martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Anticoagulanti orali: il declino renale si ritarda se si evita il warfarin

I ricercatori della Mayo Clinic hanno mostrato un legame tra quale tipo di anticoagulante orale (farmaco fluidificante del sangue) un paziente prende per prevenire un ictus e aumenta i rischi di declino o fallimento della funzione renale. Il loro studio, pubblicato online oggi sul Journal of the American College of Cardiology, è il più recente di una serie di studi che cercano di determinare la sicurezza e l’efficacia degli anticoagulanti orali antagonisti della vitamina K rispetto al warfarin di lunga data. I pazienti con fibrillazione atriale – un potente fattore di rischio per ictus – comunemente assumono questi farmaci e declino della funzione renale nei pazienti che assumono farmaci anticoagulanti orali è un argomento importante che è stato trascurato in precedenti studi clinici. Il nuovo studio ha dimostrato che il declino della funzione renale è molto comune tra i pazienti con fibrillazione atriale nei fluidificanti del sangue.

Circa 1 su 4 pazienti aveva ridotto significativamente la funzione renale entro due anni dall’essere in uno di questi farmaci, e 1 su 7 pazienti presentava una lesione renale acuta. La ridotta funzionalità renale potrebbe portare a insufficienza renale, dialisi e potenzialmente morte. Trovando questo, i ricercatori hanno fatto un ulteriore passo avanti, cercando di determinare se il tipo di farmaco ha fatto la differenza. In generale, i pazienti con fibrillazione atriale che assumono farmaci fluidificanti tendono ad avere una funzione renale in declino nel tempo. Tuttavia, i dati indicano che gli antagonisti orali antagonisti della vitamina K come gruppo sono associati a un minor danno ai reni rispetto al warfarin. Per giungere a queste conclusioni, i ricercatori hanno studiato i record deidentificati di 9.769 pazienti dal Data Warehouse OptumLabs. Questi pazienti avevano fibrillazione atriale e hanno iniziato a prendere anticoagulanti orali ─ apixaban, dabigatran, rivaroxaban o warfarin ─ tra il 1 ° ottobre 2010 e il 30 aprile 2016.

Il team ha esaminato quattro indicatori della funzione renale:

  • Declino del 30% (o più) nella velocità di filtrazione glomerulare (quanto bene i reni filtrano i rifiuti)
  • Doppio livello di creatinina sierica (un prodotto di scarto che dovrebbe essere filtrato dai reni)
  • Lesione renale acuta
  • Insufficienza renale

Hanno scoperto che il rischio cumulativo di uno di questi quattro eventi che si verificano entro due anni dall’inizio della terapia era del 24,4%, 4%, 14,8% e 1,7%, rispettivamente, a dimostrazione che il declino della funzione renale è comune in questi pazienti. Tuttavia, i ricercatori hanno fatto un ulteriore passo avanti e hanno separato i pazienti che assumevano anticoagulanti orali antagonisti della vitamina K da quelli che assumevano warfarin.

I ricercatori hanno scoperto che gli anticoagulanti orali antagonisti della vitamina K, come gruppo, erano associati a un ridotto rischio di esiti avversi al rene. Drs. Noseworthy e Yao spiegano: “I pazienti con fibrillazione atriale corrono già un alto rischio di malattia renale, forse perché molti di questi pazienti hanno fattori di rischio, come età avanzata, diabete e ipertensione. Molti farmaci questi pazienti fanno affidamento sulla funzione renale per l’eliminazione dei farmaci. Pertanto, è particolarmente importante che questi pazienti scelgano un farmaco che riduca al minimo l’impatto sui reni. Poiché gli antagonisti orali antagonisti della vitamina K hanno un diverso meccanismo farmacologico rispetto al warfarin, i ricercatori hanno ipotizzato che gli antagonisti orali antagonisti non-vitamina K possano essere collegati ad una prognosi migliore. Il nostro studio è tra i primi studi che confermano questa ipotesi e ha importanti implicazioni per la pratica medica: la situazione di ogni paziente è diversa, quindi ogni decisione terapeutica deve essere presa in base allo stile di vita e alla dieta, alle altre malattie e alle farmaci, costi extra e così via”.

Sia il Dott. Noseworthy che il Dott. Yao incoraggiano gli operatori sanitari a seguire regolarmente e monitorare la funzionalità renale nei loro pazienti che assumono anticoagulanti. Esortano i fornitori a compiere sforzi per prevenire o rallentare il declino della funzionalità renale, nonché a regolare il dosaggio del farmaco in base al cambiamento della funzione renale. Per una vita sana di migliore qualità per questi pazienti.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Yao X et al. J Am Coll Cardiol. 2017 Nov 28; 70(21):2621-2632.

Noseworthy PA, Yao X et al. Data Brief. 2017 Aug 9; 14:563-565.

Yao X et al. Noseworthy PA. J Am Heart Assoc. 2016 Jun 13;5(6). 

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

L’integrità dei villi intestinali: il fattore protettivo omesso contro la malattia di Crohn?

I microvilli nell’orletto a spazzola delle cellule epiteliali intestinali aumentano significativamente la loro superficie, fornendo più spazio per le proteine di membrana coinvolte nell’assorbimento...

Si torna in piscina (anche in pandemia): attenzione alla salute per germi, virus ed anche cloro

Informazioni generali Le piscine, nelle quali ci si bagna durante i giorni estivi o le si frequenta per attività agonistica invernale, possono nascondere alcuni ospiti...

Insonnia: non solo lo stress, finalmente è anche colpa del DNA

Siete insonni o mattinieri? Colpa della cattiva digestione o delle preoccupazioni? Potrebbe anche dipendere in parte dal DNA. L’essere mattinieri è associato all'insonnia, ad...

Questo si chiuderà in 20 secondi