sabato, Luglio 13, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Protesi articolari e sovrappeso: il rischio postumo di disabilità

L’obesità è un fattore predisponente per svariati disturbi organici, come le cardiovasculopatie, il diabete, le apnee notturne e osteoartrosi all’anca ed al ginocchio. Riguardo proprio a quest’ultimo problema, le persone obese che si sottopongono a chirurgia articolazioni (protesi), presentano maggiori probabilità nel tempo di andare incontro a disabilità. È quanto hanno evidenziato in uno studio pubblicato sul British Journal of Anaesthesia, Timothy Gaulton il suo team di ricerca, alla Perelman School of Medicine della Pennsylvania University  Il gruppo ha studiato 2.519 adulti ultrasessantenni, che erano stati sottoposti a intervento a livello delle articolazioni per sequele di artrite. Circa i due terzi dei pazienti, di cui il 45%  era obeso al momento dell’operazione, avevano subìto un intervento di sostituzione articolare.

Lo studio ha previsto che si chiedesse ai pazienti se avessero problemi fisici, mentali, emotivi o di memoria che influenzavano le loro attività quotidiane, come mangiare, alzarsi dal divano o dal letto o essere aiutati nell’igiene personale. La necessità di aiuto in una di queste attività è stata considerata dai ricercatori come una disabilità. Circa il 22% dei partecipanti ha segnalato una dipendenza o un peggioramento della dipendenza circa due anni dopo l’intervento chirurgico; la percentuale rappresentava 1 paziente su 4 fra quelli obesi e 1 su 5 tra i non obesi. I ricercatori hanno inoltre calcolato che i pazienti obesi avrebbero avuto un rischio di disabilità del 35% maggiore dopo l’intervento, rispetto ai pazienti normopeso.

L’autore dello studio spiega le implicazioni dello studio: “Per un paziente sovrappeso che deve scegliere se sottoporsi o meno a sostituzione di protesi, è importante sapere che, in alcune circostanze, si espone a un rischio maggiore di andare incontro a peggioramento dopo la chirurgia”. Questo elemento deve essere considerato sia dal paziente che dal chirurgo. Non siamo rimasti tanto sorpresi della correlazione, quanto dall’alta percentuale di pazienti con alto tasso di disabilità dopo l’intervento, confermando le previsioni stimate del 35% di probabile disabilità conseguente. “Non sappiamo ancora se ci sono fattori esterni, o legati ai pazienti, che possono influenzare questa tendenza”, continua il dottor Gaulton; “abbiamo bisogno di maggiori dati per capire cosa metta il paziente a rischio di sviluppare la disabilità”.

Se si entra nel merito della discussione, le ultime stime del 2017 hanno rivelato che in Italia gli interventi di artroprotesi al ginocchio si sono raddoppiati, mentre quelli alla spalla sono aumentati di cinque volte. Altre tipologie di sostituzione protesica (anca, omero) hanno subìto un aumento di circa due volte. Togliendo le cause traumatiche (incidenti stradali, infortuni sul lavoro o accidentali), una buona fetta di sostituzione artroprotesica è da imputare a cause miste come osteoartrosi primitiva, necrosi asettiche della testa del femore, erosione della cartilagine tibiale, ecc. Molto spesso, dietro questi problemi c’è una severa o grande obesità. Con i numeri clinici che non faranno altro che crescere, è probabile che si assisterà sempre più alla comparsa di disabilità anche dopo la loro correzione chirurgica.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Bibliografia scientifica

Abraham R et al. Ann Transl Med. 2017 Dec; 5(Suppl 3):S29.

Gaulton TG, Neuman MD. J Am Geriatr Soc. 2017 Nov 8.

Benich MR et al. J Bone Joint Surg Am. 2017; 99(21):1792-1800.

Gaulton TG et al. Intern Emerg Med. 2015 Jun; 10(4):471-79. 

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Dieta Wahls: la dieta paleolitica progettata per la sclerosi multipla

La sclerosi multipla (SM) è una malattia neurologica infiammatoria e degenerativa in cui il sistema immunitario attacca i nervi e la guaina mielinica. Questo...

Trial clinico CANTOS: l’anticorpo monoclonale che “soffoca” l’infiammazione

Nella maggior parte degli studi clinici per la terapia del cancro, gli investigatori testano i trattamenti in pazienti con malattia avanzata. Ma un recente...

Gli effetti disastrosi della dieta occidentale sulla salute: e le sorprese superano la consapevolezza

L'in-voluzione della dieta umana La rivoluzione industriale e i successivi progressi nell'allevamento e nell'agricoltura hanno cambiato le nostre diete e il contenuto nutrizionale dei nostri...

Questo si chiuderà in 20 secondi