicamente significativi dicono i ricercatori. I recettori olfattivi (OR) fanno parte di un sistema di segnalazione chemosensoriale evolutivamente antico che precede di molto lo sviluppo della sensazione olfattiva (olfatto). L’espressione OR non è limitata all’epitelio nasale, ma è anche presente in molti altri tessuti umani, compresi gli spermatozoi. È interessante notare che diversi OR sono anche espressi nell’epidermide umana, tra cui OR2AT4, la cui attivazione selettiva da parte del Sandalo sintetico favorisce la migrazione e la proliferazione dei cheratinociti umani in vitro e la chiusura delle ferite ex vivo. Forse i dati di studio più interessanti, suggeriscono che la segnalazione mediata da OR2AT4 è necessaria per mantenere i follicoli del cuoio capelluto umano in anagen (fase di crescita) e per sopprimere la morte dei cheratinociti nella matrice dei capelli (fase catagen).

Ciò solleva la domanda: quali sono i ligandi di OR2AT4 nel follicolo prodotti dal corpo umano? I ligandi endogeni per gli OR umani rimangono da chiarire definitivamente e quelli per OR2AT4 sono sconosciuti. Gli scienziati ipotizzano che gli acidi grassi a catena corta (es. acido butirrico, acido valerico) possano funzionare come attivatori parziali di questo recettore, sebbene non abbiano ancora prove. Per questo studio, i tessuti del cuoio capelluto sono stati presi da pazienti sottoposti a un intervento chirurgico di lifting del viso. I tessuti sono stati esposti a Sandalore o al Phenirat, un odorante sintetico che imita l’odore di rose. Phenirat è noto per essere un antagonista del OR2AT4. Ma nei tessuti esposti a Sandalore, entro 6 giorni è stata osservata la crescita dei capelli. Il team ha dimostrato anche le vie di segnalazione dietro l’attivazione del recettore. Esse portano all’espressione del fattore di crescita insulino-simile (IGF-1), un fattore di crescita coinvolto nella riparazione della pelle, nella resistenza ossea e nella conservazione muscolare. Questo studio è stato sponsorizzato dall’azienda italiana Giuliani Pharma S.p.A., che fornisce a Sandalore un prodotto cosmetico per stimolare i capelli.  Il Dr. Paus ha spiegato che questo è stato seguito da uno studio pilota clinico molto piccolo, breve e preliminare, con appena 20 donne volontarie a cui è stato somministrato Sandalore per essere applicato sul loro cuoio capelluto.

Si prevede che i maggiori studi clinici inizieranno il prossimo anno.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Cheret J et al., Paus R. Nat Commun. 2018 Sep 18; 9(1):3624. 

Latest

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...

Le connessioni fra tabagismo, sindrome metabolica e declino cognitivo

La sindrome metabolica (SIME) è un grave problema di...

Newsletter

Don't miss

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...

Le connessioni fra tabagismo, sindrome metabolica e declino cognitivo

La sindrome metabolica (SIME) è un grave problema di...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Esercizio fisico di sera: se è eccessivo non va bene per il sonno

L'esercizio fisico regolare ha piccoli effetti benefici sul tempo totale di sonno e sull'efficienza del sonno, effetti benefici da piccoli a medi sulla latenza...

La vitamina B3 nella cura di Alzheimer, Parkinson e congeneri: cosa ha scoperto la scienza?

Si è stimato che nel 2020 quasi sei milioni di persone vivevano con il morbo di Alzheimer solo negli Stati Uniti; e si prevede...

Acidi grassi “nitro”: palestrati calmatevi, servono solo per le infiammazioni

Fu nel 1999 che apparve il primo articolo a dimostrare che gli acidi grassi nitrati erano presenti nelle membrane cellulari dei tessuti umani, a...

Questo si chiuderà in 20 secondi