lunedì, Ottobre 2, 2023

Lung cancer prevention by Ganoderma mushroom: preliminaries pave clinical possibilities

Lung cancer is one of the leading causes of...

Neuroblastoma pediatrico: l’interruttore che fa partire il tumore si chiama IGF2BP1

I neuroblastomi sono tumori del sistema nervoso sia centrale...

Sulle malattie infiammatorie intestinali: soffire di mal di testa può aumentarne il rischio?

L'emicrania è un disturbo neurologico remittente che colpisce la...

Il rischio occupazionale per il cancro delle ovaie: fattori e categorie più esposte

Sono stati identificati pochi fattori di rischio modificabili per il cancro ovarico. I fattori ambientali, compresi quelli associati al posto di lavoro, possono aumentare il rischio, ma relativamente pochi studi hanno valutato i rischi professionali affrontati dalle donne, affermano i ricercatori. E quelli che hanno, spesso non sono riusciti a tenere conto di fattori potenzialmente influenti, storia lavorativa precedente o hanno incluso relativamente pochi partecipanti, limitando così i risultati. Uno studio caso-controllo pubblicato sulla rivista Occupational Environmental Medicine rileva che parrucchieri, estetisti e contabili sono tra alcuni ruoli lavorativi che possono essere associati a un aumentato rischio di cancro ovarico. Anche coloro che lavorano nei settori delle vendite al dettaglio e dell’abbigliamento possono essere vulnerabili, mentre un’elevata esposizione cumulativa a particolari agenti, tra cui talco, ammoniaca, solventi e candeggine, può avere un ruolo importante, suggeriscono i risultati.

Per avere un quadro più chiaro, i ricercatori hanno attinto alla storia lavorativa una tantum da uno studio caso-controllo basato sulla popolazione, per svolgere un’analisi esplorativa che esamina due dimensioni dell’ambiente di lavoro: occupazione in un particolare ruolo o settore; ed esposizioni professionali specifiche. Includevano i partecipanti allo studio PRevention of OVArian Cancer in Quebec (PROVAQ), tutti di età compresa tra 18 e 79 anni e che erano stati reclutati da sette ospedali di Montreal tra il 2010 e il 2016 dopo la diagnosi di carcinoma ovarico epiteliale. In tutto, 491 di queste donne che soddisfacevano i criteri di inclusione per il presente studio sono state confrontate per età e distretto elettorale con 897 donne che non avevano il cancro alle ovaie. Sono state raccolte informazioni da tutti i partecipanti su background sociodemografico, anamnesi, farmaci prescritti, storia riproduttiva, stile di vita e storia lavorativa a vita.

La maggior parte delle donne con carcinoma ovarico aveva un livello di istruzione inferiore, un uso più breve di contraccettivi orali e nessuno o meno figli rispetto alle donne nel gruppo di confronto. Questi sono tutti potenziali fattori di rischio per la malattia. Per ogni lavoro svolto per almeno 6 mesi, i partecipanti hanno riportato il titolo del lavoro: date di inizio e fine; orario compreso il lavoro a turni; e le principali mansioni svolte. La durata cumulativa dell’occupazione è stata quindi classificata come mai, meno di 10 anni e 10 o più anni. La matrice CANJEM è stata utilizzata per calcolare l’esposizione dei partecipanti ad agenti specifici sul posto di lavoro, ed è stata quindi valutata la relazione tra l’esposizione a ciascuno dei 29 agenti più comuni e il rischio di tumore ovarico. Dopo aver tenuto conto dei fattori potenzialmente influenti, i calcoli hanno indicato che diversi ruoli lavorativi possono essere collegati a un aumento del rischio di malattia.

Nello specifico, lavorare per 10 o più anni come parrucchiere, barbiere, estetista e in ruoli correlati è stato associato a un rischio tre volte più elevato, mentre l’occupazione per 10 o più anni nella contabilità è stata associata a un raddoppio del rischio e lavorare nell’edilizia con un rischio quasi triplicato. Allo stesso modo, il lavoro a lungo termine nell’industria dell’abbigliamento, compreso il ricamo, era associato a un rischio maggiore dell’85% di sviluppare la malattia mentre il lavoro nelle vendite o al dettaglio era associato a rischi maggiori, rispettivamente del 45% e del 59%. Sono stati osservati rischi maggiori di oltre il 40% per un’elevata esposizione cumulativa (8 o più anni, rispetto a nessuno) a 18 agenti diversi. Questi includevano polvere di talco; ammoniacali; formaldeide; perossido di idrogeno; smacchiatori, polvere per capelli; fibre sintetiche; coloranti e pigmenti organici; idrocarburi naturalmente presenti nella benzina.

Parrucchieri, estetisti e lavoratori correlati sono stati i lavori più frequentemente esposti a 13 agenti, tra cui ammoniaca, perossido di idrogeno, coloranti, pigmenti organici e smacchiatori, e la seconda occupazione più frequente esposta al talco. Non è chiaro, tuttavia, se queste associazioni siano state guidate da un singolo agente, una combinazione o altri fattori sul posto di lavoro, affermano i ricercatori. Il numero di donne impiegate in determinate occupazioni (carta, stampa, produzione tessile, lavaggio a secco, manifattura) o che erano state esposte ad agenti specifici, compresi quelli precedentemente segnalati come potenziali fattori di rischio di cancro ovarico (amianto e pesticidi) – era piccolo, riconoscere i ricercatori. E alcune associazioni statisticamente significative osservate erano probabilmente dovute al caso, visto il numero di analisi effettuate.

Tuttavia, gli scienziati concludono che i loro risultati suggeriscono che l’occupazione in determinate professioni e specifiche esposizioni professionali possono essere associate a un aumento dei rischi di cancro alle ovaie. In un commento allegato, le dott.sse Melissa Friesen e Laura Beane Freeman del National Cancer Institute americano, hanno affermato: “L’attuale studio ci ricorda che mentre la mancanza di rappresentanza delle donne negli studi sul cancro professionale (e in effetti, anche potenziali strategie per affrontare questo problema) sono da tempo riconosciuti, è ancora necessario migliorare lo studio dei rischi professionali delle donne. Escludendo le donne, perdiamo l’opportunità di identificare i fattori di rischio per tumori specifici femminili, di valutare se si verificano differenze di rischio specifiche per sesso e di studiare le esposizioni che avvengono in lavori svolti principalmente da donne”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Leung L et al. Occup Envir Med. 2023 Jul; oemed-2022-108557.

Vasquez-Garcia I et al. Nature 2022 Dec; 612(7841):778-786.

Bounin A, Charbotel B et al. Bull Cancer 2014; 101(12):1089.

Shields T, Grindlkey G et al. Amer J Ind Med 2002; 42(3):200.

Latest

Lung cancer prevention by Ganoderma mushroom: preliminaries pave clinical possibilities

Lung cancer is one of the leading causes of...

Neuroblastoma pediatrico: l’interruttore che fa partire il tumore si chiama IGF2BP1

I neuroblastomi sono tumori del sistema nervoso sia centrale...

Sulle malattie infiammatorie intestinali: soffire di mal di testa può aumentarne il rischio?

L'emicrania è un disturbo neurologico remittente che colpisce la...

Il ruolo dei grassi nel sistema immunitario: chi ha detto che servono solo all’energia?

Quando si parla di grassi, li si associa convenzionalmente...

Newsletter

Don't miss

Lung cancer prevention by Ganoderma mushroom: preliminaries pave clinical possibilities

Lung cancer is one of the leading causes of...

Neuroblastoma pediatrico: l’interruttore che fa partire il tumore si chiama IGF2BP1

I neuroblastomi sono tumori del sistema nervoso sia centrale...

Sulle malattie infiammatorie intestinali: soffire di mal di testa può aumentarne il rischio?

L'emicrania è un disturbo neurologico remittente che colpisce la...

Il ruolo dei grassi nel sistema immunitario: chi ha detto che servono solo all’energia?

Quando si parla di grassi, li si associa convenzionalmente...

How does tea protect lung health? Science facts to date

Chronic obstructive pulmonary disease (COPD) is characterized by chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Cervelletto: per coordinare non solo i movimenti, anche i pensieri

È noto che alcune aree del cervello sono responsabili di alcune funzioni del corpo. Il cervelletto, una struttura che si trova nella parte posteriore...

Progesterone: il vecchio ormone si veste di nuovo per fermare il Parkinson dall’intestino?

Il sistema nervoso enterico (SNE) è una rete complessa che si estende lungo l'intero tratto gastrointestinale. Consiste di circa 100 milioni di cellule nervose,...

Allarme invasore: come i sensori di confine allertano l’immunità

Il corpo è costantemente attaccato da batteri e virus estranei che occasionalmente penetrano nelle cellule del corpo, dove molecole specifiche del microrganismo - come...