venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

E’ finita la pandemia? L’OMS dichiara la fine dell’emergenza globale

E’ di oggi la dichiarazione del responsabile principale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il Dr. Ghebreyesus, che l’emergenza mondiale legata al COVID-19 è “speranzosamente” conclusa. La decisione è stata presa su consiglio di un comitato di esperti indipendenti, il cosiddetto comitato per l’emergenza COVID-19, che si è riunito giovedì per la quindicesima volta dall’inizio dell’emergenza. E quello “speranzosamente” non è stato detto a caso: il direttore ha avvertito che la minaccia causata dal virus rimane, non è sparita per sempre ma restarà per conviverci.

Testualmente il dorettore ha affermato che “si è trattato di una decisione presa con estrema cautela. Non esiterò a proclamare una nuova emergenza, se la situazione dovesse cambiare”. In Germania, alcune settimane fa il ministro della salute ha pubblicamente dichiarato che l’emergenza COVID era da considerarsi conclusa e che non c’era più nulla da preoccuparsi. O il ministro aveva avuto le anteprima del Dr. Ghebreyesus o ha preferito affidarsi all’intuito politico. Molti, dall’altro lato, se ne sono accorti da soli, andando in giro e osservando la quasi totale assenza di persone che anche nei luoghi chiusi più a rischio non indossano la mascherina.

Si può osservare ancora qualcuno, generalmente più avanti d’età, che continua a portarla quando entra in qualche negozio, al supermercato o dal tabaccaio. E’ molto probabile che si tratti di persone che hanno qualche patologia medica, per cui il loro medico di condotta gli ha cautelativamente consigliato di nono esporsi in modo imprudente, specie se hanno rifiutato di vaccinarsi. I funzionari dell’OMS hanno dichirato che è finita la fase di “emergenza internazionale”, ma la pandemia non è scomparsa. Sicuramente dopo più di tre anni le persone sono “stanche e stufe” di sentire parlare di COVID e molti prenderanno il messaggio come il “mettiamoci una pietra sopra”.

Ma non è cosi. L’OMS ha ufficalmente dichiarato qualche mese fa che il bilancio finale non è 6-7 milioni come si indicava inizialmente e che probabilmente si avvicinava al doppio. Adesso la stima rilasciata è di almeno 20 milioni morti. Non sono irreali, se si pensa che la conta giornaliera dei morti operata dalla Johns Hopkins University ha mancato i mesi precendenti all’inizio ufficiale; e non ha contato i casi di polmonite atipica avutisi almeno un anno prima, costati anche dei morti, e per i quali non si era risuciti ad indentificare un virus. Per non contare tutte le morti non registrate in Medio Oriente, negli entroterra di molti stati asiatici ed africani e sud-americani.

Droni e satelliti che sorvolavano quelle regioni hanno visto cadaveri per le strade degli entroterra e grandi cimiteri e fosse comuni, di cui si dubita la registrazione ufficiale. Anche se Alfa, Beta, Gamma e Delta sono state soppiantate, non si possono ignorare le varianti Omicron con tutte le loro sottovarianti, che potrebbero benissimo essere nuovamente diffuse dai viaggi internazionali ed essere responsabili di nuovi casi e morti. Il messaggio non è “adesso possiamo tornare a fare quello che vogliamo”; piuttosto è “torniamo alla normalità ma non abbassiamo la guardia”.

Anche perchè non è sempre estate, ed Omicron e sottovarianti passano assieme ad influenza, polmoniti e mal di gola durante l’inverno, come è già successo. E chi è più debole o è ammalato di condizioni a rischio può avere la peggio. Questo potrebbe giustificare la validità della nuova circolare emessa dal Ministero della Salute, che dal 1° Maggio ha esteso l’uso della mascherina in tutte le strutture sanitarie fino al prossimo 31 Dicembre.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Paura dello stress duraturo? Niente paura, fa male anche quello breve

Trattare con ansia, depressione e stress a livelli intensi per un lungo periodo può avere un impatto sulla nostra salute fisica a lungo termine....

Ataxia-teleangectasia: il gene malato rivela una nuova funzione

Una ragione per cui dovremmo mangiare una varietà di frutta e verdura colorata è perché contengono composti nutrienti chiamati antiossidanti. Queste molecole contrastano il...

Serotonina: non solo per umore e memoria, anche per imparare

La serotonina è uno dei principali mediatori chimici utilizzati dalle cellule nervose per comunicare tra loro e i suoi effetti sul comportamento non sono...