Fertilità e farmaci: gli antistaminici potrebbero ridurla nell’uomo

Gli antistaminici comunemente usati per trattare le allergie, possono contribuire alla sterilità maschile, in base ai risultati di una nuova revisione sistematica. I ricercatori hanno scoperto che gli antistaminici hanno alterato la funzione testicolare nei topi maschi. Gli autori del nuovo documento sostengono che sono necessari più studi che esaminano questo collegamento, e suggeriscono che le persone siano avvisate dell’uso eccessivo di questi farmaci. Il coautore dello studio, la dott.ssa Carolina Mondillo e il team hanno riportato i loro risultati sulla rivista Reproduction. Gli antistaminici sono la medicina più utilizzata per ridurre i sintomi allergici, ad esempio per la febbre da fieno. Tuttavia, oltre a agire sull’istamina, è stato scoperto che anche gli antistaminici influenzano altre aree della salute, creando effetti collaterali indesiderati legati ai ritmi sonno-veglia, alla funzione sessuale e alla fertilità.

Poiché le allergie stanno diventando sempre più comuni nei paesi industrializzati, anche l’uso di antistaminico è in aumento, quindi è importante che scienziati e dottori comprendano meglio gli effetti collaterali legati a questi farmaci da banco. I ricercatori dell’Istituto di Biologia e Medicina Sperimentale di Buenos Aires, in Argentina, hanno condotto una revisione sistematica di studi sugli animali che hanno esaminato le associazioni tra istamina e fertilità. Hanno esaminato studi sia su piccola che su larga scala che avevano avuto luogo negli ultimi 40 anni. La revisione ha rilevato che diversi studi hanno riportato un’associazione tra l’uso di antistaminico negli animali maschi e la compromissione della funzionalità dei testicoli. Gli autori dello studio suggeriscono, quindi, che gli antistaminici sembrano interferire con la produzione di ormoni sessuali nei testicoli, portando a uno spermatozoo immaturo, con poca motilità o a un bassa conta di spermatozoi.

I ricercatori sono stati in grado di decifrare il meccanismo sotto entrambi i farmaci istamina e antistaminico su precursori di spermatozoi di topo (cellule di Leydig). Sebbene l’istamina alla dose di 1 nanomolare (nM) possa stimolare la produzione di steroidi e aumentare significativamente la risposta all’ormone LH in queste cellule, a 10  microM esercita invece un effetto inibitorio. I ricercatori inoltre hanno confermato l’esistenza di recettori dell’istamina funzionali H1, H2 e H4 in queste cellule. L’uso di agonisti e antagonisti selettivi H1 e H2 ha portato il team a scoprire che l’attivazione di H2 sarebbe in gran parte responsabile della stimolazione della sintesi di steroidi, mentre è richiesta l’attivazione di H1 per la sua inibizione. L’analisi cellulare ha indicato l’accoppiamento del recettore H2 all’enzima dell’adenilato ciclasi, mentre l’attivazione del recettore H1 media aumenta la mobilitazione del calcio, attraverso il sistema cellulare Gq-PLC.

È importante ricordare che tutti gli studi che la dott.ssa Mondillo e colleghi hanno esaminato sono stati condotti su animali. Gli studi sugli esseri umani che esaminano l’associazione tra uso di antistaminico e fertilità maschile sono limitati, quindi è difficile generalizzare questi risultati agli esseri umani. Sono necessari ulteriori studi su vasta scala per valutare i possibili effetti negativi dell’antistaminico sulla salute sessuale e riproduttiva. Questo porterebbe a sviluppare nuovi trattamenti per alleviare i sintomi allergici senza compromettere la fertilità. I ricercatori dicono che ora inizieranno a valutare come le gli antistaminici condizionano i tumori ai testicoli. Risultati preliminari sono già stati pubblicati: le cellule di Leydig testicolari sono inibite dagli antistaminici attraverso il sottotipo recettore H4, un fatto scoperto per la prima volta nel 2014 e riportato in due documenti (Abiuso et al., 2014; Pagotto et al., 2014). Ora il team ha appena pubblicato un articolo parallelo che mostra che anche le cellule tumorali testicolari sono bloccate nella loro crescita da antagonisti del recettore H4 (Abiuso et al., 2018).

Rimane da testare questa possibilità su coorti di pazienti invece che rimanere in laboratorio

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Recensioni specifiche

Mondillo C et al. Reproduction. 2018 Mar 9. REP-17-0685.

Abiuso AM et al. Eur J Cancer. 2018 Mar; 91:125-135.

Abiuso AM et al. J Endocrinol. 2014; 223(3):241-53. 

Pagotto RM et al. J Endocrinol. 2014 Mar 7; 221(1):15-28. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it