giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

L’Inghilterra approva la terapia genica per l’anemia falciforme: Casgevy è sotto review delle autorità competenti

L’anemia falciforme o drepanocitosi colpisce i globuli rossi nel sangue. La malattia fa sì che i globuli rossi diventino deformi, formando una forma a C o “falce”. Questi globuli rossi non vivono tanto quanto quelli sani. Ciò può portare ad anemia a causa dell’aumento della fragilità. Queste cellule diventano anche molto appiccicose, causando la formazione di grumi. Ciò può causare blocchi nelle vene e nelle arterie di una persona, causando dolore. Poiché l’anemia falciforme è genetica, una persona può contrarre la malattia solo se riceve il gene da entrambi i genitori biologici. I sintomi della condizione iniziano a comparire entro il primo anno di vita, in genere intorno ai 5 mesi. L’anemia falciforme tende a colpire le persone di origine africana, mentre la beta-talassemia tende a colpire le persone di origine mediterranea, dell’Asia meridionale, del Medio Oriente e del Nord Africa.

Nel 2021, quasi 8 milioni di persone in tutto il mondo convivono con l’anemia falciforme, una malattia ereditaria del sangue che fa sì che i globuli rossi del corpo diventino deformi e non durino quanto le cellule sane. I ricercatori stimano che circa 250 milioni di persone nel mondo siano portatrici del gene che causa l’anemia falciforme. Il trattamento per l’anemia falciforme prevede in genere farmaci come l’idrossiurea, trasfusioni di sangue e trapianti di midollo osseo. Queste procedure chirurgiche possono essere invasive e comportare potenziali complicazioni. Terapie innovative come la terapia genica sono in fase di sperimentazione e recentemente il Regno Unito è diventato il primo paese ad approvare l’uso della prima terapia genica al mondo per il trattamento dell’anemia falciforme e di un tipo specifico di anemia falciforme chiamata beta-talassemia.

Negli ultimi anni, gli scienziati hanno iniziato a cercare opzioni di terapia genica per l’anemia falciforme. In uno studio i cui risultati sono stati pubblicati nel febbraio 2019, i ricercatori sono stati in grado di utilizzare una nuova terapia genica per invertire i sintomi della malattia in due partecipanti allo studio affetti da anemia falciforme. Nel gennaio 2021, i ricercatori hanno riferito di aver utilizzato con successo l’editing genetico CRISPR-Cas9 per colpire il gene BCL11A, un gene che consente di disattivare il gene dell’emoglobina fetale (HbF) alla nascita, attivando invece la trascrizione dell’altro gene dell’emoglobina. Rimuovendo il gene che disattiva il gene dell’emoglobina fetale, è possibile trascrivere il gene dell’emoglobina fetale non difettoso invece del gene dell’emoglobina difettoso tipicamente espresso nelle persone affette da anemia falciforme.

La nuova terapia genica recentemente approvata per l’uso dall’Agenzia britannica per la regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA), chiamata Casgevy (exagamglogene autotemcel), si basa sulla tecnologia di editing genetico CRISPR. Prodotto da Vertex Pharmaceuticals Incorporated e CRISPR Therapeutics, Casgevy è stato autorizzato per l’uso in persone di età pari o superiore a 12 anni affette da anemia falciforme e determinate specifiche. Secondo quanto riferito, Casgevy ha raggiunto i suoi risultati primari lasciando i partecipanti allo studio affetti da anemia falciforme o beta-talassemia dipendente dalle trasfusioni liberi da gravi crisi vaso-occlusive o dipendenti dalle trasfusioni per almeno 12 mesi consecutivi, in uno studio clinico per ciascuna condizione. Nel giugno 2023, la FDA americana ha accettato le domande di licenza biologica per exagamglogene autotemcel con il nome commerciale exa-cel per il trattamento dell’anemia falciforme e della beta-talassemia trasfusione-dipendente. La FDA ha inoltre concesso la Priority Review e la Standard Review per le date target rispettivamente dell’8 dicembre 2023 e del 30 marzo 2024.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wally HT et al. J Pak Med Assoc. 2023 Oct; 73(10):2129-2130.

Ferraresi M et al. Eur J Pediatr. 2023 Jun; 182(6):2509-2519. 

Kanter J et al. New Engl J Med. 2022 Feb 17; 386(7):617-628. 

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Autoimmunità: il rischio associato di cardiopatie trova spiegazione

Le persone con autoimmunità come la psoriasi, il lupus e l'artrite reumatoide sono ad alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, anche se nessuna di...

Ictus emorragico: rimuovere il coagulo per il miglior recupero funzionale

In tutto il mondo, oltre 1 milione di persone ogni anno sviluppa un'emorragia cerebrale. Si verifica quando un vaso sanguigno malato all'interno del cervello...

Anticorpi monoclonali anticancro che si evolvono: non esistono solo i lati convenzionali dell’immunità

L’infiammazione può risolversi in svariati modi, con enzimi, proteine, metaboliti derivati da lipidi (resolvine, lipossine, ecc.) e l’organismo interviene con ognuno di essi a...