martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Mal di testa fra gli adolescenti: la pandemia ha sicuramente riscosso il suo tributo sulla salute

Una ricerca presentata al Congresso dell’Accademia Europea di Neurologia (EAN) 2022 ha rilevato che oltre un terzo degli scolari che hanno ricevuto lezioni online durante la pandemia di COVID-19 ha riportato un peggioramento dei sintomi del mal di testa o mal di testa di nuova insorgenza, Tempo di esposizione prolungato a gli schermi dei computer, la mancanza di condizioni adeguate per l’apprendimento online da casa, gli esami scolastici e le ansie per COVID-19 sono stati tutti fattori di rischio per il peggioramento dei sintomi del mal di testa o per l’insorgenza di mal di testa di nuova insorgenza. Sebbene studi precedenti riportassero che i giovani avevano meno mal di testa a causa della chiusura delle scuole nelle prime settimane e nei primi mesi di COVID-19, questo studio a lungo termine ha scoperto che lo stress e le pressioni a più livelli della pandemia alla fine hanno avuto il loro tributo.

Lo studio multicentrico ha analizzato 851 adolescenti di età compresa tra 10 e 18 anni, con 756 (89%) bambini che hanno riportato mal di testa durante il periodo di studio. Tra questi bambini, il 10% ha riportato mal di testa di nuova insorgenza durante il periodo di istruzione domiciliare pandemica. Oltre un quarto (27%) dei bambini ha affermato che il mal di testa è peggiorato, il 61% ha affermato che il mal di testa è rimasto stabile eil 3% ha affermato che il mal di testa è migliorato. Coloro che hanno riportato mal di testa peggiorati o di nuova insorgenza hanno sofferto di mal di testa in media 8-9 volte al mese; un dato superiore ai valori di emicrania per un adulto. Oltre la metà dei bambini all’interno di questo gruppo (43%) usava antidolorifici almeno una volta al mese rispetto a un terzo (33%) nel gruppo stabile. E i dati complessivi non hanno supportato una tendenza alla riduzione del mal di testa e della gravità durante la pandemia.

Lo studio ha scoperto che il mal di testa ha avuto un grande impatto sulla salute mentale e sui risultati scolastici. I punteggi di depressione e ansia, inclusa l’ansia di contrarre COVID-19, erano significativamente più alti nei gruppi di cefalea peggiorata e di nuova insorgenza. Questi intervistati hanno anche riconosciuto di aver fatto meno sforzi con i loro compiti scolastici e che i loro risultati accademici erano diminuiti. Anche gli esami, il vivere in una città, l’aumento di peso e la depressione sono stati collegati a episodi di mal di testa più frequenti all’interno dello studio. Il mal di testa è il problema neurologico più comune nei bambini e negli adolescenti. In questa indagine, la gravità e la frequenza del mal di testa hanno mostrato una correlazione significativa con l’età, la depressione e l’ansia. Un complesso mix di fattori può contribuire al mal di testa, tra cui la qualità del sonno, l’uso di dispositivi elettronici e fattori socioeconomici.

Per non parlare del fattore psicologico stesso. Nessuno si è imbattuto in una pandemia da un secolo a questa parte e il ritrovarsi “prigionieri” (nel senso buono, a fin di bene, e non in quello additato da affermazioni di dubbia intelligenza), ha sicuramente riscosso il suo tributo a livello globale. Ma tutte le fasce sono state colpite e bambini ed adolescenti non ne sono rimasti fuori. Per un essere più fragile come un bambino, il vedere una tale emergenza, un radicale cambio di abitudini, la preoccupazione dei genitori alle prese con problemi di lavoro o economici o di altra sorta, per non parlare di occasionale “terrorismo mediatico” avvenuto nel frattempo, tutto questo può suscitare sentimenti di inadeguatezza ed impotenza nella sua mente immatura. Il mal di testa è un classico sintomo di “voglia di fuggire”, quando non ci sono seri problemi di altra natura: che si tratti di adulti o bambini il significato non cambia.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Rashid SMM et al. Health Sci Rep. 2021; 4(4):e388.

Yamada K et al. Sci Rep. 2021 Sep 20; 11(1):18643.

Papetti L et al. Cephalalgia. 2020; 40(13):1459-473.

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Le differenze uomo-donna per le malattie autoimmuni: il complesso Xist detta le leggi del cromosoma X

Dopo i tumori e le malattie cardiovascolari, i disturbi autoimmuni rappresentano la categoria di malattie più diffusa, con le donne che hanno un’incidenza di...

Alimentazione e menopausa: un confronto per ristabilire la bilancia ormonale

Clinicamente, la menopausa viene diagnosticata quando una donna non ha mestruato per un anno a causa della perdita di attività follicolare ovarica, che si...

Endometriosi: fa prendere chili? Se si, come accade?

L'endometriosi causa aumento di peso? L'endometriosi provoca il tessuto endometriale, che normalmente si estende nell'utero, per svilupparsi al di fuori dell'utero. Può causare dolore cronico,...

Questo si chiuderà in 20 secondi