sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Digitalizzazione e salute mentale: cosa è cambiato e cosa rischia di aggravarsi?

I tassi di prevalenza di depressione e ansia stanno aumentando in tutto il mondo, soprattutto dopo lo scoppio pandemia da coronavirus SARS-CoV2, l’agente patogeno del COVID-19. I lockdownsi hanno portato a interazioni sociali ridotte e livelli più elevati di isolamento sociale. Inoltre, significavano trascorrere lunghe ore a casa per molte persone, il che potrebbe anche avere conseguenze sulla salute mentale. Sebbene i disturbi della salute mentale siano fenomeni complessi e multifattoriali, vi è accordo sul fatto che le situazioni, in cui gli individui non percepiscono un reale controllo sulla propria vita, possono scatenare sintomi di depressione o ansia. Ciò è particolarmente vero per il dominio dell’occupazione. È stato dimostrato che la disoccupazione porta a una cattiva salute mentale, in parte perché spesso comporta una sostanziale incertezza. La pandemia ha anche portato a un lavoro più frequente da casa. Ci sono prove contrastanti sulle conseguenze sulla salute mentale di ciò.

Mentre alcuni studi hanno riportato effetti negativi più forti, in particolare per coloro che vivono da soli, presumibilmente a causa di sentimenti più forti di solitudine e isolamento, altri hanno riportato un effetto complessivamente positivo del lavoro da casa, a causa di un maggiore controllo percepito sul lavoro e di un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata. Gli sforzi compiuti per migliorare la salute mentale enfatizzano le terapie di persona o forniscono interventi sanitari a distanza attraverso piattaforme digitalizzate. L’identificazione dei fattori di rischio associati, dei fattori aggravanti e la caratterizzazione dei processi alla base della disfunzione mentale potrebbero migliorare l’efficacia del trattamento e, di conseguenza, lo standard di cura fornito ai pazienti. Precedenti studi hanno valutato i fattori di rischio a livello di società limitati a stato socioeconomico, disoccupazione, capitale sociale, cambiamento climatico e migrazione, con la maggior parte di questi studi che dipendono da dati auto-documentati per l’analisi.

Nel presente studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati recuperati da Google Books Ngram Viewer (Google Ngram) per indagare sull’impatto della rivoluzione digitale su depressione e ansia esaminando le opere di letteratura storicamente disgiunte su ansia, depressione e digitalizzazione. Le frequenze di utilizzo delle parole “ansia”, “depressione” e “digitalizzazione” negli ultimi 50 anni fino al 2019 sono state recuperate e adattate dal repository di dati digitali di Google Ngram, che comprende otto milioni di libri, ovvero il 6% di tutti i libri pubblicato. Anche le frequenze delle parole per l’elenco mondiale “religione” sono state valutate come controlli. I dati di analisi provenivano da sei lingue, tra cui tedesco, inglese britannico, russo, spagnolo, italiano e francese. Gli elenchi di parole relative a depressione e ansia sono stati recuperati dall’ottava revisione della classificazione internazionale delle malattie (ICD-8), dai codici ICD-9, ICD-10 e ICD-11.

Le frequenze delle parole di depressione e ansia erano significativamente correlate, così come le frequenze delle parole di digitalizzazione e ansia. Nessuna correlazione statisticamente significativa è stata osservata per le frequenze delle parole del costrutto di controllo “religione” nei precedenti 50 anni. Le frequenze delle parole per religione e depressione erano correlate negativamente. Sono state osservate correlazioni fortemente positive per le frequenze delle parole nelle lingue tra ansia e anni, depressione e anni e digitalizzazione e anni; tuttavia, non sono state osservate correlazioni statisticamente significative tra religione e anni. Correlazioni simili sono state osservate per le parole di depressione e ansia e correlazioni negative per la religione utilizzando esclusivamente parole spagnole, tedesche, italiane o francesi. Le parole inglesi e russe hanno mostrato correlazioni marginalmente diverse per la depressione e l’ansia.

Nel loro insieme, le frequenze di depressione, digitalizzazione e ansia sono aumentate congiuntamente nei precedenti 50 anni tra il 1970 e il 2019 rispetto all’elenco di parole della religione di controllo, con ansia e depressione fortemente correlate tra loro. Questi risultati evidenziano l’effetto della digitalizzazione su depressione e ansia, aggiungendo così ai dati delle scienze sociali descrivendo la frequenza relativamente aumentata dell’uso dei termini di digitalizzazione, depressione e ansia. Queste osservazioni forniscono anche un ulteriore supporto per il verificarsi simultaneo di depressione e ansia. I risultati dello studio contribuiscono a comprendere l’impatto delle alterazioni della società sul benessere mentale degli individui. Mentre gli individui possono trarre vantaggio dagli interventi di salute digitale in termini di maggiore accessibilità, la crescente digitalizzazione può degradare il benessere mentale degli individui.

L’uso dei social media è fonte di incertezza e preoccupazioni. Diversi studi hanno esaminato l’impatto dei social media e dell’uso dei social media sulla salute mentale. Diversi lavori hanno indagato i fattori di rischio a livello individuale, con risultati che indicano che non la quantità di utilizzo ma lo scopo dell’utilizzo dei social media è rilevante e alcuni studi non mostrano nemmeno una chiara evidenza di una relazione problematica tra social media e salute mentale. Inoltre, il technostress, ovvero l’esperienza di stress dovuta all’incapacità di adattarsi alle nuove tecnologie, si manifesta in diverse condizioni come insoddisfazione lavorativa, percezione di essere svuotati dalla tecnologia, sentimenti di esaurimento, perdita di motivazione, frustrazione e burnout nervoso. Ulteriori problemi associati alla digitalizzazione, come la paura della sostituzione, l’iperconnettività stressante, la diminuzione dei lavori manuali e l’ansia da digitalizzazione, possono ulteriormente causare o aggravare problemi di salute mentale.

Pertanto, i governi e le altre autorità sanitarie devono adottare la digitalizzazione solo dopo aver valutato il suo rapporto rischio-beneficio.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Teepe GW, Glase EM, Reips U. PLoS One 2023; 18(4).

Fancourt D et al. Lancet Psychiatry2021; 8(2):141–149.

Prati G, Mancini AD. Psychol Med. 2021; 51(2):201–211.

Rehm J et al. Drug Alcohol Rev. 2020; 39(4):301–304.

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

L’impatto della cannabis sui giovani e la loro gestione emotiva: ma le ragazze sono più vulnerabili?

Il tasso di consumo di cannabis è più alto tra gli studenti universitari tra i 18 ei 21 anni. Sia nel 2018 che nel...

Two conferences for the price of one: sharing knowledge and intentions for diabetes and obesity

Metabolic or bariatric surgery results in superior glycemic control, less medication usage and high rates of remission of Type 2 diabetes than medical or...

Neuromielite ottica: l’antistaminico giova alla qualità di vita

L'aggiunta di cetirizina (la popolare terapia di allergia venduta con il marchio Zyrtec) alla terapia standard è sicura, ben tollerata e può ridurre le...

Questo si chiuderà in 20 secondi