Degenerazione maculare: il fattore trasformante diventa bersaglio di cura

La degenerazione maculare legata all’età (AMD) è una delle principali cause di cecità irreversibile tra le popolazioni anziane nei paesi sviluppati e può essere classificata come secca o umida in base alla sua progressione. L’AMD umida, che è caratterizzata da angiogenesi sulla membrana coroidale, è insolitamente vista ma più grave. Controllare o inibire completamente i fattori che contribuiscono alla progressione degli eventi che portano all’angiogenesi può essere una strategia efficace per il trattamento di questa condizione. Una via di segnalazione controllata dal fattore di crescita trasformante beta (TGF-beta) potrebbe essere coinvolta nella progressione della maculopatia. Gli scienziati sanno da anni che le persone con determinate variazioni nei geni nella via del TGF-beta possono essere più a rischio di AMD avanzata, il che suggerisce che il TGF-beta potrebbe contribuire alla progressione della malattia. I ricercatori del National Eye Institute (NEI), parte del National Institutes of Health, hanno scoperto che l’interruzione dei segnali del TGF-beta alle cellule immunitarie chiamate microglia induce le cellule a entrare in uno stato infiammatorio attivato. Queste microglia attivate danneggiano la retina, il tessuto sensibile alla luce nella parte posteriore dell’occhio. Questo danno è simile agli effetti cellulari osservati nell’AMD, una causa comune di perdita della vista tra gli americani più anziani.

In una retina sana, i neuroni rilasciano continuamente una varietà di molecole di segnalazione, tra cui il TGF-beta, che comunica alle cellule vicine che tutto va bene o, al contrario, lascia che quelle cellule sappiano se qualcosa non va. Quando le microglia percepiscono i livelli normali di queste molecole, adottano una forma ramificata connessa e mantenendo la salute dei loro neuroni vicini. Ma quando i segnali cambiano, la microglia può entrare in uno stato attivato, dove si spostano in siti di lesioni per rimuovere le cellule danneggiate o morte. Wai Wong, MD, PhD, capo della sezione NEI sulle interazioni neurone-glia nella patologia retinica, ha condotto lo studio e ha spiegato: “La comunicazione tra neuroni e microglia nella retina continua tutto il tempo.I neuroni dicono alla microglia come comportarsi e come essere di servizio al resto della retina. Volevamo sapere se c’era un legame tra questo rischio genetico che coinvolge TGF-beta e microglia retina anormale, che si trovano spesso in AMD”. Il Dr Wong e il suo team hanno iniziato questa indagine generando topi geneticamente modificati in cui i ricercatori hanno interrotto il recettore TGF-beta nelle cellule microgliali. Quando le cellule hanno smesso di rilevare il TGF-beta, hanno immediatamente cambiato forma, si sono spostate in posizioni errate e hanno iniziato a duplicarsi.

Le microglia diminuivano anche la loro espressione del loro “sensoma”, una raccolta di proteine ​​che le microglia usano per percepire il loro ambiente. Invece, hanno iniziato a esprimere le proteine ​​utilizzate nel loro stato attivato. Mentre le microglia sono fondamentali per il mantenimento di neuroni sani, l’attività TGF-beta diminuisce la microglia in una modalità infiammatoria, che è peggio che non avere alcuna microglia. L’attivazione della microglia e la corrispondente perdita del supporto microgliale delle cellule retiniche hanno effetti a cascata sulla retina. Nei loro topi, il team ha scoperto che un altro tipo di cellule di supporto retinico, chiamato glia di Müller, ha iniziato a mostrare segni di “distress”, mentre i neuroni della retina hanno iniziato a degenerare e morire. Inoltre, la microglia anormale ha esacerbato drasticamente la crescita di nuovi vasi sanguigni in un modello di AMD. Tutti questi cambiamenti patologici sono simili a quelli che avvengono nella progressione verso l’AMD tardiva, indicando che la microglia e la segnalazione del TGF-beta possono aiutare a guidare la progressione della malattia negli esseri umani. Gli scienziati non credono che i segnali del TGF-beta siano completamente assenti in AMD. Invece, piccoli cambiamenti nella forza del segnale TGF-beta potrebbero disturbare il fine equilibrio nel segnalare che le cellule immunitarie come la microglia richiedono una funzione ottimale.

Secondo il Dr. Wong, uno squilibrio di questi segnali nel tempo può portare a una lenta progressione verso la malattia. Il TGF-beta può rappresentare un importante bersaglio terapeutico per il trattamento dell’AMD. La via del TGF-beta può essere uno dei pulsanti sulle cellule immunitarie che è possibile modificare, al fine di spostare il sistema immunitario nella retina in un modo o nell’altro, in modi che sono benefici per l’esito della malattia.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wang K et al. Acta Biochim Biophys Sin. 2019 Jan; 51(1):1-8.

Todd L et al., Fischer AJ. Glia 2017 Oct; 65(10):1640-1655.

Tappeiner C et al. PLoS One 2016 Nov 23; 11(11):e0167073.

Bu SC et al. Invest Ophthalmol Vis Sci. 2015; 56(11):6506-14. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1365 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it