sabato, Luglio 13, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Alimentazione in gravidanza: quali sono gli alimenti da evitare per rischio infezione o tossicità

La gravidanza è un momento in cui sono noti molti cambiamenti drammatici nel corpo di una donna, sia rispetto all’anatomia che alla sua funzione. È anche un momento in cui si nutre una nuova vita all’interno del corpo della donna che include il normale sviluppo degli organi fetali. In ogni caso, i nutrienti per questo enorme dispendio di energia e per la formazione di uno o più nuovi individui da zero provengono esclusivamente dalla madre. Per questi motivi, le donne in gravidanza devono essere istruite e incoraggiate a seguire una dieta equilibrata e appetibile, con la necessaria integrazione di qualsiasi sostanza nutritiva che probabilmente mancherà.

Il numero totale di calorie richieste al giorno aumenta di 340-450 calorie, rispettivamente nel secondo e nel terzo trimestre, sempre a condizione che la donna abbia già un peso normale e non sia malnutrita. Ciò è associato ad un aumento dipeso materno da circa 12 a 16 kg. Se questo è inferiore al previsto, vi è un rischio maggiore di basso peso alla nascita, prematurità, con un aumento della morbilità fetale. Tuttavia, anche l’eccessivo aumento di peso è rischioso, essendo associato a macrosomia, taglio cesareo e obesità materna che persiste dopo il parto.

Integratori raccomandati

È risaputo che l’integrazione di acido folico nel periodo periconcezionale (da quattro settimane prima a 12 settimane dopo il concepimento) previene i difetti del tubo neurale. Questo è alla dose raccomandata di 0,4 mg al giorno, sebbene 10 volte questa quantità sia raccomandata per la prevenzione secondaria, in coloro che hanno avuto un bambino precedente con un tale difetto. Gli integratori di ferro prenatale sono spesso raccomandati a circa 27-30 mg al giorno poiché la maggior parte delle donne nei paesi in via di sviluppo non hanno riserve di ferro sufficienti per portarli a termine la gravidanza senza esaurimento del ferro e poiché la carenza di ferro provoca anemia e aumento dei rischi materni e fetali. Gli alimenti contenenti vitamina C come broccoli, fragole o succo d’arancia fanno un buon lavoro nell’aumentare l’assorbimento del ferro, convertendo la forma ferrica nella forma ferrosa più digeribile.

Alimenti non idonei: listeriosi

Tuttavia, alcuni alimenti non sono adatti in gravidanza perché associati ad agenti infettivi. Questi includono latte crudo e prodotti lattiero-caseari, nonché formaggi a pasta molle. In questa lista figurano anche pesce affumicato e salumi. Tali alimenti devono essere riscaldati fino a 75° C prima del consumo. Ciò è dovuto al coinvolgimento di tali alimenti negli scoppi di Listeria. La listeriosi è circa 20 volte più diffusa tra le donne in gravidanza. La listeriosi nelle donne in gravidanza è spesso subclinica, ma può presentare febbre, dolori muscolari, nausea e vomito o diarrea, piuttosto come l’influenza. Il pericolo principale quindi è per il feto, in cui l’infezione può essere grave e può causare la morte. La gravidanza può quindi terminare con aborto spontaneo, parto pretermine o di un nato morto e sepsi neonatale, sebbene il rischio possa essere ridotto trattando la madre con un antibiotico ad ampio spettro.

Alimenti non idonei: salmonellosi

Le uova crude e non pastorizzate sono spesso utilizzate in cottura e in condimenti per insalate, gelati e altri dolci. Tuttavia, le uova crude sono una delle principali vie di trasmissione della Salmonella, che può causare intossicazione alimentare. Ciò può presentarsi con febbre, nausea, dolori crampi e diarrea, mentre è noto che si manifesta batteriemia in circa 4 casi su 100. Ciò può terminare con sepsi intrauterina. Per questo motivo, dovrebbero essere consumate solo uova pastorizzate.

Alimenti non idonei: altri rischi

I frutti di mare contengono spesso norovirus, vibrionaceae, alcune specie di Salmonella e alcuni protozoi. La maggior parte delle infezioni è auto-limitante. Tuttavia, a volte un’infezione grave può richiedere un trattamento antibiotico. Tutti i frutti di mare devono essere surgelati o cotti accuratamente. Non bisogna dimenticare che questi sono anche fonti di metalli pesanti come cadmio e mercurio; soprattutto in specie come tonno e crostacei, pertanto è possibile scegliere alternative come salmone, gamberi e granchi se si desidera il consumo regolare.

Uso di alcolici

L’alcol dovrebbe anche essere rigorosamente evitato in gravidanza anche come accompagnamento ai pasti, per paura della sindrome alcolica fetale e di altri disturbi cognitivi e comportamentali, a meno che non venga assunto in quantità minime. Quantità basse in questo contesto significherebbero meno di 1 unità una o due volte a settimana. In pratica, mezzo bicchiere di vino regolare solamente a pranzo due volte alla settimana.

Integratori alimentari

Nel complesso, dovrebbero essere evitati integratori alimentari diversi dalle vitamine prenatali. La dose assunta dovrebbe anche essere quella raccomandata dall’operatore sanitario, poiché dosi elevate di vitamine liposolubili A, D, E e K potrebbero essere tossiche sia per la madre che per il feto. I supplementi di erbe non sono regolamentati, il che significa che il loro contenuto e le pratiche di fabbricazione non sono noti. Alcuni possono contenere caffeina, che è meglio evitare in questo contesto. In qualunque caso la donna incinta dovrebbe chiedere al suo ginecologo per informarsi bene.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Musica: la fedele millenaria compagna curativa e dimenticata

La demenza senile, che sia dovuta alla malattia genetica di Alzheimer o da cronicizzazione di fenomeni depressivi o per cerebrovasculopatia cronica, è un onere...

Identificata l’ennesima variante di forma depressiva, il “biotipo cognitivo”: in cosa consiste?

Gli scienziati della Stanford Medicine hanno condotto uno studio che descrive una nuova categoria di depressione (denominata biotipo cognitivo) che rappresenta il 27% dei...

Cranberries: a fruity tool to shape microbiota and our health

In a recently published feeding trial in The Journal of Nutritional Biochemistry, scientists investigated the potential protective effect of cranberries on the gut microbiome with...

Questo si chiuderà in 20 secondi