venerdì, Giugno 14, 2024

La via molecolare CTLA4-IL23: un dialogo insospettato che apre nuove possibilità contro cancro e autoimmunità

Il sistema immunitario ha molti percorsi per proteggere il...

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso la puntura di una zanzara infetta. La dengue grave è una complicanza potenzialmente letale che può svilupparsi a seguito di infezioni da dengue. La causa è un Flavivirus, che provoca forti dolori muscolari e ossei, dolore agli occhi, nausea ed eruzioni cutanee con febbre. Si stima che ogni anno nel mondo si contano oltre 100-400 milioni di casi di dengue e che 3,8 miliardi di persone vivono in paesi endemici, la maggior parte dei quali si trova in Asia, Africa e nelle Americhe. Il maggior numero di casi di dengue segnalati si è verificato nel 2023, con la regione delle Americhe dell’OMS che ha segnalato 4,5 milioni di casi e 2.300 decessi.

Solo in Brasile la febbre Dengue ha superato la soglia dei 3 milioni di casi nel 2024, quasi il doppio del numero registrato nell’intero 2023. È probabile che i casi di dengue aumentino e si espandano geograficamente anche a causa dei cambiamenti climatici e dell’urbanizzazione. La malattia è presente anche in Italia ed è per lo più dovuta ad importazione da viaggi all’estero. Nel 2023 ci sono stati 280 casi confermati, senza nessun decesso. Dal 1 gennaio al 13 maggio di quest’anno, al sistema di sorveglianza nazionale risultano 197 casi confermati di Dengue (tutti associati ancora a viaggi all’estero). La malattia può risolversi bene ma è necessario ricordare che non ha farmaci dedicati.

Lo scorso 10 maggio un nuovo vaccino contro la dengue ha ricevuto la prequalificazione dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità. TAK-003 è il secondo vaccino contro la febbre dengue ad essere prequalificato dall’OMS. Sviluppato da Takeda, è un vaccino vivo attenuato contenente versioni indebolite dei quattro sierotipi del virus che causano la malattia. L’OMS raccomanda l’uso di TAK-003 nei bambini di età compresa tra 6 e 16 anni in ambienti con elevato carico di dengue e intensità di trasmissione. Il vaccino deve essere somministrato secondo uno schema a 2 dosi con un intervallo di 3 mesi tra le dosi. L’elenco di prequalificazione dell’OMS comprende anche il vaccino CYD-TDV (Dengvaxia) contro la dengue sviluppato da Sanofi Pasteur.

La febbre denge non deve essere presa sottobraccio e non è nemmeno un problema banale di sanità pubblica. Se si considerano i numeri epidemiologici e sposti sopra, i cambiamenti climatici globali e le assenze di farmaci ufficiali per contrastarla, si può capire che non è un problema marginale. Questo se si escludono i costanti spostamenti quotidiani intercontinentali dettati dalla globalizzazione e i tassi di immigrazione (di qualunque origine) che possono favorire la trasmissione del vettore. E se ciò non cambierà, le previsioni degli esperti sono tutt’altro che rosee.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Thoresen D et al. J Virol. 2024 May 14; 98(5):e0023924.

Frazer JL, Norton R. J Med Microbiol. 2024 May; 73(5).

Latest

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Newsletter

Don't miss

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Quando un oncogene non lavora come dovrebbe: il caso di c-Jun nel cancro della prostata

Uno studio internazionale condotto dagli scienziati della MedUni Vienna...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

L’apoptosi non è immunogena, ma la necrosi si: è così che TRPM4 allerta l’immunità dei tumori

Gli scienziati hanno identificato una proteina che svolge un ruolo fondamentale nell'azione di diverse terapie antitumorali emergenti, riportando le loro scoperte sulla rivista Cancer...

La fatica “mentale” post-COVID che non va via: l’ultima recensione aggiornata sui fatti

La ricerca sugli effetti a breve e lungo termine della malattia COVID-19 è in corso. Fino ad ora, gli scienziati hanno scoperto che il...

Hangovers and headache: a tale of receptors, mast(er) cells and “painful” neurochemical agreements

Alcohol addiction affects 283 million people globally. Crises such as terrorism, economic hardships and the coronavirus pandemic heighten alcohol intake and risky behaviors. Rehabilitation...

Questo si chiuderà in 20 secondi