Capelli grigi troppo presto? Si indaga su genetica, stile di vita e carenze alimentari

L’ingrigimento dei capelli è considerato un segno importante dell’invecchiamento nell’uomo. Oltre ad essere una delle principali preoccupazioni cosmetiche, la presenza di capelli grigi può anche riflettere la progressione dei processi sistemici, incluso lo sviluppo di aterosclerosi, disregolazione dell’immunità innata, infezione virale e carenze nutrizionali. Indagare sui fattori associati alla ingrigimento precoce dei capelli (PHG) è un passo necessario verso la comprensione dei fattori di rischio per ingrigire e del rischio di sviluppare malattie sistemiche che il PHG potrebbe presagire. Non esistono dati sistematici o uno studio definito che ha investigato quali fattori ambientali, dietetici, di stile di vita o psicologici e la loro potenziale associazione con l’ingrigimento precoce. Uno studio preliminare sui fattori associati all’ingrigimento dei capelli negli uomini coreani ha scoperto che la storia familiare di PHG, fumo e obesità erano significativamente associati a PHG. Ecco perché un team di ricercatori ha condotto un’indagine caso-controllo incrociato utilizzando un software per un questionario online.

Lo studio è stato progettato per raccogliere informazioni sui partecipanti, inclusi dati demografici, storia medica, storia familiare e fattori dello stile di vita, al fine di identificare i fattori con una significativa associazione positiva o negativa con PHG. Le informazioni raccolte sui partecipanti includevano età, sesso, razza, altezza, peso, storia di PHG (definito come età di inizio ingrigimento ≤30), gravità del ingrigimento (0, 1–10, 11–100 e >100 capelli grigi auto-segnalati), presenza / assenza di perdita di capelli e difficoltà di udito. I partecipanti hanno inoltre fornito informazioni sullo stile di vita: assunzione di alcol, fumo, assunzione di caffeina, esercizio fisico e assunzione di carne, pollame, pesce e uova. È stata valutata la storia familiare di ingrigimento precoce nella madre, nel padre, nei nonni paterni, nei nonni materni e nei fratelli. È stata raccolta la storia familiare e personale di depressione, ansia e disturbo bipolare. L’anamnesi familiare delle malattie cardiovascolari (CVD) è stata valutata attraverso il numero di parenti di primo grado con una storia di CVD a qualsiasi età e il numero che presenta con CVD in tenera età (uomini <45 anni e donne <55 anni). Il sondaggio è stato completato da 467 partecipanti, 216 con una storia di PHG e 251 senza.

I dati raccolti sulla storia medica passata dei partecipanti includevano fattori di rischio cardiovascolare (ipertensione, iperlipidemia, diabete mellito e storia personale di CVD); carenze nutrizionali (ferro, vitamina B12, acido folico, calcio e vitamina D); malattie associate a carenze nutrizionali (anemia sideropenica, anemia perniciosa, celiachia, malattia infiammatoria intestinale, sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e fibrosi cistica); malattie autoimmuni (lupus eritematoso sistemico, diabete mellito di tipo I, vitiligine, ipotiroidismo, ipertiroidismo e artrite reumatoide); e infezioni virali (herpes simplex, epatite B e C, virus dell’immunodeficienza umana, virus di Epstein-Barr, varicella zoster e influenza). È stato valutato l’uso di integratori: multivitaminici / vitamine prenatali, acido folico, vitamina B12, biotina, olio di pesce / acidi grassi omega-3 e calcio / vitamina D. Prendendo in considerazione tutti i partecipanti, sono state osservate significative associazioni positive tra la storia personale o la storia familiare di PHG nella madre, nel padre, nel nonno materno o paterno e nei fratelli. Anche la storia familiare di depressione e la storia personale di carenza di ferro sono risultate significativamente associate al PHG.

Sorprendentemente, sono state osservate significative associazioni negative tra storia di PHG e storia di fumo e infezione da herpes simplex virus (HSV). Quando si esaminano le risposte solo dei partecipanti caucasici, la storia di PHG è rimasta significativamente associata alla storia familiare di PHG in ciascun parente valutato, storia familiare di depressione e storia personale di carenza di ferro e significativamente negativamente associata alla storia del fumo e all’infezione da HSV. Inoltre, anche la storia di PHG nei pazienti caucasici era significativamente correlata positivamente con sindrome del colon irritabile. Esaminando le risposte solo dei partecipanti asiatici, sono state osservate meno tendenze significative. La storia di PHG era significativamente associata alla storia familiare di PHG solo nei partecipanti e nei fratelli. Tuttavia, nei partecipanti asiatici, la storia di PHG è risultata significativamente associata alla storia familiare di malattie cardiache in un parente di primo grado. Diverse tendenze aggiuntive sono state rivelate confrontando solo i dati provenienti da individui dello stesso sesso. Tra i partecipanti di sesso femminile, la storia di PHG era significativamente positivamente associata alla storia familiare di PHG nella madre, nel padre, nel nonno materno e nei fratelli del partecipante.

La storia di PHG era anche significativamente correlata positivamente con la storia familiare di depressione e la storia personale di carenza di ferro. L’anamnesi di fumare, l’infezione da HSV e l’integrazione di olio di pesce / acidi grassi omega-3 erano significativamente negativamente correlate all’anamnesi di PHG. Tra i partecipanti di sesso maschile, la storia di PHG era significativamente correlata positivamente con l’integrazione di biotina e la storia familiare di PHG in ogni parente. Nell’esaminare solo soggetti di età pari o inferiore a 30 anni, il PHG è stato significativamente associato positivamente con una storia familiare di PHG in ciascun parente e infezione da virus influenzale. L’assunzione di olio di pesce / acidi grassi omega-3 era significativamente negativamente correlata con PHG. Nessuna associazione significativa è stata osservata nel nostro studio in nessun gruppo demografico tra storia di PHG e obesità, assunzione di alcol, assunzione di caffeina, difficoltà uditive, dieta, esercizio fisico, perdita di capelli, anamnesi personale di malattia mentale o malattia autoimmune.

Una correlazione interessante è stata che nei partecipanti caucasici, la sindrome del colon irritabile, fortemente legata alla depressione e all’ansia, era significativamente associata al PHG. Gli individui con IBS possono essere a rischio di riduzione dell’assunzione di ferro, acido folico, calcio, vitamine B e D, fibre, zinco e antiossidanti naturali. Precedenti studi hanno trovato associazioni tra PHG e carenze di vitamina B12, acido folico e biotina. Il ferro può modulare l’attività della tirosinasi, un importante enzima che regola la produzione di molecole di melanina, non solo a livello cutaneo ma anche nei capelli. Lo studio ha infatti trovato una significativa associazione tra carenza di ferro e PHG, fornendo così ulteriori prove che le carenze di micronutrienti potrebbero avere un ruolo nello sviluppo della condizione. Altri dati provenienti da gruppi indipendenti hanno fornito supporto di uno stress emotivo e ossidativo conseguente a questo, in base ad una maggiore di biomarkers ossidativi trovati nel plasma di soggetti con ingrigimento precoce.

In conclusione, questo studio sostiene che l’ingrigimento precoce è altamente ereditario. Mentre i meccanismi alla base delle altre associazioni identificate rimangono ancora poco chiari, queste associazioni sono indizi interessanti che possono portare a un’ulteriore comprensione della relazione tra ingrigimento precoce, salute sistemica e malattia attraverso studi futuri.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Acer E, Kaya EH et al. J Cosmet Dermatol. 2020 Apr 25. 

Thompson KG et al. Int J Trichology 2019; 11(4):153-158. 

Acer E, Kaya EH et al. J Cosmet Dermatol. 2019; 18(2):665. 

El-Sheikh AM et al. Int J Trichology 2018; 10(6):278-283. 

Sharma N, Dogra D. Int J Trichology 2018; 10(5):211-217. 

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2443 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments