lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Il rischio occupazionale per il cancro delle ovaie: fattori e categorie più esposte

Sono stati identificati pochi fattori di rischio modificabili per il cancro ovarico. I fattori ambientali, compresi quelli associati al posto di lavoro, possono aumentare il rischio, ma relativamente pochi studi hanno valutato i rischi professionali affrontati dalle donne, affermano i ricercatori. E quelli che hanno, spesso non sono riusciti a tenere conto di fattori potenzialmente influenti, storia lavorativa precedente o hanno incluso relativamente pochi partecipanti, limitando così i risultati. Uno studio caso-controllo pubblicato sulla rivista Occupational Environmental Medicine rileva che parrucchieri, estetisti e contabili sono tra alcuni ruoli lavorativi che possono essere associati a un aumentato rischio di cancro ovarico. Anche coloro che lavorano nei settori delle vendite al dettaglio e dell’abbigliamento possono essere vulnerabili, mentre un’elevata esposizione cumulativa a particolari agenti, tra cui talco, ammoniaca, solventi e candeggine, può avere un ruolo importante, suggeriscono i risultati.

Per avere un quadro più chiaro, i ricercatori hanno attinto alla storia lavorativa una tantum da uno studio caso-controllo basato sulla popolazione, per svolgere un’analisi esplorativa che esamina due dimensioni dell’ambiente di lavoro: occupazione in un particolare ruolo o settore; ed esposizioni professionali specifiche. Includevano i partecipanti allo studio PRevention of OVArian Cancer in Quebec (PROVAQ), tutti di età compresa tra 18 e 79 anni e che erano stati reclutati da sette ospedali di Montreal tra il 2010 e il 2016 dopo la diagnosi di carcinoma ovarico epiteliale. In tutto, 491 di queste donne che soddisfacevano i criteri di inclusione per il presente studio sono state confrontate per età e distretto elettorale con 897 donne che non avevano il cancro alle ovaie. Sono state raccolte informazioni da tutti i partecipanti su background sociodemografico, anamnesi, farmaci prescritti, storia riproduttiva, stile di vita e storia lavorativa a vita.

La maggior parte delle donne con carcinoma ovarico aveva un livello di istruzione inferiore, un uso più breve di contraccettivi orali e nessuno o meno figli rispetto alle donne nel gruppo di confronto. Questi sono tutti potenziali fattori di rischio per la malattia. Per ogni lavoro svolto per almeno 6 mesi, i partecipanti hanno riportato il titolo del lavoro: date di inizio e fine; orario compreso il lavoro a turni; e le principali mansioni svolte. La durata cumulativa dell’occupazione è stata quindi classificata come mai, meno di 10 anni e 10 o più anni. La matrice CANJEM è stata utilizzata per calcolare l’esposizione dei partecipanti ad agenti specifici sul posto di lavoro, ed è stata quindi valutata la relazione tra l’esposizione a ciascuno dei 29 agenti più comuni e il rischio di tumore ovarico. Dopo aver tenuto conto dei fattori potenzialmente influenti, i calcoli hanno indicato che diversi ruoli lavorativi possono essere collegati a un aumento del rischio di malattia.

Nello specifico, lavorare per 10 o più anni come parrucchiere, barbiere, estetista e in ruoli correlati è stato associato a un rischio tre volte più elevato, mentre l’occupazione per 10 o più anni nella contabilità è stata associata a un raddoppio del rischio e lavorare nell’edilizia con un rischio quasi triplicato. Allo stesso modo, il lavoro a lungo termine nell’industria dell’abbigliamento, compreso il ricamo, era associato a un rischio maggiore dell’85% di sviluppare la malattia mentre il lavoro nelle vendite o al dettaglio era associato a rischi maggiori, rispettivamente del 45% e del 59%. Sono stati osservati rischi maggiori di oltre il 40% per un’elevata esposizione cumulativa (8 o più anni, rispetto a nessuno) a 18 agenti diversi. Questi includevano polvere di talco; ammoniacali; formaldeide; perossido di idrogeno; smacchiatori, polvere per capelli; fibre sintetiche; coloranti e pigmenti organici; idrocarburi naturalmente presenti nella benzina.

Parrucchieri, estetisti e lavoratori correlati sono stati i lavori più frequentemente esposti a 13 agenti, tra cui ammoniaca, perossido di idrogeno, coloranti, pigmenti organici e smacchiatori, e la seconda occupazione più frequente esposta al talco. Non è chiaro, tuttavia, se queste associazioni siano state guidate da un singolo agente, una combinazione o altri fattori sul posto di lavoro, affermano i ricercatori. Il numero di donne impiegate in determinate occupazioni (carta, stampa, produzione tessile, lavaggio a secco, manifattura) o che erano state esposte ad agenti specifici, compresi quelli precedentemente segnalati come potenziali fattori di rischio di cancro ovarico (amianto e pesticidi) – era piccolo, riconoscere i ricercatori. E alcune associazioni statisticamente significative osservate erano probabilmente dovute al caso, visto il numero di analisi effettuate.

Tuttavia, gli scienziati concludono che i loro risultati suggeriscono che l’occupazione in determinate professioni e specifiche esposizioni professionali possono essere associate a un aumento dei rischi di cancro alle ovaie. In un commento allegato, le dott.sse Melissa Friesen e Laura Beane Freeman del National Cancer Institute americano, hanno affermato: “L’attuale studio ci ricorda che mentre la mancanza di rappresentanza delle donne negli studi sul cancro professionale (e in effetti, anche potenziali strategie per affrontare questo problema) sono da tempo riconosciuti, è ancora necessario migliorare lo studio dei rischi professionali delle donne. Escludendo le donne, perdiamo l’opportunità di identificare i fattori di rischio per tumori specifici femminili, di valutare se si verificano differenze di rischio specifiche per sesso e di studiare le esposizioni che avvengono in lavori svolti principalmente da donne”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Leung L et al. Occup Envir Med. 2023 Jul; oemed-2022-108557.

Vasquez-Garcia I et al. Nature 2022 Dec; 612(7841):778-786.

Bounin A, Charbotel B et al. Bull Cancer 2014; 101(12):1089.

Shields T, Grindlkey G et al. Amer J Ind Med 2002; 42(3):200.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Are food supplements really useful to strenghten hairs?

There are various external factors that influence the appearance of hair, especially discretionary ones such as cigarette smoking and alcohol abuse between meals which...

Lung cancer flash news: chemokine biomarker and immuno-chemo for a better life quality

Innovational cancer treatments such as immunotherapy are offering new hope to patients. Often these go in conjunction with more common approaches such as regular chemotherapy....

Caduta dei capelli (II): quando è colpa del ferro basso

Introduzione I medici stanno ancora definendo la relazione tra anemia da carenza di ferro e perdita di capelli. Questo perché la caduta di capelli può...

Questo si chiuderà in 20 secondi