sabato, Luglio 13, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Come cambiano la salute cardiovascolare e renale dopo diagnosi di diabete o il suo trattamento farmacologico

Le malattie cardiovascolari (CVD) sono la principale causa di mortalità a livello mondiale, mentre il diabete di tipo 2 (T2D) è una malattia di passaggio verso le CVD. Uno studio ha rivelato maggiori rischi di malattia coronarica (CHD) e di ictus nei pazienti diabetici rispetto ai soggetti non diabetici. Si prevede che la prevalenza globale del T2D supererà il 10% entro il 2030. Pertanto, la prevenzione della CVD nelle persone con diabete potrebbe avere un significato per la salute pubblica. L’ipercolesterolemia è un fattore di rischio significativo per la CVD e i suoi effetti avversi sulla CVD potrebbero essere più evidenti negli individui con condizioni metaboliche, ad esempio diabete. I pazienti diabetici possono essere più suscettibili all’impatto negativo dell’ipercolesterolemia sul rischio di CVD. Tuttavia, la diagnosi di T2D si traduce spesso in cambiamenti positivi nello stile di vita che aiutano a ridurre l’ipercolesterolemia o il rischio di malattie cardiovascolari.

In una ultima indagine, i ricercatori hanno esplorato la relazione tra il cambiamento dei livelli di colesterolo totale prima e dopo la diagnosi di T2D con il rischio di CVD. Hanno selezionato i partecipanti con T2D dal 2003 al 2012 dal Servizio Nazionale di Assicurazione Sanitaria in Corea. Lo studio ha incluso 23.821 partecipanti ed il 9,9% è stato diagnosticato con CVD. L’incidenza di CHD e ictus è stata rispettivamente del 4,9% e del 5,1%. I pazienti con livelli aumentati di TC dopo la diagnosi di T2D avevano probabilmente un uso più elevato di farmaci ipolipemizzanti, indice di massa corporea (BMI), glicemia a digiuno, pressione sanguigna, aspartato transaminasi, alanina transaminasi e minore attività fisica rispetto a quelli che avevano una costante o livelli di TC invariati dopo la diagnosi di T2D. La maggior parte dei partecipanti che assumevano farmaci ipolipemizzanti utilizzava statine.

La probabilità cumulativa dell’incidenza di CVD non fatale tra i pazienti con T2D era significativamente elevata nei gruppi basso-medio, basso-alto e medio-alto. Al contrario, era significativamente inferiore nei gruppi medio-bassi, medio-alti e alti-bassi. Livelli più alti e più bassi di TC dopo la diagnosi di T2D erano associati rispettivamente a un rischio CVD elevato e ridotto. Il rischio di CVD è aumentato nei gruppi medio-basso e basso-alto, ma è diminuito nel gruppo medio-alto tra i partecipanti che non utilizzavano farmaci ipolipemizzanti. Tra i pazienti che hanno utilizzato questi farmaci, il rischio di CVD era più alto nel gruppo medio-basso ma inferiore nei gruppi medio-alto e alto-basso. Non c’era alcuna associazione tra il rischio CVD e le variazioni dei livelli di trigliceridi e HDL-C prima e dopo la diagnosi di T2D.

Tuttavia, un aumento di 10 mg/dL dei livelli di LDL-C dopo la diagnosi di T2D rispetto ai livelli pre-diagnosi è stato associato a un rischio più elevato di CVD e CHD, specialmente tra coloro che utilizzano farmaci ipolipemizzanti. Nel loro insieme, l’aumento dei livelli di colesterolo totale nei pazienti con T2D rispetto ai livelli pre-diagnosi era associato a un rischio più elevato di CVD. Pertanto, i risultati suggeriscono che la gestione dei livelli di colesterolo nei pazienti diabetici potrebbe essere clinicamente significativa nel mitigare il rischio cardiologico futuro. Ma non è solo il sistema cardiovascolare a soffrire o ad avere ripercussioni dopo la diagnosi di un diabete o la sua progressione: anche l’apparato renale è un bersaglio comune nel 90% dei casi. La causa principale dell’insufficienza renale e della malattia renale cronica (MRC) in tutto il mondo è il diabete.

Il trattamento tempestivo dei livelli glicemici è essenziale per ritardare o prevenire la malattia renale diabetica. Studi clinici condotti su pazienti con diabete di tipo 1 e 2 hanno dimostrato che un controllo glicemico intensivo riduce il rischio di albuminuria e insufficienza renale e previene la riduzione della velocità di filtrazione glomerulare stimata (eGFR). Diverse classi di farmaci hanno recentemente mostrato benefici ai reni non correlati agli effetti glicemici nei casi di diabete di tipo 2. I farmaci appartenenti agli inibitori della dipeptidil peptidasi 4 (DPP-4), agli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio-2 (SGLT2) e agli agonisti del recettore del glucagonlike peptide-1 (GLP-1) si sono dimostrati efficaci nel ridurre l’albuminuria nei pazienti con diabete renale malattia mentre entrambi gli inibitori SGLT2 e GLP-1 hanno migliorato l’eGFR nel tempo. Tuttavia, non è chiaro se il trattamento con farmaci ipoglicemizzanti che non sono inibitori SGLT2 sia direttamente vantaggioso per i pazienti con diabete di tipo 2 senza malattia renale diabetica.

In un’indagine dedicata, i ricercatori hanno valutato gli esiti renali dettagliati dopo la somministrazione degli interventi inclusi negli approcci di riduzione della glicemia nel diabete (studio GRADE). Le quattro classi di farmaci aggiunti alla metformina e comunemente usati per abbassare i livelli di glucosio includono sitagliptin, che è un inibitore della DPP-4; liraglutide, agonista del recettore del GLP-1; la sulfanilurea glimepiride; e glargine, l’insulina basale. Lo studio ha incluso partecipanti a cui era stato diagnosticato il diabete di tipo 2 all’età di 30 anni o più, avevano il diabete da meno di 10 anni, un’emoglobina glicata (HbA1c) del 6,8-8,5% ed erano in trattamento con metformina. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a interventi costituiti da sitagliptin, liraglutide, glimepiride e insulina glargine insieme a metformina. Il controllo glicemico è stato inizialmente monitorato attraverso i valori di HbA1c e successivamente attraverso i livelli basali e prandiali di insulina.

I risultati misurati includevano il peso corporeo, la pressione sanguigna seduta e le analisi dell’albumina e della creatinina per determinare la funzione renale. La variazione di filtrato glomerulare (eGFR) tra il primo anno e il follow-up è stato uno dei principali risultati misurati. I risultati hanno indicato che le quattro classi di farmaci ipoglicemizzanti insieme alla metformina non sembravano fare alcuna differenza significativa per la funzione renale nei cinque anni di follow- su. La pendenza dell’eGFR o la progressione dell’albuminuria non hanno mostrato alcun cambiamento durante il follow-up. L’incidenza cumulativa degli esiti compositi della progressione della malattia renale, in gran parte rappresentata dalla progressione dell’albuminuria, era dell’11,5% alla fine del follow-up di 5 anni. Tuttavia, questa cifra era inferiore all’incidenza quinquennale di malattia renale diabetica osservata in una coorte prospettica composta da pazienti con diabete di nuova diagnosi nel Regno Unito, che riportava un aumento dell’albuminuria del 17,3%.

Anche le analisi dei sottogruppi che esaminano l’eterogeneità basata su fattori quali etnia, sesso, età, indice di massa corporea, livelli di HbA1c e ipertensione hanno riportato risultati nulli. Nel complesso, i risultati hanno riportato che nessuna delle quattro classi di farmaci per la gestione della glicemia ha mostrato un vantaggio nel prevenire la progressione della malattia renale diabetica tra i pazienti con diabete di tipo 2. Pertanto, vi è la necessità di studi epidemiologici per identificare i fattori di rischio potenzialmente modificabili per prevenire la progressione della malattia renale associata al diabete. E una migliore comprensione della biologia e della biochimica della nefropatia diabetica per trovare un migliore bersaglio molecolare, poiché gli attuali farmaci sembrano essere inefficaci nell’antagonizzare la progressione della condizione.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wexler DJ et al. JAMA Internal Med 2023 May 22:e231487.

Khil J, Kim SM et al. Sci Rep, 2023 May 23; 13(1):8342.

Iwata Y, Notsu S et al. Sci Rep. 2023 Mar; 13(1):4849.

Jongs N et al. Lancet Diab Endocrinol. 2021; 9(11):755.

Nichols GA et al. BMC Nephrol. 2020 May; 21(1):167.

Gotsman I et al. Clinical Cardiol. 2019; 42(3):365–372.

Anders HJ et al. Nat Rev Nephrol. 2018; 14(6):361–77.

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Malattia di Parkinson: svelati dettagli sulla proteina “tossica” colpevole

La malattia di Parkinson è una malattia neurodegenerativa che peggiora nel tempo. I sintomi più comuni della condizione includono tremori, rigidità muscolare, compromissione dell'equilibrio...

Caccia alle cellule dormienti nel tumore mammario: la sorpresa della diversa sensibilità cellulare ai farmaci

Sebbene la sopravvivenza del cancro al seno continui a migliorare, grazie ai progressi nella diagnosi e nel trattamento, quando esso si ripresenta – o...

PCOS: what oxidative stress and markers are trying to tell us?

Polycystic ovarian syndrome (PCOS) is the most frequently observed endocrinopathy in women of reproductive age. Although the figures vary according to diagnostic criteria, its...

Questo si chiuderà in 20 secondi