giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Dermatite atopica: la gravidanza rivela un segreto da applicare

  • Una proteina che protegge il feto durante la gravidanza, HLA-G1, mostra un alto potenziale per il trattamento della dermatite atopica e di altre malattie correlate.

La dermatite atopica (AD) è una forma cronica di eczema comunemente osservata nei paesi sviluppati, in particolare nei bambini. Si verifica a seguito di una reazione immunitaria ipersensibile ma il meccanismo esatto è sconosciuto. Provoca arrossamento della pelle, prurito, desquamazione e vescicole. È stato dimostrato che le biopsie cutanee dal patch test e la fase iniziale di lesioni spontanee di AD, hanno un infiltrato principalmente di linfociti Th2 in contrasto con le lesioni croniche spontanee di fase infiammatoria, infiltrate da globuli bianchi che esprimono IFN-γ e IL12. Inoltre, IL10 è una delle più importanti citochine nell’AD poiché viene prodotta in grandi quantità dai leucociti. Quasi 20 anni fa, è stata dimostrata la presenza di recettori di cellule natural killer (NKR) su cellule T effettrici. L’antigene leucocitario umano HLA-G è una proteina che interagisce con specifici recettori cellulari per inibire le risposte immunitarie. La proteina è meglio conosciuta per il suo ruolo nel proteggere il feto dall’attacco del sistema immunitario della madre. L’espressione di HLA-G è indotta da IL10 o IFN-γ, due principali citochine immunitarie antinfiammatorie. Un team di ricercatori dell’Università di Hokkaido in Giappone l’ha usato con successo per trattare i topi con una forma indotta di dermatite atopica.

Secondo il documento pubblicato sulla rivista International Immunopharmacology, il professor Katsumi Maenaka e il suo team hanno usato un estratto ottenuto da un comune acaro della polvere per indurre la dermatite atopica nei topi. Gli acari della polvere sono noti come allergeni causali nella dermatite atopica. Sanguinamento, cicatrici e pelle secca erano evidenti dopo aver applicato l’estratto sopra e attorno alle orecchie dei topi per 15 giorni. Campioni di sangue hanno anche mostrato evidenza di una reazione immunitaria. Le aree interessate intorno alle orecchie sono state quindi trattate con HLA-G1 topico, una forma importante di HLA-G, a giorni alterni per 20 giorni. Queste proteine ​​HLA-G1 erano state prodotte in batteri e purificate per gli esperimenti. La somministrazione continua di HLA-G1 ha migliorato le lesioni cutanee simili a AD nei topi. L’analisi del campione di sangue ha anche mostrato una riduzione della risposta immunitaria rispetto ai topi non trattati: la produzione di immunoglobulina E, interleuchina (IL) -13 e IL-17A è stata significativamente ridotta nei topi trattati con HLA-G1. Altri esperimenti hanno dimostrato che la funzione soppressiva dell’HLA-G1 coinvolge l’inibizione dei linfociti (sottotipo Th2) che agiscono nelle reazioni allergiche.

Questo sta suggerendo una funzione immuno-inibitoria mediata da Th2 / Th17 di HLA-G1 in vivo. Il team ha precedentemente riferito che le proteine ​​HLA-G possono sopprimere il gonfiore articolare in un modello animale per l’artrite reumatoide (CIA). Una singola somministrazione di HLA-G2 ha mantenuto un effetto soppressivo per oltre 1 mese nei topi trattati. I risultati suggeriscono che l’HLA-G1 potrebbe migliorare le condizioni sopprimendo un’eccessiva reazione allergica nel modello di dermatite atopica. È importante sottolineare che i topi trattati non hanno mostrato la perdita di peso, un effetto collaterale comune nei trattamenti di dermatite anti-atopica. Poiché l’HLA-G è stata costantemente trovata nell’infiltrato dermico AD, questa molecola può essere parte di percorsi inibitori implicati nelle evoluzioni spontaneamente favorevoli che possono verificarsi nel corso dell’AD e nell’immunodeficienza locale osservata. La dottoressa Maenaka commenta con cautela: “Il nostro studio fornisce nuove informazioni sulla funzione delle proteine ​​HLA-G, una volta che conosciamo a quale recettore si legano e quale tipo di linfociti sono coinvolti nella sua attività. Questo può fornire indizi su strategie terapeutiche efficaci per pazienti con dermatite atopica, artrite reumatoide e altre malattie correlate Abbiamo bisogno di ulteriori indagini per capire meglio il meccanismo soppressivo dell’HLA-G contro le reazioni immunitarie eccessive”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Maeda N et al. Int Immunopharmacol. 2017 Sep;50:202-207.

Kaminski V et al. Med Hypotheses. 2017 May; 102:146-149.

Takahashi A et al., Maenaka K. Hum Immunol. 2016; 77(9):754.

Murdaca G, Contini P et al. J Immunol Res. 2016;2016:6865758.

Khosrotehrani K et al. J Invest Dermatol. 2001 Sep; 117:750-52.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Dieta ipercalorica e rischio Alzheimer: trovata una potenziale relazione

La malattia di Alzheimer, la forma più comune di demenza, è una malattia progressiva del cervello che porta alla perdita di capacità cognitive e...

E’ finita la pandemia? L’OMS dichiara la fine dell’emergenza globale

E' di oggi la dichiarazione del responsabile principale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il Dr. Ghebreyesus, che l'emergenza mondiale legata al COVID-19 è "speranzosamente"...

Preventing by repurposing: from sleep sickness to diabetness, DMFO gets into the “sweet field”

Type 1 diabetes is an autoimmune disease that causes the body's immune system to attack and destroy insulin-producing beta cells in the pancreas. Traditional...

Questo si chiuderà in 20 secondi