Esercizio leggero: per la buona salute dell’uomo di mezza età

L’esercizio fisico moderato è da sempre raccomandato dalla comunità medica come complemento di una buona salute. Secondo i ricercatori, gli esercizi a bassa intensità sono più adatti agli uomini più anziani. Le attuali linee guida dell’esercizio raccomandano almeno 150 minuti a settimana di attività fisica da moderata a vigorosa in sessioni della durata di 10 o più minuti. Tuttavia, può essere difficile per gli anziani raggiungere un simile modello. Per scoprire se altri modelli di attività fisica potrebbero essere associati a un rischio di morte inferiore, gli scienziati hanno valutato i dati ottenuti dallo Studio Britannico Regionale del Cuore (BRHS), che ha coinvolto 7735 partecipanti provenienti da 24 città inglesi, la cui età variava tra 40 e 59 anni quando lo studio era effettuato durante il 1978-1980. Nel 2010-2012, i 3137 sopravvissuti sono stati invitati a un controllo medico, che comprendeva un esame fisico e un questionario riguardante i loro schemi di sonno, lo stile di vita e la precedente esperienza di malattie cardiache, se presenti.

Sono stati anche istruiti a indossare un accelerometro – un dispositivo utilizzato per monitorare continuamente il volume e l’intensità dell’attività fisica – durante le ore di veglia per 7 giorni. Le loro condizioni di salute sono state rintracciate fino alla loro morte o nel giugno 2016, a seconda di cosa avvenne prima. In totale, circa il 50% (1566) degli uomini ha accettato di indossare il dispositivo; tuttavia, dopo aver escluso i partecipanti con cardiopatia preesistente e coloro che non avevano indossato il loro accelerometro abbastanza durante i 7 giorni, l’analisi finale era centrata su 1181 uomini, la cui età media era di 78 anni. Durante il periodo di studio di circa 5 anni, 194 uomini sono morti. I risultati dello studio hanno mostrato che il volume totale dell’attività fisica, a partire dagli esercizi di intensità della luce, era collegato a un minor rischio di morte per qualsiasi causa. Inoltre, i partecipanti che hanno partecipato ad altri 30 minuti al giorno di attività fisica a bassa intensità hanno avuto un rischio ridotto di morte del 17%.

Questa associazione persiste anche dopo aver considerato i fattori di stile di vita potenzialmente influenti, come il tempo sedentario. Anche se l’equivalente riduzione del rischio di morte era di circa il 33% per ogni ulteriore 30 minuti di attività fisica di intensità da moderata a intensa al giorno, i vantaggi dell’attività di intensità della luce erano sufficienti a dimostrare che anche questo poteva prolungare la vita. Attacchi sporadici di attività sono stati collegati con un rischio di morte del 41% inferiore e gli attacchi della durata di 10 o più minuti sono stati collegati a un rischio ridotto del 42%. Gli attacchi sporadici sembravano più facili da raggiungere in quanto il 66% degli uomini raggiungeva il totale settimanale di attività fisica da moderata a vigorosa in questo modo; tuttavia, solo il 16% ha raggiunto il totale settimanale in periodi di 10 o più minuti. Inoltre, non c’erano prove che suggerissero che ridurre il tempo di seduta fosse legato a un minor rischio di morte. I risultati suggeriscono che tutte le attività, per quanto modeste, sono benefiche.

La scoperta che un’attività fisica a bassa intensità è associata a un minor rischio di mortalità è particolarmente importante tra gli uomini più anziani, poiché la maggior parte della loro attività fisica quotidiana è di intensità luminosa. Inoltre, il modello di accumulo di attività fisica non sembra alterare le associazioni con la mortalità, suggerendo che sarebbe utile incoraggiare gli uomini più anziani ad essere attivi indipendentemente dagli attacchi. Poiché l’attuale lavoro di ricerca è uno studio osservazionale, non è possibile trarre conclusioni definitive su causa ed effetto. E quelli che indossavano l’accelerometro tendevano ad essere più giovani e possedevano stili di vita più sani di quelli che non lo facevano. Pertanto, questo potrebbe spiegare I risultati distorti. Inoltre, i risultati non erano chiari se sarebbe stato ugualmente applicabile alle fasce di età più giovane o alle donne più anziane.

Nel frattempo, buona passeggiata a chi ha voglia di stare in salute.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Jefferis BJ et al., Whincup PH. Br J Sports Med. 2018 Feb 12.

Prodel E et al., Laterza MC. Chronobiol Int. 2017; 34(10):1354-65.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it