giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

La relazione fra eccesso di grassi nel sangue e la comparsa di calcoli biliari: forse ci sono le prove definitive?

La colelitiasi, una condizione comune caratterizzata dalla formazione di calcoli biliari, è una malattia epatobiliare prevalente che colpisce principalmente le popolazioni occidentali. È un fattore di rischio significativo per il colangiocarcinoma, un tipo di cancro del dotto biliare. Comprendere i fattori che influenzano il rischio di colelitiasi è fondamentale per sviluppare strategie efficaci di prevenzione e trattamento. Precedenti ricerche hanno esplorato il ruolo dei lipidi sierici e dei bersagli che modificano i lipidi nello sviluppo della colelitiasi. Tuttavia, i risultati sono stati incoerenti, evidenziando la necessità di ulteriori indagini. Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Gut ha fatto luce sulla complessa relazione tra lipidi sierici, bersagli che modificano i lipidi e colelitiasi.

Lo studio ha utilizzato una combinazione di approcci osservazionali e di randomizzazione mendeliana (MER) per valutare in modo completo queste associazioni; e si è servito dei dati della UK Biobank, per esaminare le associazioni tra i lipidi sierici (colesterolo totale, LDL-C, HDL-C e trigliceridi) e il rischio di colelitiasi. I ricercatori hanno scoperto che i livelli sierici di LDL-C e HDL-C erano inversamente associati al rischio di colelitiasi, indicando che livelli più bassi di LDL-C e livelli più alti di HDL-C erano associati a un rischio ridotto di formazione di calcoli biliari. È interessante notare che la relazione tra colesterolo totale sierico e colelitiasi non era lineare, con livelli di colesterolo più bassi associati ad un aumento del rischio di calcoli biliari.

Questa scoperta contrasta con la saggezza convenzionale, che suggerisce che livelli di colesterolo più bassi sono generalmente benefici per la salute. I ricercatori hanno inoltre utilizzato l’approccio MER per studiare gli effetti causali dei lipidi sierici e degli obiettivi che modificano i lipidi sul rischio di colelitiasi. La MER utilizza varianti genetiche come proxy per specifici fattori di rischio, consentendo di valutare le relazioni causali senza gli effetti confondenti dello stile di vita e dei fattori ambientali. Le analisi MER hanno supportato i risultati osservazionali, confermando che livelli più bassi di colesterolo totale nel siero e livelli più alti di trigliceridi erano fattori di rischio causali indipendenti per la colelitiasi. I risultati forniscono preziose informazioni sulla complessa interazione tra lipidi sierici, bersagli che modificano i lipidi e rischio di colelitiasi.

Fra i geni potenzialmente analizzati per correlare le ipotesi (APOB, LDLR, PCSK9, HMGCR ed altri), solamente la HMGCR (il bersaglio delle statine) è risultata positivamente correlata. I ricercatori suggeriscono che questi risultati potrebbero contribuire allo sviluppo di strategie personalizzate per la valutazione del rischio e di potenziali terapie preventive della colelitiasi. Anche perché la calcolosi cronica della colecisti sembra rientrare tra i fattori di rischio per il colangiocarcinoma, il tumore maligno più comune delle vie biliari. Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire i meccanismi dietro le associazioni osservate e identificare se proteine o enzimi specifici del metabolismo dei lipidi possano diventare bersagli promettenti per prevenire o trattare i calcoli biliari.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Chen L et al. Gut. 2023 Nov 9:gutjnl-2023-330784.

Alyahyawi KO et al. Cureus. 2023 Apr; 15(4):e37110. 

Chen L et al. Hepatology. 2022 Apr; 75(4):785-796.

Zhang M et al. Lipids Health Dis. 2022 Mar; 21(1):26. 

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Rughe in fronte: non segno di vecchiaia ma indice di salute del cuore

Le rughe profonde sulla fronte, affermano gli autori del nuovo studio, possono segnalare l'aterosclerosi. La nuova ricerca è stata presentata alla Conferenza annuale 2018...

WISP1: scoperto come lavora la nuova adipochina dell’obesità

L'obesità è un problema di salute globale che aumenta significativamente il rischio di sviluppare una serie di disturbi cronici come il diabete, le malattie...