sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Lesioni dei tendini: buone notizie per sportivi e non con le staminali da “orientare”

I tendini sono sottili fasce resistenti di tessuto connettivo che si estendono dall’estremità dei muscoli per fondersi con la copertura fibrosa sopra l’osso, chiamata periostio. Pertanto, queste strutture formano una forte connessione tra osso e muscolo e consentono ai muscoli di muovere le ossa per eseguire vari movimenti. D’altra parte, per quanto difficili, possono essere facilmente feriti o addirittura strappati da una forza eccessiva. Il corp oumano soffre spesso di lesioni a causa di danni ai tendini causati da vari eventi acuti o cronici. Quando questi tessuti danneggiati si riprendono, il tessuto cicatriziale si accumula, causando un recupero lento e spesso doloroso. Tali sequele sono frequentemente osservate a seguito di lesioni lacerative della cuffia dei rotatori della spalla o infiammazione del tendine rotuleo nella parte inferiore dell’articolazione del ginocchio. Se il tendine potesse guarire senza tali cicatrici, il risultato potrebbe essere un tessuto più forte e più pulito.

Il fatto è che i tendini difficilmente si riprendono completamente, una volta danneggiati. La maggior parte delle lesioni al tendine sembrano verificarsi tutte in una volta ma sono le conseguenze di più lesioni più piccole che si sono verificate nel tempo. Con l’aumentare dell’età, si instaurano cambiamenti degenerativi che aumentano le possibilità di lesioni. La guarigione lenta e parziale dei tendini è nota per le conseguenze che provoca ai pazienti. Ad esempio, la struttura del tendine può essere rovinata a causa della presenza di una cicatrice fibrosa nel mezzo del tendine. Soprattutto con i pazienti più anziani e coloro che usano i muscoli con fervore, come per gli atleti competitivi, è necessaria la riparazione del tendine, ma comporta un lungo periodo di riabilitazione e potrebbe non garantire il completo ripristino della funzione. I ricercatori precedenti hanno descritto la degenerazione del tendine come un fallimento dell’adattamento/rimodellamento della matrice tendinea, per mancanza di equilibrio tra la decomposizione e la sintesi della matrice.

Ora, un nuovo studio mostra che i tendini contengono cellule staminali che potrebbero essere utilizzate per stimolare la guarigione del tendine, a tal punto che potrebbe persino evitare un intervento chirurgico. Migliorando la guarigione dei tendini, queste cellule potrebbero aiutare a ripristinare la piena mobilità articolare ed evitare anche l’uso regolare di antidolorifici. L’attuale studio era finalizzato a stabilire la presenza di cellule staminali all’interno del tessuto tendineo. I ricercatori hanno scoperto tutti i tipi di cellule presenti nei campioni del tendine rotuleo. Hanno trovato una nuova popolazione di cellule – cellule staminali tendinee. Le cellule staminali si trovano in quasi tutti i tipi di tessuto nel corpo. Queste cellule sono caratterizzate dalla loro capacità di dividersi quasi indefinitamente, nonché dalla capacità disvilupparsi in cellule mature di diversi tipi. Ogni tessuto ha il suo pool di cellule staminali, che si divide per mantenere il rifornimento o matura in uno dei diversi tipi di cellule che compongono il tessuto.

Questo aiuta il tessuto a guarire quando viene ferito. Fino ad ora, nonostante le ricerche approfondite di molti ricercatori, nessuno aveva mai visto una cellula staminale del tendine nel tessuto tendineo umano. In effetti, molti hanno dubitato della loro esistenza, a causa della lenta guarigione incompleta di questi tessuti. Tuttavia, l’attuale studio ha dimostrato che non solo esistono, ma provengono dalla stessa posizione delle cellule che compongono la cicatrice fibrosa, le cellule nello strato superficiale del tendine. I due tipi di cellule competono tra loro per produrre la guarigione di un tendine ferito. Questo potrebbe essere il motivo per cui ci vuole così tanto tempo a formarsi una forte cicatrice del tendine a seguito di una lesione. Quando il tessuto tendineo viene interrotto, una proteina chiamata PDGF (fattore di crescita derivato dalle piastrine A) viene rilasciata dalle piastrine, il che stimola l’attività delle cellule staminali del tendine e delle cellule precursori della cicatrice.

Se qualcosa fa sì che le cellule staminali del tendine smettano di rispondere a questo fattore di crescita, la cicatrice che ne risulta è puramente fibrosa, senza la formazione di nuove cellule tendinee. La sfida è stimolare selettivamente le cellule staminali tendinee in modo che rispondano più velocemente e più intensamente delle cellule precursori della cicatrice. Ciò impedisce alla cicatrice di essere fibrosa e favorisce invece la crescita sana del tessuto tendineo. Altri scienziati hanno suggerito che i processi di invecchiamento umano causano l’esaurimento del pool di cellule staminali del tendine in numero e in forma fisica, compromettendo il recupero del tendine. L’ortopedia e la medicina dello sport, e soprattutto gli sportivi, saranno perciò contenti di sapere che anche i tendini hanno le loro cellule staminali. Stimolarle in modo specifico senza far crescere anche quelle cicatriziali, darà la possibilità a molti sportivi di tornare alla loro attività preferita o professionale. E a chi lavora di poter continuare a lavorare dopo un infortunio più o meno legato al lavoro.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Harvey T, Flamenco S, Fan CM. Nat Cell Biol. 2019 Nov 25.

Zhang C et al. Stem Cells Int. 2019 Oct 13; 2019:3674647.

Fedato RA et al. Stem Cells Int. 2019 Jun 2; 2019:1497898.

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Donna grassa, uomo dolce: così l’esercizio influenza il gusto

L'esercizio fisico regolare e una dieta salutare sono la chiave per mantenere una buona salute. Ora, un nuovo studio fa luce su come la...

Omeprazolo e congeneri: potrebbero alzare il rischio di tumore gastrico

Un nuovo studio pubblicato sul giornale online Gut ha suggerito che l'uso prolungato di inibitori della pompa protonica (IPP) che sono utilizzati principalmente nel...

Ormoni, ritmi biologici e cibo: la cronomedicina si arricchisce di nozioni

Le ghiandole surrenali rilasciano ormoni glucocorticoidi al mattino sotto il controllo dei segnali relativi all’orologio dal cervello. L’orologio biologico che risiede in ogni cellula...

Questo si chiuderà in 20 secondi