Home BIOMEDICINA & SALUTE Autoimmunità: il bersaglio non sono solo le proteine, ma anche certi grassi

Autoimmunità: il bersaglio non sono solo le proteine, ma anche certi grassi

I fosfolipidi – le molecole di grasso che formano le membrane che si trovano attorno alle cellule – costituiscono quasi la metà del peso secco delle cellule, ma quando si tratta di malattie autoimmuni, il loro ruolo è stato ampiamente trascurato. Recenti ricerche hanno indicato un ruolo per loro in numerose malattie, tra cui la psoriasi, le ipersensibilità e le allergie da contatto. In un nuovo studio pubblicato su Science Immunology, i ricercatori di Brigham e Women’s Hospital e Monash University in Australia rivelano nuove conoscenze sulle basi dell’autoreattività dei recettori delle cellule T (TCR) agli auto-fosfolipidi, con implicazioni per le malattie autoimmuni. “I lipidi sono stati sottostimati in immunologia”, ha detto l’autore co-corrispondente D. Branch Moody, MD, un ricercatore principale della Divisione di Reumatologia, Immunologia e Allergia. “Siamo stati interessati alle malattie autoimmuni per decenni, e si pensa che in alcune malattie autoimmuni come la psoriasi, la sclerosi multipla e il diabete di tipo 1 siano guidati da particolari tessuti. La ricerca delle particolari molecole, note come antigeni, che innescano malattie autoimmuni si è concentrato su proteine ​​e peptidi, ma dovremmo anche pensare ai lipidi come antigeni candidati per le malattie autoimmuni”.

Per 30 anni, i ricercatori hanno saputo che le cellule T svolgono un ruolo importante nei disordini autoimmuni, ma si pensava che le cellule T potessero rispondere solo alle proteine. Precedenti studi condotti dagli investigatori della Brigham hanno fornito il primo suggerimento che una cellula T potesse anche rispondere ai lipidi. Lo studio recentemente pubblicato suggerisce che molti linfociti T possono rispondere ai lipidi e illumina le strutture fisiche che rendono possibile il riconoscimento dei lipidi. I linfociti T si attivano quando un’altra parte chiave del sistema immunitario, le cellule dendritiche, le presenta con un antigene. Moody e i suoi colleghi, Ildiko Van Rhijn e Tan-yun Cheng, hanno deciso di individuare quali molecole venivano catturate e presentate, stimolando una risposta delle cellule T. Utilizzando la biologia strutturale, Jamie Rossjohn e Adam Shahine del Centro di eccellenza del Centro di ricerca australiano per l’imaging molecolare avanzato presso la Monash University in Australia hanno mostrato come una proteina sulla superficie delle cellule dendritiche – nota come CD1b – si lega ai lipidi. Questo complesso di CD1b e un lipide si lega quindi a un recettore delle cellule T, attivando una risposta immunitaria.

“Le strutture di imaging avanzate del sincrotrone australiano ci hanno permesso di generare modelli tridimensionali di interazione con i recettori delle cellule T contro CD1b e antigeni lipidici“, ha affermato Shahine. “Questi risultati evidenziano il ruolo di CD1b in una risposta immunitaria mediata dai fosfolipidi e ci consentono di comprendere più a fondo i meccanismi della malattia autoimmune a base di lipidi. Ora abbiamo queste bellissime immagini tridimensionali di come tre diverse molecole possono interagire, il che spiega alcuni dettagli su quale parte dei lipidi conta. Conoscere la struttura precisa dei complessi coinvolti in questo processo potrebbe essere utile per progettare nuovi tipi di lipidi che potrebbero attivare o disattivare la risposta immunitaria”. Il lavoro può avere implicazioni per forme specifiche di malattia autoimmune, incluso il lupus eritematoso sistemico. Studi precedenti  hanno trovato che i pazienti con lupus hanno anticorpi che si legano ai fosfolipidi, che causano coagulazione e ictus. Non a caso, un marker che si ricerca nel sangue in caso di lupus sistemico sono gli anticorpi contro la cardiolipina (ACLA), un fosfolipide che si ritrova nella parete dei mitocondri. Il nuovo studio mostra che le cellule T riconoscono anche i fosfolipidi, aprendo nuove prospettive sulla cooperazione tra linfociti T e anticorpi in questa malattia.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Shahine A et al., Rossjohn J. Sci Immunol. 2017 Oct 20; 2(16).

Van Rhijn I et al., Moody DB. PNAS USA. 2016; 113(2):380-85.

Van Rhijn I, Moody DB. Immunol Rev. 2015 Mar; 264(1):138-53. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI