lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Vaccinazioni contro influenza ed herpes: perchè proteggono dall’attacco del COVID?

Non è completamente chiaro se la coinfezione con un altro patogeno possa avere un impatto sulla gravità del COVID-19. È stato riportato in studi precedenti che si sono verificate coinfezioni tra SARS-CoV-2 e altri virus respiratori comuni, come RSV, rhinovirus e adenovirus. La coinfezione è stata segnalata in pazienti con SARS e MERS e i co-patogeni includono batteri, funghi e virus, che portano a complicazioni nell’identificazione e nel trattamento della sindrome respiratoria e aggravano lo stato di malattia. Una recente meta-analisi di 30 studi, compresi 3834 pazienti con COVID-19, hanno rivelato che il 7% aveva una coinfezione batterica e il 3% aveva una coinfezione virale, con il virus dell’influenza A e il virus respiratorio sinciziale che sono i più comuni. Ricercatori dell’Israel Institute of Biological Research hanno delineato l’interazione tra l’influenza A e le infezioni da SARS-CoV-2.Per stabilire un modello di topo suscettibile alla SARS-CoV-2, gli autori hanno impiegato topi transgenici che esprimevano hACE2 umano.

In primo luogo, gli autori hanno testato l’esito dell’infezione da coronavirus due giorni dopo l’infezione influenzale (dpli) durante l’influenza presintomatica. In queste prime fasi, il titolo virale del virus nei lingotti era alto, ma i topi non presentavano alcuna manifestazione di malattia. A cinque dpli, i topi infetti hanno iniziato a perdere peso e a 9-10 dpli hanno mostrato la massima morbilità. I topi che sono stati infettati solo dall’influenza o dalla SARS-CoV-2 hanno mostrato un tasso di mortalità del 38%, mentre tutti i topi coinfettati sono morti da cinque a sette giorni dopo l’infezione da SARS-CoV2 (dpsi). Da sei a sette dpli, i topi infettati dall’influenza e coinfettati hanno iniziato a perdere peso. con un picco a 8 dpli, mentre i topi coinfettati hanno continuato a perdere peso fino a dieci dpli. Infine, gli autori hanno valutato gli effetti della coinfezione quando la somministrazione di SARS-CoV-2 si è verificata nella fase sintomatica tardiva della malattia influenzale quando è stata rilevata la massima morbilità.

Gli autori hanno ottenuto l’immunità SARS-CoV2 nei topi mediante l’immunizzazione intramuscolare del coronavirus. Ciò ha indotto risposte sia cellulari che umorali contro SARS-CoV-2 ed è stato sufficiente per proteggere i topi da un attacco virale. Tuttavia, mentre la mortalità causata dall’infezione da SARS-CoV2 è stata completamente prevenuta dall’immunità preesistente al coronavirus, non è stato osservato alcun effetto sulla morbilità e la mortalità causata dalla coinfezione di SARS-CoV2 e influenza. Gli autori hanno anche esaminato una via alternativa di immunizzazione per escludere la possibilità che una protezione inadeguata contro la coinfezione fosse dovuta all’immunizzazione intramuscolare. Gli autori hanno utilizzato la via intranasale, che inoltre non proteggeva dalla coinfezione. Ai topi è stata somministrata l’immunizzazione i.m. del virus dell’influenza, 30 giorni prima dell’infezione da SARS-CoV2 e/o influenza.

L’obiettivo era determinare se l’immunità preesistente all’influenza può proteggere dalla coinfezione. La pre-esposizione al virus dell’influenza ha indotto risposte cellulari e umorali specifiche e sembrava ridurre la morbilità osservata contro questo virus. Il tasso di sopravvivenza SARS-CoV-2 non è stato influenzato dalla pre-esposizione al virus dell’influenza. È interessante notare che la mortalità e le gravi manifestazioni cliniche associate a una coinfezione sono state prevenute dall’immunità all’influenza. Non è stato rilevato alcun aumento della mortalità e nessuna perdita di peso nei topi coinfettati immunizzati contro l’influenza rispetto ai topi coinfettati senza immunità preesistente. Questi risultati suggeriscono che le gravi manifestazioni associate alla coinfezione non sono dovute a un COVID più grave, ma a un virus dell’influenza. Questi dati suggeriscono che l’immunità all’influenza acquisita tramite la vaccinazione può essere uno strumento prezioso per ridurre il rischio di una grave coinfezione di influenza e SARS-CoV2.

Ma a quanto pare non è l’unico tipo di vaccinazione in grado di riprodurre questo tipo di scenario. Secondo i dati preliminari, le persone che ricevono il vaccino contro l’herpes zoster potrebbero avere un rischio inferiore di essere diagnosticati e ricoverati in ospedale con COVID-19. In circa 150.000persone di età superiore ai 50 anni, la vaccinazione per l’herpes zoster è stata associata a un rischio ridotto del 32% di infezione grave da COVID-19. I ricercatori suggeriscono che il vaccino contro l’herpes zoster può aumentare l’immunità innata, aumentando i livelli di citochine del corpo e preparando una risposta antivirale contro potenziali infezioni. Inoltre, l’immunità innata può aiutare a indebolire la capacità del coronavirus di replicarsi durante l’infezione precoce. In alternativa, le persone vaccinate per l’herpes zoster potrebbero già essere attente alla salute e più proattive nel farsi vaccinare. Gli individui vaccinati avevano maggiori probabilità di avere frequenti visite mediche ambulatoriali prima della pandemia ed erano associati a ipertensione e ad altre vaccinazioni.

Dei circa 150.000 individui vaccinati, ci sono state 5.951 diagnosi di COVID-19 e 1.066 ricoveri correlati a COVID-19. Gli individui non vaccinati con almeno una dose di vaccino contro l’herpes zoster hanno riportato più diagnosi di COVID-19. Di conseguenza, ci sono stati 13.028 casi di COVID-19 e2.765 individui hanno richiesto il ricovero in ospedale per grave infezione da COVID-19. Un’ulteriore analisi ha ulteriormente confermato una minore incidenza di COVID-19 e il relativo ricovero in individui vaccinati rispetto a non vaccinati. Una dose del vaccino contro l’herpes zoster era correlata a un rischio ridotto del 16% di una diagnosi di COVID-19. È stata trovata anche un’associazione tra il vaccino contro l’herpes zoster e il 32% in meno di ricoveri ospedalieri da COVID-19. Una coorte di 189.790 individui non vaccinati è stata abbinata a individui che hanno ricevuto due dosi di vaccino. I risultati si sono tradotti in un rischio ridotto del 19% di infezione da COVID-19 negli individui vaccinati, con un tasso di ospedalizzazione ridotto del 36%.

I risultati dello studio sono solamente di correlazione e sono necessarie ulteriori ricerche, per identificare se si tratta del vaccino dell’HZV stesso o di altri fattori che determinano la riduzione del rischio di COVID-19.

  • A cura del Dott. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Almutairi N et al. Dermatol Ther. 2022; 35(7):e15521.

Achdout H. et al. Nature Commun 2021 Oct; 12(1).

Li H et al. Emerg Microb Infect. 2021; 10(1):1156-1168.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Gli effetti della vitamina D sull’invecchiamento: tutto dipende da una buona immunità?

Vitamina D ed effetti sulla salute La vitamina D svolge un ruolo cruciale nella salute delle ossa regolando l’omeostasi del calcio e prevenendo condizioni come...

Dieta FODMAP per diabete e pre-diabete: quali prove ha raccolto fino ad oggi la scienza

Diabete e microbiota Le attuali raccomandazioni nutrizionali per il trattamento e la prevenzione del diabete si concentrano principalmente sulle modifiche dello stile di vita con...

Funghi che passione: il valore delle loro proprietà antiossidanti ed anti-aging

I funghi commestibili sono considerati alimenti sani e fonti di nutrienti a causa dei loro numerosi componenti benefici, tra cui carboidrati, fibre alimentari, proteine,...

Questo si chiuderà in 20 secondi