Home BIOMEDICINA & SALUTE Tumore alla prostata: le connessioni col diabete e le implicazioni

Tumore alla prostata: le connessioni col diabete e le implicazioni

Il cancro alla prostata e il diabete di tipo 2 sono tra le malattie più comuni negli uomini. Sebbene gli studi indicano che le persone con diabete soffrono più frequentemente di cancro, gli uomini con diabete non soffrono sempre più di cancro alla prostata. Al contrario, le meta-analisi di studi hanno dimostrato che i pazienti diabetici hanno meno probabilità di sviluppare questo carcinoma. Tuttavia, il tasso di mortalità è più alto. Gli uomini con diabete di tipo 2 hanno meno probabilità di sviluppare il cancro alla prostata rispetto ai pazienti senza diabete. Tuttavia, il tasso di mortalità è più alto. I ricercatori del Centro Tedesco per la Ricerca sul Diabete (DZD) di Tubinga e gli esperti di Helmholtz Zentrum München e il Dipartimento di urologia dell’Ospedale universitario di Tubinga sono stati in grado di dimostrare che negli individui affetti il ​​recettore degli androgeni e le forme mitogene del recettore dell’insulina erano più fortemente espresso. Questo potrebbe spiegare perché i pazienti con diabete hanno una prognosi peggiore per il cancro alla prostata.

Ciò è confermato anche dalle ricerche attuali condotte da ricercatori dell’Istituto per la Ricerca sul Diabete e le Malattie metaboliche (IDM) di Helmholtz Zentrum München presso l’Università di Tubinga, un partner del DZD, in collaborazione con il Dipartimento di Urologia dell’Università di Tubinga. Il team di ricerca ha recentemente analizzato i dati dei pazienti che hanno rimosso la prostata per tumore. Come previsto, tra loro c’erano meno pazienti con diabete rispetto alla popolazione generale. Tuttavia, i pazienti con cancro alla prostata con diabete erano significativamente più probabilità di avere metastasi nei linfonodi. Inoltre, la percentuale di pazienti ad alto rischio secondo le linee guida della National Comprehensive Cancer Network (NCCN) era significativamente più alta tra quelli con diabete. Ma come differiscono i carcinomi della prostata negli uomini con e senza diabete? Cosa rende il carcinoma della prostata nei pazienti con malattia metabolica così aggressivo?

I ricercatori hanno studiato queste domande in un altro studio. A tale scopo, hanno analizzato 70 campioni di tumore da pazienti senza diabete e 59 campioni da pazienti con diabete di tipo 2. Poiché gli ormoni sessuali maschili (androgeni) svolgono un ruolo importante nello sviluppo del cancro alla prostata, gli scienziati hanno studiato la catena di segnalazione degli androgeni. Conducendo un’analisi dell’espressione genica delle proteine ​​chiave, hanno scoperto che negli uomini diabetici il recettore degli androgeni (AR) era aumentato. Anche la via di segnalazione mediata da AR era più spiccatamente attiva. Gli scienziati hanno identificato un’altra differenza: i recettori dell’insulina dell’isoforma A sono sempre più espressi nei carcinomi prostatici dei pazienti con diabete. Questi possono legare i fattori di crescita simili all’insulina (IGFs), che contribuiscono ad aumentare la crescita cellulare e la divisione cellulare. Normalmente, gli adulti esprimono principalmente l’isoforma B, che non lega gli IGFs. Inoltre, nei pazienti con diabete, anche la biosintesi steroidea nel tumore viene alterata. Si formano meno ligandi di recettori estrogenici protettivi e antagonisti, il che rafforza ulteriormente la segnalazione degli androgeni nei tumori.

Il professor Arnulf Stenzl, MD, capo del dipartimento di Urologia dell’Ospedale universitario di Tubinga, commenta e chiude: “La nostra ricerca fornisce nuove informazioni sul perché il cancro alla prostata sia così aggressivo negli uomini con diabete di tipo 2. Il carcinoma della prostata negli uomini con diabete di tipo 2 ha una prognosi peggiore e deve quindi essere diagnosticato e trattato prima e in modo più completo, rispetto al cancro alla prostata nei non diabetici”.

I risultati sono pubblicati nelle riviste Molecular Metabolism ed Endocrine Related Cancer.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in BIochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lutz SZ et al. Endocr Relat Cancer. 2018 Mar; 25(3):19-22. 

Lutz SZ, et al., Heni M. Mol Metab. 2018 Feb;8:158-166.

Maas M et al., Todenhöfer T. Asian J Androl. 2017 Aug 22. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI