mercoledì, Luglio 24, 2024

L’immunità che dialoga costantemente col cervello: il ruolo segreto di C1q nel cervello che matura ed invecchia

Uno studio innovativo condotto presso il laboratorio di Beth...

L’orologio biologico ed il metabolismo: una bilancia che rischia di saltare con certe tipologie di lavoro

Le routine quotidiane della vita sono legate ai modelli...

The risk for cognitive impairment among breast cancer survivors: drug types vs. plausible mechanisms

Breast cancer is the most commonly diagnosed cancer among...

Cefalea al mattino: tanti ce l’hanno, ma da cosa dipende?

Il mal di testa mattutino è una realtà quotidiana per molte persone al risveglio. Esistono diversi tipi di mal di testa, ciascuno associato ai propri fattori di rischio e cause. Gli esempi includono mal di testa, cefalea muscolo-tensiva e mal di testa da uso eccessivo di farmaci. Le donne sono colpite con maggiore probabilità (8.4% contro. 6.7% degli uomini), con una probabilità su 11 se hanno un’età tra i 45 e i 65 anni e sono di solito sofferenti in modo persistente. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i mal di testa sono la terza causa di perdita di tempo per la salute nel mondo. L’assunzione di analgesici non sempre riduce il dolore e in molti casi esso dura tutto il giorno. I mal di testa sono comuni, ma le persone con frequenti mal di testa mattutini dovrebbero preoccuparsi della gravità della condizione? Dipende dalle cause. Ecco le maggiori.

Problemi di sonno

Secondo l’American Migraine Foundation, diversi fattori possono contribuire a, o causare, frequenti mal di testa mattutini. In realtà, qualcosa di semplice come il russare può aumentare il rischio di mal di testa. Il russare è un sintomo comune di apnea del sonno, una condizione in cui il respiro di una persona può fermarsi o diventare molto superficiale mentre sono addormentati. Sebbene non tutto il russare sia legato ai disturbi del sonno, l’apnea notturna è stata associata a frequenti cefalee mattutine. Un recente studio ha esaminato la connessione tra problemi di sonno e mal di testa. Lo studio ha coinvolto più di 1.800 partecipanti adolescenti. Nello studio sono stati identificati tre gruppi: persone con cefalea muscolo-tensiva, persone con emicrania e persone senza mal di testa. Il gruppo con emicrania ha vissuto i periodi più frequenti del risveglio notturno.

Solo il 32% dei partecipanti allo studio con emicrania ha riferito di sentirsi riposati dopo aver dormito. Lo stress, le preoccupazioni quotidiane o l’ansia dell’aspettativa per il giorno dopo, possono alterare la qualità del sonno. Oltre la metà di noi va a letto tardi e si sveglia in anticipo, non riposando quindi le 8 ore “regolamentari”. Accumulando il fenomeno, questo ha ripercussioni sulla qualità del sonno. Anche le emozioni negative e gli incubi ricorrenti possono essere causa di mal di testa al risveglio. Inoltre, quando si è a letto è buona abitudine eliminare distrazioni dovute a vari stimoli di sorta (serrande aperte, luci esterne, lasciare la televisione o piccole luci accese, ecc.), poiché contribuiscono a modificare la qualità del riposo.

Depressione ed ansia

L’insonnia è un sintomo comune di depressione e ansia, che sono entrambi fattori di rischio significativi per mal di testa mattutini ricorrenti. Uno studio del 2016 ha cercato di scoprire la connessione tra i disturbi dell’umore, come l’ansia e la depressione, e l’incidenza di mal di testa. Nello studio, i ricercatori hanno raccolto dati da circa 9.000 partecipanti adulti in 10 diversi paesi europei. Un sondaggio è stato dato ai partecipanti dello schermo perla prevalenza di mal di testa, depressione e ansia. Il tipo prevalente di mal di testa associato a ansia e depressione nello studio, si è rivelato essere un probabile mal di testa da uso eccessivo di farmaci. Il secondo tipo più frequente di mal di testa nello studio era muscolo-tensivo, e l’emicrania era la terza più diffusa. Nello studio, il mal di testa muscolo-tensivo era associato solo all’ansia, non alla depressione.

Uso di alcolici, caffè e farmaci

Uno studio del 2004 ha esaminato il legame tra il mal di testa e l’uso di alcol e droghe. Lo studio ha coinvolto circa 19.000 persone in diversi paesi europei. I partecipanti allo studio che erano forti bevitori di alcolici, bevendo più di 6 porzioni al giorno di alcol, hanno riscontrato più frequenti mal di testa mattutini, rispetto a quelli che hanno bevuto solo 1-2 porzioni di alcol al giorno. Le persone coinvolte nello studio che hanno assunto determinati farmaci per la depressione, l’ansia o l’insonnia hanno registrato un aumento medio del 14% del mal di testa mattutino. L’abuso di caffè è un altro fattore voluttuario in grado di causare cefalea mattutina o giornaliera, se si abusa con le dosi. Non costituisce un problema bere 2 tazzine di caffè al giorno, specie lontano dagli orari del sonno, ovvero dopo colazione o dopo pranzo. Non è consigliabile assumere caffè dopo le 18:00, poiché si rischia di interferire con i naturali meccanismi del sonno. Al contrario, anche rispettando gli orari, non vuol dire avere il via libera con le dosi (>3-4 tazzine al giorno).

Ipertensione e cervicalgia

Picchi di pressione alta possono scatenare l’emicrania al mattino. Questo perché i vasi sanguigni si dilatano, la pressione del flusso sanguigno aumenta e i muscoli si contraggono, con ripercussioni sulla testa. Spesso può associarsi il sintomo della vista offuscata, oppure vertigine quando si cerca discendere dal letto. Avere disturbi a carico della colonna cervicale può portare a mal di testa che viene spesso attribuito ad altre cause come nervosismo ed ansia. Il mal di testa da cervicalgia è insidioso perché spesso porta a non riposare bene durante la notte. Come conseguenza, un cattivo sonno può peggiorare il mal di testa esistente, un po’ come il cane che si morde la coda. Il dolore da cervicalgia può essere dipendente anche da cattive posture assunte durante il giorno (al lavoro, al computer, sul divano, ecc.) o durante la notte (materassi datati, cuscini troppo bassi, posizioni viziate durante il sonno, ecc.). Bisogna accorgersi di queste eventualità per poter eventualmente intervenire in modo giusto.

Bruxismo

Il bruxismo è un disturbo legato alla tensione che, se grave, può causare frequenti mal di testa. Il bruxismo è una condizione diffusa che comporta il digrignamento e il serraggio dei denti. Le persone con il bruxismo possono digrignare i denti sia nel sonno che durante la veglia, senza rendersi conto che lo stanno facendo. Il bruxismo del sonno, associato all’eccitazione durante il sonno, è un tipo specifico di disturbo del movimento correlato al sonno. Le persone che digrignano i loro denti durante il sonno spesso russano e sono anche ad alto rischio di apnea del sonno. La maggior parte delle persone con bruxismo non sono consapevoli di digrignare i denti mentre dormono. Quindi è essenziale conoscere i segni e i sintomi, come digrignare abbastanza forte da svegliare il compagno accanto, denti inspiegabilmente appiattiti, scheggiati o fratturati. Anche dolore alla mascella o alla faccia con muscoli della mascella affaticati; dolore all’orecchio inspiegabile senza apparente problema con l’orecchio. Secondo un recente studio, bere alcolici e fumare tabacco aumentano il rischio di bruxismo.

Carenze nutrizionali

In questo caso, la carenza di un fattore nutrizionale può non causare direttamente mal di testa, ma provocare una delle cause citate che ne stanno dietro, come una cattiva qualità del sonno. Una carenza occulta di magnesio oggi è relativamente comune e può essere una causa non indifferente di sonno sbilanciato. Il magnesio è un rilassante muscolare ed ha un blando effetto sia sedativo che ansiolitico. Esso abbassa la soglia di eccitabilità nervosa; in caso di carenza, può verificarsi incapacità ad addormentarsi o fare esperienza di risvegli notturni multipli. In questo caso, può risultare utile mangiare alimenti ricchi di magnesio a cena (frutta come fichi, avocado, banane e datteri; legumi come piselli, soia e fagioli; frutta secca come mandorle e nocciole).

In un paio di studi le vitamine B6, B12 e l’acido folico sono stati riscontrati benefici per ridurre l’emicrania. Studi precedenti (European Journal of Neurology, 2004) avevano già riportato che alte dosi di B2 (riboflavina) possono aiutare a prevenire gli attacchi di emicrania. Qualche anno fa, dei ricercatori hanno presentato i risultati di uno studio relazionale al Meeting Annuale della Società Americana Cefalea, dimostrando che almeno il 40% dei pazienti con emicrania cronica sono stati trovati carenti di vitamina D. Lo studio ha anche dimostrato che chi ha più a lungo sofferto di emicrania cronica, più è probabile che sia carente di vitamina D.

Quindi, occhio alla causa vera che sta dietro al problema. L’analgesico per il dolore insopportabile va bene, ma poi è meglio non rimandare di indagare a monte.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Nattagh-Eshtivani E et al. Biomed Pharmacother. 2018; 102:317.

Thompson DF et al. J Clin Pharm Ther 2017; 42(4):394-403.

Semelka M et al. Am Fam Physician. 2016; 94(5):355-60.

Stark CD, Stark RJ. Curr Pain Headache Rep 2015; 19(1):468.

Miyamoto M et al. Rinsho Shinkeigaku 2014; 54(12):991-93.

Rains JC, Poceta JS. Neurol Clin. 2012; 30(4):1285-98.

Lavigne G, Palla S. J Am Dent Assoc. 2010; 141(3):297-99.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Inquinamento: come altera le cellule, il metabolismo e le nostre difese cellulari

Un nuovo studio dell’Università di Buffalo basato sui livelli prima, durante e dopo le Olimpiadi di Pechino rivela come l’inquinamento atmosferico colpisce il corpo...

AI/MAL vs. MDR: a new class of antibiotics discovered by machine learning

Infectious diseases, caused by transmissible pathogens including bacteria, eukarya, and viruses, continue to challenge scientists and clinicians despite advances in medicine and basic research...

Antidiabetici, dimagranti e chissà cos’altro ancora: le sorprese dei farmaci agonisti GLP-1 al congresso ENDO 2024

Sabato scorso è iniziato ENDO 2024, il congresso internazionale per l’Endocrinologia, dove al solito verranno esposti tutti i posters dei lavori sperimentali di centinaia...

Questo si chiuderà in 20 secondi