Atassìa da glutine: l’ennesima entità della lista

Atassìa da glutine: l'ennesima entità della lista

Il glutine è un complesso proteico presente nel grano, nell’orzo e nella maggior parte dei cereali. Sebbene molte persone non abbiano problemi a digerire questa proteina, molte persone hanno una sensibilità al glutine o una patologia meglio conosciuta come celiachìa. Le persone che hanno problemi a digerire il glutine possono sviluppare problemi digestivi e causare danni all’intestino, tenue quando mangiano qualcosa contenente glutine. In alcuni casi, la reazione del corpo al glutine può diventare piuttosto grave. In questi casi il sistema immunitario inizia ad attaccare il sistema nervoso centrale, il che può causare atassia del glutine. L’atassia da glutine è una malattia autoimmune in cui gli anticorpi prodotti contro i frammenti del glutine durante la digestione, attaccano il tessuto cerebrale per errore. In particolare, gli anticorpi attaccano un’area del cervello chiamata cervellettoresponsabile di attività quali: equilibrio, posturacoordinazione dei movimenti e linguaggio. Studi recenti hanno dimostrato depositi di anticorpi contro gli enzimi transglutaminasi-2 (TGase-2) e transglutaminasi-6 (TGase-6) sui vasi sanguigni del cervelletto, aggiungendo supporto a una disfunzione della barriera emato-encefalica. È interessante notare che l’atassia da glutine non è solitamente correlata a manifestazioni intestinali o carenza di vitamine e il miglioramento con una dieta gluten-free è possibile.

Sintomi associati

I sintomi dell’atassia del glutine iniziano lievi e gradualmente peggiorano nel tempo. Se non trattata, la condizione potrebbe portare a danni permanenti. Ci sono anche prove che le persone che soffrono di atassia del glutine mostreranno col tempo segni di atrofia al cervelletto, il progressivo restringimento di questo tessuto. Sfortunatamente, l’atassia da glutine è una scoperta relativamente nuova e non ancora ampiamente accettata da tutta la comunità medica. Alcuni ricercatori hanno stimato che potenzialmente fino al 40% di tutte le persone con atassia di origine sconosciuta potrebbe avere atassia dipendente dal glutine. Altri studi hanno indicato numeri molto più bassi. Una revisione degli studi ha indicato una prevalenza di circa il 23% nei pazienti con atassia inspiegabile.

Questo può rendere difficile una diagnosi e un trattamento adeguato. Tuttavia, ci sono gruppi di ricercatori impegnati a diffondere informazioni su questa rara condizione. Ciò significa che il numero effettivo di casi è difficile da determinare. Siccome l‘atassia da glutine è una condizione progressiva, i sintomi possono iniziare in modo lieve e quasi inosservati, e gradualmente progredire fino a diventare debilitanti. I sintomi dell’atassia da glutine sono simili ai sintomi di altre condizioni di atassia, che possono rendere difficile ottenere una diagnosi accurata. Sebbene l’atassia del glutine sia un problema di sensibilità al glutine, i problemi digestivi non sono in genere un sintomo. Alcuni dei sintomi più tipici che una persona potrebbe provare includono:
• problemi con i movimenti generali
• disturbi dell’equilibrio
• problemi con il coordinamento
• perdita di precise abilità di movimento
• difficoltà di linguaggio
• parestesìe di mani, piedi e arti.

Progressione nel tempo
L’atassia da glutine è una malattia lentamente progressiva, molto simile ad altri tipi di atassia che colpiscono anche il cervelletto. Ciò può rendere difficile la diagnosi o il riconoscimento come condizione specifica e curabile. Non è raro che le abilità generali di movimento di una persona siano influenzate per prime, il che è in genere dimostrato dalla difficoltà a camminare. È più probabile che una persona abbia un modo anormale di camminare, inciampi  costantemente e sottovaluti il fenomeno imputandolo a distrazione. Man mano che la malattia progredisce, una persona può iniziare a notare vertigini, cattivo equilibrio quando si è in piedi, difficoltà a parlare o scrivere. Quando una persona sperimenta per la prima volta questi sintomi, è probabile che essi possano regredire eliminando il glutine dalla loro dieta. Se la condizione non viene interrotta, tuttavia, i sintomi di peggioramento possono diventare permanenti.

Diagnosi
È improbabile che una persona abbia una diagnosi specifica di atassia del glutine. Molti medici non lo testeranno nemmeno a causa di altre forme più riconosciute di atassia. Anche i metodi usati per diagnosticare la condizione sono relativamente nuovi. I ricercatori raccomandano l’uso di tecniche che i medici usano per diagnosticare la celiachia, come gli esami del sangue. Un risultato positivo indica che una persona dovrebbe iniziare una dieta rigorosamente priva di glutine. Se i sintomi migliorano, c’è una forte probabilità che la persona abbia l’atassia del glutine. Se si vuole evitare che la condizione si ripresenti, la persona dovrebbe attenersi alla dieta rigorosamente priva di glutine per tutta la vita, o quanto meno accedere sfarinati e prodotti da forno (pane, pasta, pasticceria, pizza) occasionalmente. Questo può rappresentare un problema per molti, considerato l’enorme contenuto culturale ed affettivo che circonda questi alimenti.

Trattamento
Il trattamento è relativamente semplice e comporta la rimozione totale di tutto il glutine dalla dieta di una persona. Anche piccole quantità possono far proseguire la progressione dell’atassia del glutine. I sintomi possono richiedere del tempo per migliorare, anche dopo la rimozione del glutine dalla dieta. È essenziale che una persona controlli gli ingredienti di tutti i prodotti alimentari per evitare di consumare accidentalmente il glutine. Non tutti i medici concordano sul fatto che l’adozione di una dieta gluten-free migliorerà i sintomi; in quanto tali, potrebbero non raccomandare o menzionare l’eliminazione del glutine dalla dieta di una persona come potenziale cura. Tuttavia, prove aneddotiche suggeriscono che le persone che rimuovono il glutine dalla loro dieta vedono miglioramenti nei loro sintomi di atassia.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Letteratura scientifica dedicata

Catassi C et al. Nutrients. 2017 Nov 21; 9(11).

Pennisi M et al. Front Neurosci. 2017 Sep 5; 11:498.

Mitoma H et al. Cerebellum Ataxias. 2015 Nov 10; 2:14.

Mitoma H et al. Cerebellum. 2016 Apr; 15(2):213-32.

Hadjivassiliou M et al. Am J Gastroenterol. 2016; 111(4):561-67. 

Genuis SJ, Lobo RA. Gastroenterol Res Pract; 2014:293206.

Jackson JR et al. Psychiatr Q. 2012 Mar; 83(1):91-102.

Sapone A et al.  BMC Med. 2012 Feb 7;10:13.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1030 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it