SLA: si indaga il colesterolo come possibile fattore di rischio

Nuovo gene per la SLA: studio internazionale vede partecipe anche l'Italia

La sclerosi laterale amiotrofica (SLA) o malattia del motoneurone (MND) è una malattia neurodegenerativa fatale per la quale non esiste una cura. La condizione colpisce il cervello e i nervi, con sintomi precoci tra cui debolezza, linguaggio confuso, difficoltà a deglutire cibo, crampi muscolari e contrazioni. Alcune persone sperimentano anche cambiamenti nel loro modo di pensare e di comportarsi. È più probabile che la condizione colpisca persone sopra i 50 anni e la maggior parte dei pazienti soccombe alla malattia entro due o cinque anni dall’esordio dei sintomi. Colpisce fino a 5.000 adulti nel Regno Unito in qualsiasi momento e la prevalenza globale è prevista quasi raddoppiare entro il 2040, principalmente a causa dell’invecchiamento della popolazione globale. Entrambi i fattori genetici e ambientali contribuiscono alla patogenesi della SLA. Diversi geni patogeni sono stati identificati come associati alla SLA familiare e alla SLA sporadica. I geni familiari associati alla SLA includono SOD1, FUS, ANG e OPTN, ciascuno dei quali individua rispettivamente il 20, il 5-10, il 5 e l’1% dei casi familiari di SLA.

I lipidi sono la principale fonte di energia per i muscoli e l’alterazione dell’energia muscolare è frequentemente osservata nei pazienti SLA. In particolare, i pazienti affetti da SLA soffrono di alta prevalenza di malnutrizione, aumento del dispendio energetico a riposo e perdita di peso, tutti fattori che influenzano la qualità della vita dei pazienti affetti da SLA. Precedenti studi osservazionali hanno dimostrato che i pazienti affetti da SLA presentano spesso anche dislipidemia. Tuttavia, la relazione tra dislipidemia e SLA è diventata controversa negli ultimi anni. Nello specifico, sono stati riportati risultati contrastanti per i livelli sierici dei lipidi sierici, la causa della dislipidemia e la relazione tra i livelli sierici dei lipidi e la progressione della malattia della SLA. I risultati contrastanti sulla relazione tra livelli lipidici e ALS possono essere in parte dovuti alle dimensioni relativamente piccole del campione impiegate in studi precedenti e in parte a causa di fattori di confondimento incontrollati che sono inevitabili negli studi osservazionali.

Il colesterolo alto è stato trovato come un possibile fattore di rischio per lo sviluppo della SLA, secondo un ampio studio di dati genetici condotto nel Regno Unito dalla Queen Mary University di Londra, in collaborazione con il National Institutes of Health negli Stati Uniti. I risultati suggeriscono che i farmaci che abbassano il colesterolo, come le statine, potrebbero essere utilizzati per prevenire l’insorgenza di MND, se confermati in studi clinici. Pubblicato nella rivista Annals of Neurology, il team ha cercato set di dati genetici di circa 25 milioni di persone (tra cui oltre 337.000 persone della Biobank del Regno Unito) per trovare i fattori di rischio per lo sviluppo della SLA. Mentre i set di dati non contenevano dati sui livelli effettivi di colesterolo degli individui, il team ha studiato i markers genetici che sono collegati ai livelli di colesterolo, e sono più propensi a suggerire un nesso causale con il rischio di MND piuttosto che semplici associazioni, che sono solitamente riportate da osservazionale studi. Una prova di controllo randomizzato sarebbe la prova definitiva per confermare qualsiasi legame causale e la capacità delle statine di prevenire la MND.

Oltre all’effetto causale del colesterolo alto, hanno anche trovato associazioni genetiche con il comportamento del fumo e bassi livelli di rendimento scolastico e un aumentato rischio di SLA. Mentre bassi livelli di esercizio fisico erano associati ad un effetto protettivo, un esercizio più aggressivo era associato ad un aumento del rischio. Tuttavia, di questi risultati, solo il colesterolo alto è emerso come un chiaro fattore modificabile. Il Dr. Alastair Noyce della Queen Mary University di Londra ha dichiarato: “Questo è il più grande studio fino ad oggi alla ricerca di fattori di rischio causali per la malattia del motoneurone e abbiamo visto che livelli più alti di colesterolo LDL erano causalmente legati a un maggior rischio di malattia. abbiamo farmaci consolidati che possono abbassare il colesterolo e dovremmo esaminare se potrebbero proteggere da questa terribile malattia, che attualmente non ha alcuna cura. I prossimi passi includeranno lo studio se abbassare i livelli di colesterolo potrebbe avere un effetto protettivo contro la MND e potenzialmente valutare l’uso di farmaci modificanti il ​​colesterolo nelle persone a rischio di MND”.

Per avere più dati sulla questione, gli scienziati del Dipartimento di Biostatistica, Centro per la Genetica Statistica, Università del Michigan, hanno eseguito uno studio di randomizzazione mendeliana di dati a due campioni, per studiare approfonditamente la relazione causale tra i livelli lipidici e la SLA sporadica. L’obiettivo principale dello studio era di indagare se l’HDL, il colesterolo totale o i trigliceridi LDL (TG) avessero qualche effetto causale sulla SLA; e se tale relazione causale si presentasse sia nella popolazione europea che quella orientale. Tra i quattro lipidi, i ricercatori hanno notato che solo la LDL è causalmente associata alla SLA e che un più alto livello di LDL aumenta il rischio di SLA sia nella popolazione europea che in quella orientale. Tuttavia, il colesterolo LDL è un fattore di rischio modificabile i cui livelli possono essere ridotti attraverso varie strategie. Ad esempio, i cambiamenti nella dieta come l’aumento del consumo di fibre, l’aumento del consumo di fitosterolo, restrizioni nelle diete ad alto contenuto di carboidrati e l’aumento del consumo di noci possono portare a una riduzione dei livelli di colesterolo LDL.

Questi studi forniscono importanti prove a sostegno del ruolo causale di una più alta LDL sull’aumento del rischio di SLA, aprendo la strada allo sviluppo di strategie preventive per ridurre il carico di malattia della SLA in più nazioni. Perciò o le statine da sole, o una corretta alimentazione a tavola appropriata o una combinazione di queste due, possono essere delle valide opzioni di tipo preventivo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Zeng P, Zhou X. Hum Mol Genet. 2019 Feb 15; 28(4):688. 

Bandres-Ciga S, Noyce AJ et al. Ann Neurol. 2019 Feb 5.

Chen X et al., Fang F. Neurobiol Aging. 2018 Jul; 67:e1-e6. 

Delaye JB, Patin F et al. J Neurol Sci. 2017; 380:124-127. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1716 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it