HomeATTUALITA' & SALUTEGlifosato, il pesticida cancerogeno: prima no, dopo si?

Glifosato, il pesticida cancerogeno: prima no, dopo si?

Il glifosato è un erbicida popolare usato in tutto il mondo; è stato introdotto come erbicida nel 1974. L’impiego nel settore agricolo è salito, in particolare dalla metà degli anni 2000, quando è stato introdotto la pratica del “burndown verde”, in cui vengono applicati alle colture erbicidi a base di glifosato poco prima della raccolta. Di conseguenza, è probabile che le colture abbiano maggiori residui di glifosato. Un nuovo studio ha dimostrato che l’erbicida glifosato, potrebbe aumentare il rischio di cancro del 41% tra coloro che sono esposti. Per questo studio, i ricercatori hanno condotto una meta-analisi utilizzando studi esistenti sull’erbicida. Hanno scoperto che l’esposizione a questo diserbante ha un effetto significativo sul rischio di sviluppare linfoma non-Hodgkin (NHL), una leucemia del sistema immunitario. Tutte le meta-analisi condotte fino ad oggi, inclusa la nostra, riportano costantemente la stessa scoperta chiave: l’esposizione a GBH (erbicidi a base di glifosato) è associata ad un aumentato rischio di NHL. Nel 2015, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha affermato che il glifosato è “probabilmente cancerogeno per l’uomo”.

L’Agenzia per la Protezione Ambientale degli Stati Uniti (EPA) nel 2017 aveva tuttavia affermato che l’erbicida “non è probabile che sia cancerogeno per l’uomo”, una dichiarazione sostenuta dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA). Nel 2017, la Bayer ha anche detto che il glifosato è uno “strumento di controllo delle erbe infestanti sicuro ed efficiente”. Questo ha portato a circa 800 persone a citare in giudizio l’azienda Mosanto e il proprietario di Bayer AG quell’anno, per le domande che il prodotto RoundUp, a base di glifosato della Monsanto, è stata la causa di linfomi non-Hodgkin. Questa cifra è salita a circa 9000 entro il 2018. Per lo studio, il team di ricercatori ha esaminato studi pubblicati sugli effetti del glifosato su esseri umani e animali tra il 2001 e il 2018. Questa ricerca fornisce l’analisi più aggiornata del glifosato e il suo legame con Linfoma Non-Hodgkin, incorporando uno studio del 2018 su oltre 54.000 persone che lavorano come applicatori di pesticidi autorizzati. I risultati della meta-analisi hanno rivelato che tra le persone con la più alta esposizione all’erbicida c’era un’associazione convincente con lo sviluppo di NHL.

Gli autori concordano, tuttavia, sul fatto che i dati sulla sostanza chimica che causano direttamente il cancro sono limitati. Scrivono che dalla metà degli anni 2000, l’aumento della coltivazione del “burndown verde”, che comporta l’applicazione di erbicidi glifosati a tutte le colture prima che vengano raccolte, ha portato ad un enorme aumento dell’esposizione alla sostanza chimica. La Bayer ha confutato le affermazioni, affermando che i risultati erano dovuti a “manipolazione statistica” e che c’erano “difetti” nel design e nei metodi dello studio. Hanno detto che i dati non forniscono alcuna prova scientificamente valida che contraddica le conclusioni dell’ampio corpo scientifico, dimostrando che gli erbicidi a base di glifosato non sono cancerogeni. La professoressa, Lianne Sheppard dei Dipartimenti di Scienze della Salute ambientale e occupazionale e Biostatistica, ha spiegato che la connessione era reale: l’erbicida era effettivamente cancerogeno. Varie revisioni e valutazioni internazionali hanno portato a conclusioni diverse sul fatto che il glifosato sia cancerogeno per l’uomo. Il gruppo di ricerca ha condotto una meta-analisi aggiornata concentrata sui gruppi più esposti in ogni studio.

Hanno scoperto che il legame tra glifosato e linfoma non-Hodgkin è più forte di quanto riportato in precedenza. Esaminando gli studi epidemiologici pubblicati tra il 2001 e il 2018, il team ha stabilito che l’esposizione al glifosato può aumentare il rischio di linfoma non-Hodgkin fino al 41%. Gli autori hanno focalizzato la loro analisi sulla ricerca epidemiologica negli esseri umani, ma hanno anche considerato le prove degli animali da laboratorio. I ricercatori dicono che sono necessari ulteriori studi per tenere conto degli effetti dell’aumento dell’esposizione dal burndown verde, che potrebbe non essere pienamente catturato negli studi esistenti esaminati in questa nuova pubblicazione. Nel 2017, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha classificato il glifosato come “probabilmente cancerogeno” nell’uomo. Tuttavia, altre agenzie nazionali non hanno inasprito le restrizioni sul glifosato e hanno persino prolungato le autorizzazioni al suo utilizzo. Ci sono anche discrepanze tra i livelli autorizzati dei paesi, a dimostrazione dell’assenza di un chiaro consenso sul glifosato fino ad oggi.

Prove crescenti mostrano che il glifosato e gli erbicidi a base di glifosato esibiscono effetti citotossici e genotossici, aumentano lo stress ossidativo, interferiscono con la via degli estrogeni, compromettono alcune funzioni cerebrali e presumibilmente si correlano con alcuni tipi di cancro. Gli effetti del glifosato sul sistema immunitario sembrano alterare la cascata del complemento, la funzione fagocitaria e le risposte dei linfociti e aumentare la produzione di citochine pro-infiammatorie nei pesci. Nei mammiferi, compreso l’uomo, il glifosato ha principalmente effetti citotossici e genotossici, provoca infiammazione e influenza le funzioni dei linfociti e le interazioni tra i microrganismi e il sistema immunitario. Non è da escludere che il glifosato sia anche un cancerogeno indiretto: in questo caso è la soppressione della sorveglianza immunitaria che aprirebbe le porte alla diffusione di cellule “cancerogene” iniziate alla malignità. È importante sottolineare che, anche se molti risultati sono ancora in discussione, le prove indicano la necessità di ulteriori studi per decifrare meglio i rischi del glifosato e una migliore regolamentazione del suo utilizzo globale.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Kabat GC et al. Cancer Causes Control. 2021 Apr; 32(4):409-414.

Peillex C, Pelletier M. J Immunotoxicol 2020 Dec; 17(1):163-174.

Sheppard L, Shaffer RM. J Natl Cancer Inst. 2019; 111(2):214-15.

De Almeida LKS et al. Frost CL. 3 Biotech. 2018 Oct; 8(10):438.

Centner TJ et al. Sci Total Environ. 2019 Jan 15; 648:609-617.

Davoren MJ et al. Carcinogenesis. 2018 Oct; 39(10):1207-1215.

Landrigan PJ, Belpoggi F. Environ Health. 2018 May 29; 17(1):51.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI