martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Paracetamolo e gravidanza: non è totalmente sicuro o inerte come si pensava

L’acetaminofene – meglio conosciuto come paracetamolo – è un antidolorifico da banco ampiamente disponibile negli Stati Uniti, usato dal 65-70% delle donne incinte. Ma è anche un componente di molti altri farmaci, come quelli usati per trattare i sintomi del comune raffreddore o influenza, allergie e problemi del sonno. La ricerca sulla sicurezza del farmaco durante la gravidanza è in corso, con poche conclusioni definitive. La FDA sottolinea che “il dolore grave e persistente che non viene trattato in modo efficace durante la gravidanza può causare depressione, ansia e ipertensione nella madre, ma è importante valutare attentamente i benefici e i rischi della prescrizione di medicinali di farmaci da banco durante la gravidanza“. L’evidenza di un legame tra il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e l’uso di paracetamolo durante la gravidanza, è cresciuto costantemente negli ultimi anni. Nel 2017, due nuovi studi sono entrati nei ranghi e indicano i potenziali effetti sulla fertilità e lo sviluppo del linguaggio dopo l’uso di paracetamolo. Ecco cosa è stato riscontrato.

ADHD e problemi comportamentali

Mentre ci sono stati molti sforzi in passato per districare un possibile collegamento tra l’ADHD e l’uso di paracetamolo, la FDA ha criticato molti di questi. Secondo la loro ultima dichiarazione, dal 2015, “Abbiamo trovato tutti gli studi che abbiamo esaminato per avere limiti potenziali nei loro progetti, a volte gli studi accumulati su un argomento contenevano risultati contrastanti che ci impedivano di trarre conclusioni attendibili.” Nel novembre 2016, è stato pubblicato uno studio sulla rivista Pediatrics che ha chiesto a circa 100.000 madri circa il loro uso di paracetamolo durante la gravidanza. Quasi la metà dei partecipanti aveva usato il farmaco. I ricercatori hanno rivelato che il rischio di avere un bambino con sintomi di ADHD aumentava significativamente quando le madri assumevano acetaminofene per più di 7 giorni. L’uso del farmaco per 29 giorni o più ha raddoppiato il rischio di avere un bambino con ADHD, indipendentemente dal fatto che la ragione per cui si è assunto il farmaco sia stata la febbre, l’infezione o il dolore.

Questi risultati sono in linea con studi del 2016 che hanno dimostrato che l’uso di paracetamolo era legato a problemi comportamentali. Il team, dell’Università di Bristol e della Cardiff University, entrambi nel Regno Unito, ha scoperto che quando le madri assumevano acetaminofene a 18 settimane di gravidanza, i loro bambini avevano maggiori probabilità di avere problemi di condotta e sintomi di iperattività. Quando il farmaco è stato usato più tardi in gravidanza – a 32 settimane – sono stati osservati questi stessi tratti, ma il rischio di sintomi emotivi e di difficoltà comportamentali totali era anche più alto. Lo scorso Dicembre, un team dell’Università di Toronto ha raccolto i dati clinici e dello stile di vita di 1200 donne facenti parte dello studio Ontario Birth Study, che hanno prodotto tra gennaio 2013 e giugno 2017. Ebbene, la prole delle madri che hanno usato il paracetamolo prima della gravidanza aveva un rischio più elevato di basso peso alla nascita e di piccole dimensioni per l’età gestazionale.

Problemi di fertilità nella prole

Alcuni anni fa, è stato riportato uno studio che mostrava un potenziale legame tra l’uso di paracetamolo e problemi di fertilità nella prole maschile di topi da laboratorio. Il gruppo di ricerca – dell’Università di Edimburgo nel Regno Unito – ha dimostrato che tre dosi giornaliere di paracetamolo per 7 giorni hanno causato un calo di circa la metà dei livelli di testosterone nei maschi di topo. La scorsa settimana, una recensione degli studi che hanno esaminato gli effetti dell’uso di paracetamolo e della fertilità nella progenie femminile, ha concluso che le ultime settimane del primo trimestre potrebbero essere una finestra temporale critica. I dati ottenuti da studi sui roditori indicano che il paracetamolo può interrompere il normale sviluppo degli organi riproduttivi femminili, causando sintomi simili alla sindrome da insufficienza ovarica prematura umana. I dati di tre studi indipendenti, citati nella recensione, hanno rivelato che quando i roditori hanno ricevuto paracetamolo, la loro prole ha prodotto meno oociti nelle ovaie.

Inoltre, in uno degli studi, questo è stato trasmesso alla generazione successiva, anche se non si è verificata alcuna esposizione al paracetamolo. Il caporicerca David Møbjerg Kristensen, PhD, professore associato presso l’Università di Copenaghen in Danimarca, dice: “Anche se questo potrebbe non essere un grave danno alla fertilità, è ancora motivo di preoccupazione dato che i dati di tre diversi laboratori hanno scoperto indipendentemente che il paracetamolo può interferire con la riproduzione riproduttiva femminile lo sviluppo in questo modo, che indica ulteriori indagini sono necessarie per stabilire come questo influisce sulla fertilità umana”. Il prof. Kristensen chiede che siano necessarie ulteriori ricerche per capire questo tipo di tossicità esercitata dal paracetamolo sull’uomo, a fronte della sicurezza di questa molecola come antifebbrile o antidolorifico.

Paracetamolo e ritardo del linguaggio

Un nuovo studio aggiunge un’altra dimensione ai potenziali rischi che il paracetamolo può causare. Shanna Swan, PhD, professoressa di Salute pubblica e ambientale presso la Icahn School of Medicine a New York City, ha studiato lo sviluppo della lingua in bambini le cui madri hanno assunto paracetamolo nelle primissime fasi della gravidanza. Scrivendo nella rivista European Psychiatry, il Prof. Swan ha utilizzato i dati dello studio svedese Longitudinale Ambientale, Madre e Bambino, Asma e Allergia. Ciò includeva i dati auto-riportati sull’uso di paracetamolo all’inizio della gravidanza, ovvero tra il punto di concepimento e l’iscrizione allo studio, che tipicamente si verificava a 8-13 settimane di gravidanza. Altre due recensioni incriminano parimenti il paracetamolo sulla possibile azione disturbante l’attenzione e la maturazione del linguaggio dei bambini (Ystrom E et al., 2017; Toda K et al., 2017).

Conclusioni

Dunque, il paracetamolo è molto sicuro come analgesico e antipiretico, ed usarlo in gravidanza al posto dei FANS elimina il rischio di malformazioni o disturbi postumi sul nascituro. Ma non è una molecola inerte e, come per ogni, farmaco andrebbe usato solo per necessità e non per abitudine.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Arneja J et al., Brooks JD. Pediatr Res. 2019 Dec 18.

Arendrup FS et al. Endocr Connect. 2018; 7(1):149-158.

Olsen J, Liew Z. Expert Opin Drug Saf. 2017; 16(12):1395.

Ystrom E, Gustavson K et al. Pediatrics. 2017 Nov; 140(5).

Avella-Garcia CB et al. Int J Epidemiol. 2016; 45(6):1987.

Stergiakouli E et al. JAMA Pediatr. 2016 Oct; 170(10):964.

Faucher MA. J Midwifery Womens Health 2014; 59(5):541.

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Il mal di testa sul lavoro: una ricerca danese descrive gli impatti lavorativi e personali

Chi non ha mai sofferto di mal di testa martellante? E quando provate a muovervi, una porta sbatte o si tirano le tende, il...

Colesterolo e retinopatia: l’insospettato “intrallazzo” metabolico col suo “fuoco” negli occhi

I progressi che potrebbero portare a una diagnosi e a un trattamento più precoci della retinopatia diabetica, una complicanza comune che colpisce gli occhi,...

cBIN1: the marker that could “set the score” for the heart

A team led by a Cedars-Sinai physician-scientist has discovered a biomarker - a protein found in the blood - for the most common type...

Questo si chiuderà in 20 secondi