giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

L’uso del sarilumab per trattare la polimialgia reumatica: il biologico fa risparmiare steroidi ed effetti collaterali

La polimialgia reumatica (PMR) è una malattia infiammatoria cronica che colpisce il tessuto vascolare connettivo, caratterizzata da dolore accompagnato da rigidità mattutina, prevalentemente dei muscoli del collo, delle anche e del cingolo scapolare. Solitamente i pazienti affetti da questa malattia hanno più di 50 anni ed è presente una sindrome infiammatoria biologica con aumento sia della velocità di eritrosedimentazione che dei livelli di proteina C-reattiva, aspetti simili all’arterite a cellule giganti. Lo scopo della presente revisione era quello di descrivere l’attuale ipotesi patogena, l’approccio diagnostico e terapeutico per i pazienti con PMR e le novità dallo sviluppo dei criteri di classificazione provvisoria della European League Against Rheumatism e dell’American College of Rheumatology del 2012 attualmente utilizzati.

La polimialgia reumatica è caratterizzata da dolore e rigidità mattutina alle spalle e alle anche e colpisce le persone di età superiore ai 50 anni. Può influire in modo significativo sulla qualità della vita e attualmente viene trattata principalmente con i corticosteroidi. Sebbene i glucocorticoidi possano controllare la condizione, più della metà dei pazienti affetti da PMR subisce una ricaduta della propria condizione quando si riduce la terapia steroidea. L’interleuchina-6 è stata implicata nella fisiopatologia della PMR perché nei pazienti con PMR sono stati riscontrati livelli circolanti elevati e una maggiore espressione tissutale di interleuchina-6. Gli scienziati sono riusciti a trattare una condizione infiammatoria “trascurata”, la polimialgia reumatica, con un farmaco che potrebbe fornire ai pazienti un’alternativa agli steroidi.

Lo studio, condotto dall’Anglia Ruskin University (ARU) e pubblicato sul New England Journal of Medicine, descrive un trial di successo con sarilumab. Il farmaco, che nel Regno Unito è approvato per il trattamento dell’artrite reumatoide, ha bloccato la citochina Interleuchina-6 (IL-6), che può causare infiammazione. La ricerca è stata finanziata da Sanofi e Regeneron Pharmaceuticals. Lo studio clinico durato un anno condotto dai ricercatori ha visto 118 pazienti ricevere iniezioni di sarilumab due volte al mese o un placebo. Il gruppo sotto sarilumab ha ricevuto una dose decrescente di glucocorticoidi per 14 settimane in concomitanza con iniezioni due volte al mese di sarilumab, mentre il gruppo placebo ha ricevuto glucocorticoidi in una dose decrescente per 52 settimane.

​L’intento primario alla fine dello studio era la remissione prolungata della condizione. Ciò si è verificato nel 28% delle persone che assumevano sarilumab, rispetto al 10% delle persone che assumevano il placebo. Dopo essere entrati in remissione dopo 12 settimane, si sono verificate più riacutizzazioni della condizione nel gruppo placebo (57%) rispetto a quelli trattati con sarilumab (24%). La polimialgia reumatica è una condizione mal gestita e trascurata per la quale il trattamento attuale è insoddisfacente e può avere effetti collaterali a lungo termine. I pazienti possono avere ricadute mentre riducono gradualmente i farmaci e queste ricadute hanno attualmente opzioni terapeutiche molto limitate. Inoltre, qualsiasi farmaco efficace che possa risparmiare l’uso di steroidi dovrebbe avere un grande impatto sulla riduzione dei gravi effetti collaterali degli steroidi.

L’esperto principale della PMR e autore senior dello studio, il professor Bhaskar Dasgupta, del Medical Technology Research Center dell’Anglia Ruskin University (ARU), ha spiegato e commentato: “I nostri risultati mostrano che sarilumab potrebbe essere usato per trattare la PMR e migliorare i risultati per le persone riducendo gradualmente i loro farmaci steroidei. Si tratta di uno sviluppo entusiasmante che ha il potenziale per migliorare le opzioni di trattamento in una condizione comune tra le persone anziane. La polimialgia è una ragione fra le più comuni per le prescrizioni di steroidi a lungo termine. Qualsiasi farmaco che può ridurre i corticosteroidi significa meno effetti collaterali, che includono diabete, fratture osteoporotiche e infezioni”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Spiera RF et al. New Engl J Med. 2023; 389(14):1263-72.

Wendling D. Expert Opin Biol Ther. 2023 Nov 21:1-9.

Tomelleri A et al. Nat Rev Rheum. 2023 ;19(7):446-459.

Ramirez-Poza S et al. Med Clin (Barc). 2023; 161(6):270.

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Lotta alla sclerosi multipla: le cure sperimentali al vaglio scientifico

La sclerosi multipla (SM) è la principale causa di disabilità neurologica non traumatica nei giovani adulti negli Stati Uniti e in Europa. Sono stati...

Trattamento dell’ovaio policistico senza farmaci tradizionali: focus sulle scelte da adottare per gli adolescenti

La sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) colpisce circa il 6-13% delle ragazze adolescenti. La diagnosi e il trattamento rimangono una sfida a causa della notevole...

Alimentazione globale: cambiano i trends in meglio ed anche la consapevolezza?

La nutrizione è racchiusa in molteplici confusioni. Perché è così difficile determinare se un alimento è buono o cattivo per la salute? Nella scienza...