venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

L’impatto dell’abuso di alcolici sull’ipertensione: conta solo l’alcolismo o anche il “bere sociale”?

Il consumo di alcol sembra essere una pratica umana diffusa. Bere fa parte della società umana in tutto il mondo; tuttavia, il consumo di alcol è stato fortemente collegato a malattie umane, tra cui cirrosi epatica, cardiopatie e condizioni neurologiche. Oltre due miliardi di persone bevono, con il più alto consumo pro capite nell’Unione Europea. Le persone che bevono regolarmente consumano in media 33 g di alcol anidro al giorno, con la birra che è la bevanda alcolica più comune. Il legame tra il consumo eccessivo di alcol con condizioni epatiche, neurologiche, metaboliche e tumorali è ben conosciuto. In tutto il mondo, le malattie cardiovascolari sono una delle principali cause di morte e morbilità. L’ipertensione è in aumento in prevalenza a causa dell’aumento dell’età media della popolazione, nonché a causa della maggiore prevalenza di cattive abitudini alimentari e altri fattori legati allo stile di vita.

Un’ultima recensione, che appare sulla rivista Nutrients, ha rivisto tutti gli studi attuali che si occupano dell’associazione tra alcol e pressione sanguigna. La revisione ha mostrato indicazioni che a breve termine, un consumo elevato o prolungato di alcol, compreso il consumo di più di 30 g di alcol al giorno per un lungo periodo, ha causato un rischio più elevato di ipertensione. Con dosi moderate di alcol, la pressione sanguigna è salita fino a sette ore, ma dopo si è normalizzata. È stata osservata una risposta bifasica con alte dosi di alcol, con una diminuzione iniziale della pressione arteriosa sia sistolica che diastolica fino a 12 ore, con aumento a più di 13 ore dal consumo. La frequenza cardiaca è aumentata a tutte le dosi, da bassa ad alta. Le interruzioni neuro-ormonali possono mediare i meccanismi di danno nel consumo di alcol. Ad esempio, l’attivazione del sistema ortosimpatico, così come l’interruzione delle risposte dei barocettori delle carotidi che regolano la pressione potrebbero contribuire.

Questa interruzione potrebbe essere dovuta a maggiori quantità di endorfine e istamina rilasciate dall’alcol. Nei forti bevitori sono stati segnalati anche cortisolo e renina plasmatici alti (che causano vasocostrizione e ritenzione idrica). Inoltre, non solo il consumo di alcol provoca un aumento della pressione, ma in eccesso può aumentare direttamente i danni causati ai tessuti cardiaci e renali dall’ipertensione. Poiché i reni espellono un decimo dell’alcool ingerito, è prevista tossicità in questi organi, che potrebbe aumentare il danno renale nei pazienti ipertesi. Tuttavia, la malattia renale cronica sembra essere meno comune tra i bevitori. Ancora più importante, l’ipertensione mascherata, in cui i pazienti sono ipertesi a casa ma non nello studio del medico, è un rischio per la salute tanto grave quanto l’ipertensione sostenuta. Al di sopra di 14 drinks a settimana, il rischio di insufficienza cardiaca è più elevato, con i pazienti ipertesi che bevono più a rischio di danno cardiaco subclinico.

Si potrebbe arguire che è l’alcolismo vero e proprio il problema sociale che condiziona di riflesso la sanità pubblica mondiale. Nulla in contrario. Ma se la scienza dimostra che anche il bere sociale può trasformarsi nel tempo in un problema di sanità globale, vale la pena ripensarci e fare più attenzione con le dosi e la tipologia di ciò che si beve nel fine settimana. Uno o due bicchieri di vino o di birra a testa non hanno mai ucciso alcuno, ma se diventano due bottiglie col tempo possono fare la differenza.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Incertezze, paure e ansia: le molle della pandemia per far scattare depressione ed alcolismo (19/03/2021)

Alcolici e rischio aborto: una donna su tre lo sperimenta e non riceve informazione (14/08/2019)

Alcolici e qualità del sonno: colpevoli anche quelli leggeri? (12/05/2018)

Sindrome premestruale: responsabili gli alcolici nel 10% dei casi (27/04/2018)

Pubblicazioni scientifiche

Chi FW et al. BMJ Open. 2023 Jan 19; 13(1):e064088.

Quatremère G, Guignard R et al. Addiction. 2022 Dec 7. 

Yen FS, Wang SI et al. J Transl Med. 2022; 20(1):155.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Stress a confronto uomo-donna: le differenze cominciano in gravidanza

I ricercatori sanno già che l'ansia tende a colpire le donne più degli uomini, mentre i disturbi del neurosviluppo come l'autismo, la schizofrenia e...

Dolcificanti naturali o sintetici: le revisioni per i rischi sulla salute pubblica

Tutti sanno il motivo principale dell’utilizzo del dolcificante al posto dello zucchero nel caffè, nelle bevande o in certe tipologie di alimento. Originariamente, il...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale, definito come la gestione dello stress della vita, la realizzazione del proprio potenziale, il lavoro...