martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Chirurgia anca e ginocchio: la qualità e la durata delle protesi a confronto

Le protesi dell’anca e del ginocchio sono due delle forme più comuni ed efficaci di chirurgia. Tuttavia, anche negli scenari migliori, alla fine falliranno a causa di processi quali infezione, frattura, normale usura e reazione all’usura delle particelle. In molti di questi casi, i pazienti richiedono un intervento chirurgico di revisione più incline al fallimento, associato a una funzione più scadente e più costoso rispetto alla chirurgia primaria. Sapere per quanto tempo un sostituto dell’anca o del ginocchio è destinato a durare è quindi la chiave per i pazienti, i chirurghi ortopedici e i commissari al momento di decidere se la chirurgia debba essere eseguita e quando. Ciò diventerà sempre più rilevante per un maggior numero di persone, data la maggiore aspettativa di vita di una popolazione in crescita. Una protesi d’anca consiste principalmente di due componenti, una che sostituisce la palla e un’altra che sostituisce la presa. C’è una variazione nel modo in cui queste parti sono fissate all’osso, così come nei materiali utilizzati per creare la superficie del cuscinetto (contatto).

Ci sono due tipi principali di sostituzione del ginocchio usati nel Regno Unito. Un ginocchio totale (TKR) sostituisce tutta la superficie articolare del paziente mentre una sostituzione del ginocchio unicondilare (UKR) sostituisce solo la parte danneggiata del ginocchio. Vi è una considerevole variazione nella durata della durata dei diversi modelli di protesi del ginocchio e dell’anca, e questi fattori sono stati considerati nello studio di Bristol. Dopo aver esaminato migliaia di casi di studio risalenti a 25 anni in sei paesi, i dati di sopravvivenza generalizzabili sono ora disponibili per la prima volta per stimare la durata della protesi di anca e ginocchio. I risultati dei ricercatori, finanziati dal National Joint Registry, dall’Unità di Ricerca Muscolo-scheletrica dell’Università di Bristol sono stati pubblicati su The Lancet. Questi risultati mostrano che otto su dieci rimpiazzi totali di ginocchio e sei su dieci rimpiazzi d’anca totali saranno ancora in vigore dopo 25 anni.

Sono state esaminate in totale 150 serie di casi relative a protesi d’anca e 33 relative a protesi di ginocchio, nonché sei Registri Nazionali di Sostituzione Articolare (grandi banche dati di tutti i pazienti che hanno avuto una sostituzione dell’articolazione) da Australia, Danimarca, Finlandia, Nuova Zelanda, Norvegia e Svezia – paesi che hanno dati di valore superiore a 15 anni. Ciò ha comportato la segnalazione di 215.676 persone i cui casi sono stati seguiti per 15 anni dopo aver subito protesi totali d’anca; 74.052 che sono stati seguiti per 20 anni; e 51.359 che sono stati seguiti per 25 anni. Delle sostituzioni totali dell’anca, l’89% è stato trovato per durare 15 anni, il 70% è durato 20 anni e il 58% è durato 25 anni. Con le sostituzioni totali del ginocchio, i risultati di 15 anni hanno riguardato 299.221 persone che hanno avuto protesi totali del ginocchio (TKR) e 7.714 che hanno avuto protesi al ginocchio unicondilare o parziale (UKR); i risultati a 20 anni erano relativi a 88.532 TKR e 3.935 UKR; mentre i dati a 25 anni erano relativi a 76.651 TKR e 3.935 UKR.

Il 93% delle protesi totali di ginocchio (TKR) e il 77% delle protesi di ginocchio unicondilare (UKR) sono risultati in 15 anni. Il novanta per cento delle protesi totali del ginocchio e il 72% delle protesi al ginocchio unicondilare sono state trovate per una durata di 20 anni. L’ottantadue per cento dei TKR e il 70% delle UKR sono stati visti per una durata di 25 anni. Il principale autore, Dr. Jonathan Evans, membro nazionale di ricerca per il Registro Congiunto e ricercatore clinico presso la Bristol Medical School; Translational Health Sciences (THS), con sede presso il Southmead Hospital, ha dichiarato: “Dal 2003 sono stati effettuati oltre due milioni di protesi di anca e ginocchio nel Regno Unito e i pazienti spesso chiedono ai medici quanto tempo dureranno la loro sostituzione dell’anca o del ginocchio, ma fino ad ora gli studi precedenti sono stati basati su campioni molto più piccoli, ma nel migliore dei casi il NHS è stato in grado di dire quanto a lungo i rimpiazzi sono destinati a durare, piuttosto che riferirsi a prove reali da esperienze di sostituzione di articolazioni di più pazienti. Dato il miglioramento della tecnologia e delle tecniche ortopediche negli ultimi 25 anni, ci aspettiamo che gli impianti inseriti oggi possano durare anche di più”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Brown MC et al. J Am Acad Orthop Surg. 2019 Feb 12.

Merola M, Affatato S. Materials (Basel). 2019 Feb 5; 12(3). 

Prommik P et al. Märtson A. Acta Orthop. 2019 Jan 23:1-9. 

Manson TT et al. J Orthop Trauma. 2016 Sep; 30(9):457-62. 

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Digitalizzazione e salute mentale: cosa è cambiato e cosa rischia di aggravarsi?

I tassi di prevalenza di depressione e ansia stanno aumentando in tutto il mondo, soprattutto dopo lo scoppio pandemia da coronavirus SARS-CoV2, l'agente patogeno...

Gli effetti della metformina sulla pressione arteriosa: sono clinicamente validi o consistenti nella vita reale?

Il diabete di tipo 2 è associato a malattie cardiovascolari, con diversi farmaci antidiabetici che hanno effetti benefici sulla salute cardiometabolica. La metformina è...

Anemia di Fanconi: un approccio innovativo batte la terapia genica?

Ricercatori pediatrici che studiano la malattia potenzialmente fatale anemia di Fanconi (FA), hanno escogitato un metodo per bloccare i segnali biologici anormali che guidano...

Questo si chiuderà in 20 secondi