venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Sclerodermìa: il ruolo centrale degli ormoni femminili, anche nell’uomo

L’estrogeno è l’ormone femminile per eccellenza. È sorprendente, quindi, che uno studio dell’Università Medica della Carolina del Sud (MUSC) abbia rilevato che il principale estrogeno, l’estradiolo, era più abbondante negli uomini anziani con sclerodermia rispetto alle donne in post-menopausa con la malattia. Il team MUSC riporta i risultati del loro studio, finanziato dal National Institutes of Health, nella rivista Arthritis Research & Therapy. Il team ha anche scoperto che gli uomini con sclerodermia e livelli più elevati di estradiolo avevano una malattia più grave e un coinvolgimento cardiaco. Quelli con l’autoanticorpo Scl-70 e livelli più alti di estradiolo avevano un maggior rischio di morte. Nella sclerodermia, il corpo produce troppo tessuto connettivo. Questo provoca ispessimento della pelle e degli organi interni e, in definitiva, danni agli organi. Le donne sono tre volte più probabili, e le donne nei loro anni fertili nove volte più probabili, per avere la malattia rispetto agli uomini.

Gli uomini, tuttavia, hanno una malattia più grave. Lo scleroderma si sviluppa nelle donne durante i loro anni fertili, quando i livelli di estrogeni sono al massimo. Ciò ha portato i ricercatori a ipotizzare che gli estrogeni possano avere un ruolo nella malattia e in altre malattie autoimmuni. Tipicamente, le malattie sono più frequenti, ma è un fattore importante. Ne è un caso emblematico il lupus eritematoso, secondo il quale l’estradiolo è un fattore favorente delle malattie. Un ulteriore stimolo alla speculazione è stato il risultato di studi di terapia ormonale sostitutiva che la pelle delle donne si è ispessita durante la terapia e poi è tornata alla normalità dopo il completamento del trattamento. Gli scienziati hanno sempre capito che le donne erano più predisposte a contrarre malattie autoimmuni. Hanno sempre pensato che l’estrogeno avesse un ruolo, ma avevano bisogno di ulteriori ricerche per identificare le associazioni tra elevati livelli di estrogeni e aspetti clinici dello scleroderma.

Carol Feghali-Bostwick, PhD, presidentessa dello Scleroderma Research al MUSC ha precedentemente riferito che un ispessimento simile si è verificato in colture cutanee esposte a estradiolo. Ha spiegato: “Sembra ragionevole affermare che l’estradiolo è probabilmente uno dei motivi per cui gli uomini hanno uno scleroderma più grave, ed èstato emozionante vedere che probabilmente gli estrogeni svolgono un ruolo nei risultati della malattia o forse nello sviluppo di malattie autoimmuni”. Le recenti scoperte del team MUSC forniscono alcune delle prime prove per confermare un legame tra alti livelli di estrogeni e lo sviluppo disclerodermia. Cominciano anche a spiegare perché gli uomini, nei quali la malattia è meno frequente, hanno spesso sintomi più gravi. Il team aveva precedentemente dimostrato che le donne in menopausa con scleroderma hanno livelli elevati di estradiolo.

Per vedere se questi livelli erano alti anche negli uomini della stessa età, hanno analizzato campioni di siero accumulati presso l’Università di Pittsburgh Scleroderma Center. Il team ha testato i livelli di autoanticorpi di estradiolo e sclerodermia in campioni di 83 uomini di età pari o superiore a 50 anni con sclerosi sistemicacutanea diffusa, un tipo di sclerodermia. Hanno anche testato campioni di 37 uomini sani di età simile. Hanno quindi utilizzato una varietà di approccistatistici e le annotazioni cliniche attente che accompagnano ciascun campione per determinare se i livelli di estradiolo fossero collegati a uno qualsiasidei tratti clinici dello scleroderma. I pazienti maschi con scleroderma diffuso presentavano livelli significativamente più alti di estradiolo (media 30,6 pg / mL) rispetto a uomini sani (in media, 12,9 pg / mL) e donne in postmenopausa con la malattia (24,2 pg / mL).

 Quelli con livelli di estradiolo più elevati (media, 43,7 pg / mL) avevano un coinvolgimento cardiaco significativamente maggiore rispetto a quelli con livelli più bassi (29,4 pg / mL). Infine, per i pazienti con l’autoanticorpo per la proteina Scl-70, l’aumento dei livelli di estradiolo nel siero è stato associato a un rischio maggiore di morte. Ma come è possibile che gli uomini abbiano livelli così alti di ormoni associati al sistema riproduttivo femminile? Bene, gli uomini possono convertire il loro testosterone in estrogeno attraverso un enzima chiamato aromatasi. Gli estrogeni non sono formati esclusivamente in organi riproduttivi; qualche altro tessuto può fare lo stesso. L’aromatasi del tessuto adiposo può anche convertire il grasso in estrogeni nelle donne. Prevenire tale conversione potrebbe essere un nuovo approccio terapeutico allo scleroderma. Gli inibitori dell’aromatasi sono già in uso per trattare le donne in postmenopausa con carcinoma mammario positivo al recettore ormonale.

Il team MUSC vorrebbe condurre una piccola sperimentazione per valutare l’efficacia degli inibitori dell’aromatasi nei pazienti con sclerodermia. Anche se i costidi una sperimentazione in pazienti con sclerodermia si dimostrano troppo alti, il dott. Feghali-Bostwick ritiene che ci sia molto da imparare dai datiesistenti provenienti da ampi studi sul cancro al seno degli inibitori dell’aromatasi. Ad esempio, sarebbe molto curiosa di sapere come gli inibitoridell’aromatasi hanno condizionato i pazienti che presentavano sia carcinoma mammario che sclerodermia. È difficile accedere ai dati dei grandi studi sulcancro al seno. Tuttavia, facendo ciò crede che fornirebbe informazioni chiave per valutare se gli inibitori dell’aromatasi possano essere utili nelloscleroderma. Questo è il motivo per cui il team ha condotto molti esperimenti, per stabilire un nesso causale tra livelli più alti di estradiolo e sclerodermia con tessuti umani, e presto tessuti di pazienti con sclerodermia.

I risultati del team indicano anche l’estrogeno come potenziale innesco ambientale per lo scleroderma. La maggior parte delle persone che sviluppano la malattia è probabilmente geneticamente suscettibile. Tuttavia, la ricerca suggerisce che l’ambiente guidi questa probabilità.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Baker Frost D et al. Arthritis Res Ther. 2019; 21(1):85.

Tenti S et al. Medicine (Baltimore). 2019; 98(13):e15052.

Perković D et al. Rheumatology. 2015; 54(4):744-46.

Aida-Yasuoka K et al. Arthritis Res Ther. 2013;15(1):R10.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Medicina di genere (9): l’infiammazione differente fra ragazzi e ragazze per predire la depressione adolescenziale

La depressione maggiore (MDD) può colpire anche gli adolescenti, sebbene più raramente degli adulti, essendo la depressione giovanile per lo più di tipo reattivo....

Lombalgie e mal di schiena: una facile rassegna dalle cause ai trattamenti

La lombalgia (cioè il dolore alla colonna vertebrale, il complesso funzionale che fa da pilastro all’organismo umano) non è una malattia ma un sintomo...

Policistosi ovarica: le diete e le indicazioni positive per gestirla

La sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) è una condizione di salute comune riscontrata da una donna su 10 in età fertile. PCOS può anche portare...