venerdì, Luglio 12, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Il lato oscuro della forza delle autoimmunità: i risvolti sulla salute mentale

Secondo una nuova ricerca dell’Università di Cambridge e del King’s College di Londra, più della metà dei pazienti con patologie autoimmuni sperimenta condizioni di salute mentale come depressione o ansia, ma alla maggior parte raramente o mai viene chiesto in clinica quali siano i sintomi di salute mentale. In uno studio pubblicato oggi su Rheumatology, i ricercatori hanno scoperto che oltre la metà dei pazienti aveva raramente o mai segnalato i propri sintomi di salute mentale a un medico e che la gamma di possibili sintomi di salute mentale e neurologici è molto più ampia di quanto riportato in precedenza. Il team ha esaminato i sintomi neurologici e psichiatrici tra 1.853 pazienti con malattie reumatiche autoimmuni sistemiche (SARD), come per esempio il lupus e l’artrite reumatoide.

I ricercatori hanno inoltre intervistato 289 medici, per lo più reumatologi, psichiatri e neurologi, e hanno condotto 113 interviste con pazienti e medici. I 30 sintomi analizzati dal team includevano affaticamento, allucinazioni, ansia e depressione. Tra i pazienti coinvolti nello studio, l’esperienza della maggior parte di questi sintomi era molto diffusa. Il 55% dei pazienti con SARD soffriva di depressione, il 57% di ansia, l’89% di grave affaticamento e il 70% di disfunzione cognitiva, ad esempio. La prevalenza complessiva dei sintomi era significativamente più alta di quanto si pensasse in precedenza e molto più alta rispetto a un gruppo di controllo di volontari sani. I sintomi di salute mentale descritti dai pazienti contrastavano fortemente con le stime dei medici.

Ad esempio, un numero tre volte superiore di pazienti affetti da lupus ha riferito di aver avuto pensieri suicidi rispetto alla stima dei medici (47% contro 15%). I medici erano spesso sorpresi e preoccupati dalla frequenza e dall’ampia gamma di sintomi che i pazienti riferivano ai ricercatori. Alcuni medici erano molto più concentrati sui sintomi articolari rispetto ai sintomi della salute mentale poiché ritenevano che i SARD non colpissero comunemente il cervello. Tuttavia, altri medici ritenevano che questi sintomi fossero sottostimati perché ai pazienti raramente veniva chiesto riguardo a loro in clinica. Lo studio ha rilevato disaccordi tra i medici specializzati in diversi aspetti della cura, ma pochissimi ospedali disponevano di sistemi efficaci in cui reumatologi, neurologi e psichiatri lavoravano insieme.

Lo studio ha dimostrato che i pazienti erano spesso reticenti a denunciare i propri problemi di salute mentale, forse temendo di essere stigmatizzati. I pazienti hanno spesso affermato che anche quando condividevano i loro sintomi mentali con i medici, spesso non venivano commentati o non venivano documentati accuratamente o affatto. Un paziente ha espresso ciò che provava: “Mi sento colpevole e inutile, oltre che depresso e molto malato. Non mi sento affatto supportato, compreso, ascoltato, pieno di speranza. È terribile vivere così… Sembra tutto senza speranza. ” Il gruppo di ricerca suggerisce che, sebbene abbiano riscontrato che i sintomi neurologici e psichiatrici sono sottostimati in clinica, sotto-identificati nella ricerca e sotto-rappresentati nelle linee guida cliniche, hanno descritto quasi tutti i medici come altamente motivati a migliorare l’assistenza.

Il dottor Tom Pollak, del King’s College di Londra, ha affermato che lo studio evidenzia l’importanza che tutti i medici chiedano ai loro pazienti informazioni sulla salute mentale: “Sappiamo da tempo che avere una malattia autoimmune sistemica può influenzare negativamente la salute mentale, ma questo studio dipinge un quadro quadro sorprendente dell’ampiezza e dell’impatto di questi sintomi. Tutti coloro che lavorano nel settore sanitario con questi pazienti dovrebbero chiedere regolarmente informazioni sul loro benessere mentale e i pazienti dovrebbero essere aiutati a parlare apertamente senza timore di essere giudicati. Nessun paziente dovrebbe soffrire in silenzio”.

La dottoressa Melanie Sloan del Dipartimento di Sanità pubblica e cure primarie dell’Università di Cambridge, invece, ha commentato: “Questo studio evidenzia l’urgente necessità di migliorare l’accesso dei pazienti al supporto integrato per la salute mentale. Il basso livello di segnalazioni che abbiamo identificato è una delle principali preoccupazioni poiché i problemi di salute mentale, stanchezza e cognizione possono cambiare la vita e talvolta metterla in pericolo. È solo coinvolgendo pienamente i pazienti nella loro assistenza sanitaria e chiedendo loro il loro punto di vista che saremo in grado di determinare l’entità di questi sintomi, spesso nascosti, e aiutare i pazienti a ottenere la comprensione, il supporto e il trattamento di cui hanno bisogno”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Sloan M et al. Rheumatology 2023 Jul 26:kead369.

Alexopoulos P et al. BMC Psychiatry. 2023; 23(1):513.

Anderson G et al. Cells. 2023 Apr 25; 12(9):1237.

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

About blasts, clasts and receptors: PT H in the bone cannot be erased, yet GPRC5 is not tALK-3 with other signals

Osteoporosis is a skeletal condition that leads to the weakening of bones, making them porous, fragile, and prone to breakage. A whopping 8.9 million...

Osteoartrosi e microbiota: trovato un mediatore che la rallenta

Attualmente, l'osteoartrite (OA) è considerata la più comune malattia articolare negli Stati Uniti, colpendo più di 30 milioni di adulti. Colpisce di solito le...

Artrite reumatoide: il rischio per certi tumori si abbassa, per altri si alza

Rispetto alla popolazione generale, sembra che le persone che vivono con l’artrite reumatoide sono a maggior rischio per vari tipi di cancro. I risultati...