giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Fibromialgia: l’infiammazione ed il dolore sono dentro il cervello

La fibromialgia si presenta spesso con dolore cronico in molte parti del corpo, disturbi del sonno, stanchezza persistente e problemi cognitivi che coinvolgono il pensiero e la memoria. Circa 4 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di questa malattia, riferiscono i Centers for Disease Control and Prevention. Oggi, circa 200.000 svedesi, soprattutto donne, soffrono di fibromialgia. È noto che il cervello delle persone con questa condizione ha una capacità ridotta di smorzare i segnali del dolore, il che significa che le cose normalmente indolori causano un notevole disagio. Uno studio precedente dei ricercatori del Karolinska Institutet ha trovato indicazioni sul fatto che l’infiammazione del sistema nervoso potrebbe avere un ruolo nella fibromialgia, trovando anche alte concentrazioni di proteine ​​infiammatorie nel liquido cerebrospinale. Nel 2012, il gruppo di ricerca di Eva Kosek al Karolinska Institutet ha mostrato che i pazienti con fibromialgia avevano livelli elevati di alcune sostanze infiammatorie (citochine) nel liquido cerebrospinale, suggerendo l’infiammazione del sistema nervoso centrale.

Le loro scoperte sono state successivamente corroborate da altri ricercatori, ma la fonte dell’infiammazione è rimasta sconosciuta. Allo stesso modo, la precedente ricerca del team MGH nel 2015 ha documentato con successo la presenza di infiammazione neurale, e in particolare l’attivazione delle cellule gliali, in pazienti che lamentavano mal di schiena cronico, utilizzando una combinazione di risonanza magnetica e PET. Il presente studio era basato sull’ipotesi che questo risultato potesse essere replicato nella fibromialgia. Utilizzando la moderna PET (tomografia a emissione di positroni), il team di Eva Kosek è ora in grado di dimostrare che le cellule immunitarie del sistema nervoso centrale, chiamate cellule gliali, sono attivato e quindi dare origine a infiammazione del cervello. I risultati mostrano che in pazienti svedesi e americani con fibromialgia, le cellule gliali sono attivate in ampie parti della corteccia cerebrale e che il grado di attivazione era correlato a quanto si sentiva stanco il paziente. Lo studio attuale ha valutato per la prima volta i sintomi della fibromialgia in pazienti che utilizzavano un questionario.

È stato quindi utilizzato un tracciante PET, cioè un marcatore radioattivo che lega una specifica proteina chiamata proteina translocator (TSPO) che è espressa a livelli molto più alti del normale nelle cellule gliali attivate, vale a dire astrociti e microglia. Il braccio MGH dello studio ha incluso 20 pazienti con fibromialgia e 11 controlli, mentre i ricercatori di Karolinska hanno arruolato 11 pazienti e 11 controlli. Tuttavia, lo studio Karolinska ha utilizzato non solo il tracciante PET che si lega alla TSPO ma un tracciante di seconda fase che è più specifico per gli astrociti. Questo secondo tracciante è stato utilizzato in 11 pazienti, di cui sei avevano imaging con TSPO e cinque no, insieme a 11 controlli. In entrambi i centri, l’attivazione gliale è risultata presente a livelli significativamente più elevati in più aree del cervello in pazienti con fibromialgia rispetto ai controlli. L’attivazione delle cellule gliali provoca la liberazione di sostanze chimiche infiammatorie che fanno sì che i percorsi del dolore siano più sensibili al dolore e favoriscano la fatica.

Se confrontato con il precedente studio sul dolore alla schiena, le elevazioni della TSPO si sono verificate in molte più regioni del cervello nella fibromialgia, probabilmente a causa di maggiori variazioni dei sintomi in questa condizione. Un’area che mostra un legame TSPO più elevato in proporzione diretta al livello di fatica auto-riferito era il giro del cingolo, un’area del cervello collegata all’elaborazione emotiva. Ricerche precedenti hanno riportato che quest’area è infiammata nella sindrome da stanchezza cronica. Il secondo tracciante di legame astrocitario non mostrava differenze importanti tra pazienti e controlli, indicando che la microglia piuttosto che gli astrociti erano responsabili dell’infiammazione osservata nel cervello nella fibromialgia. “I risultati aprono la strada allo sviluppo di terapie completamente nuove per questa condizione attualmente difficile da trattare”, afferma la professoressa Kosek. “Il fatto che la ricerca scientifica sia in grado di dimostrare aberrazioni oggettive nel cervello delle persone con fibromialgia, si spera che attenui il sospetto con cui i pazienti sono spesso trattati dai servizi sanitari e dalla società”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Albrecht DS et al., Loggia ML. Brain Behav Immun. 2018 Sep 14.

Stensson N et al., Kosek E, Gerdle B, Ghafouri B. J Pain 2018 Jun 7.

Ernberg M et al., Kosek E. Mediators Inflamm. 2018 Apr; 2018:3985154. 

Tour J, Löfgren M et al., KosekE. Pain 2017 Jul; 158(7):1194-1203.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Rabdomiosarcoma: a caccia del veleno giusto per la mutazione e il suo RNA

Il rabdomiosarcoma (RMS) è un tumore raro del muscolo scheletrico che colpisce principalmente i pazienti pediatrici. Dopo la diagnosi, circa 3 pazienti su 4...

Perchè la ricerca sul Parkinson sta puntando tutto l’interesse sul microbiota intestinale?

Secondo i dati dell’OMS, la prevalenza globale del morbo di Parkinson è raddoppiata negli ultimi 25 anni e, secondo le stime più recenti, la...

Dal caffè un componente che potrebbe giovare al diabete

La dieta e l'esercizio fisico possono ritardare o prevenire lo sviluppo del diabete mellito di tipo 2 (T2D) e l'elevato consumo abituale di caffè...

Questo si chiuderà in 20 secondi