Omega-6: non sono come gli omega-3, ma servono anch’essi

Gli acidi grassi omega-6 sono un gruppo di acidi grassi polinsaturi che sono presenti in alimenti a base vegetale come oli vegetali, semi, noci, fagioli e cereali. L’acido linoleico è il più comune acido grasso omega-6 polinsaturo. Prendono il loro nome dal fatto che il loro primo doppio legame si verifica al sesto legame carbonio-carbonio contando dalla fine della loro catena idrocarburica. C’è attualmente molto dibattito sui benefici per la salute degli acidi grassi omega-6. Sebbene siano stati ampiamente elogiati per il loro effetto sui livelli di colesterolo, sono stati presi di mira perché si ritiene che possano anche causare danni, come promuovere l’infiammazione di basso livello, associata a malattie cardiovascolari. La ragione di questo pensiero sta nel fatto che i nostri corpi convertono l’acido linoleico dietetico in un altro acido grasso omega-6 chiamato acido arachidonico, che, a sua volta, viene usato per produrre determinati composti infiammatori. Tuttavia, l’idea che una dieta ricca di acidi grassi omega-6 come l’acido linoleico aumenta il rischio di malattia promuovendo l’infiammazione ignora il fatto che gli acidi grassi omega-6 promuovono anche composti anti-infiammatori. A differenza dell’acido linoleico, i livelli ematici di acido arachidonico non dipendono dalla dieta.

Scienziati dell’Università della Finlandia Orientale hanno analizzato i dati di uno studio che ha seguito quasi 2.500 uomini per oltre 20 anni. È stato rivelato che livelli più alti di acido linoleico degli acidi grassi omega-6 erano legati ad un minor rischio di morte e morte per malattie cardiovascolari. Riferiscono le loro scoperte sull’American Journal of Clinical Nutrition. Il prof. Virtanen e colleghi suggeriscono che la controversia mette in evidenza i tipi di problemi che sorgono quando gli scienziati si concentrano solo sui legami tra dieta e rischio di malattia. Per la loro ricerca, gli scienziati hanno utilizzato i dati dello studio Kuopio Ischemic Heart Factor Risk Factor (KIHD). Lo studio KIHD è un ampio studio in corso sul rischio cardiovascolare che segue una popolazione di uomini di mezza età che vivono nella Finlandia orientale. Gli uomini in questa regione hanno alti tassi registrati di malattia coronarica. I dati dello studio includono i livelli ematici di acidi grassi in 2.480 uomini che avevano 42-60 anni quando si unirono alla coorte nel 1984-1989. Gli uomini sono stati seguiti per una media di 22 anni, durante il quale 1.143 di loro sono morti per cause correlate alla malattia. Per la loro analisi, i ricercatori hanno inserito gli uomini in cinque gruppi classificati in base al loro livello ematico di acido linoleico, e hanno poi confrontato i tassi di morte nei cinque gruppi.

Hanno scoperto che il gruppo con i più alti livelli ematici di acido linoleico presentava un rischio di morte inferiore del 43% rispetto al gruppo con i livelli più bassi. Un’analisi più approfondita ha rivelato un modello simile per le morti causate da malattie cardiovascolari e anche per le morti dovute a cause diverse da malattie cardiovascolari o cancro. Tuttavia, nessun modello è stato trovato per le morti dovute al solo cancro. Questi risultati sono coerenti con quelli di altri studi che hanno seguito grandi gruppi, e trovato legami tra alti livelli di dieta e sangue nell’acido linoleico e ridotto rischio di malattie come il diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari, mentre non aumentava il rischio di cancro. Quando hanno eseguito di nuovo le analisi, questa volta utilizzando solo i livelli ematici di acido arachidonico, il Prof. Virtanen e colleghi hanno trovato modelli simili ma più deboli. Questo risultato è un contributo nuovo e unico del loro studio, notano, e ora richiedono ulteriori studi per confermare che l’aumento di acido arachidonico nel sangue è legato a un minor rischio di morte. I ricercatori notano anche un’altra importante scoperta: indipendentemente dal fatto che gli uomini che hanno studiato abbiano avuto tumori, diabete o malattia cardiovascolare quando si sono arruolati nello studio, i risultati sono stati sostanzialmente gli stessi.

Uno studio postumo del team del prof. Vartinen ha esaminato l’impatto degli acidi omega-6 (linoleico ed arachidonico) sulla comparsa di diabete tipo 2. Essi hanno analizzato i dati di 20 studi di coorte prospettici da dieci paesi (Islanda, Paesi Bassi, Stati Uniti, Taiwan, Regno Unito, Germania, Finlandia, Australia, Svezia e Francia), con biomarcatori campionati tra il 1970 e il 2010. I partecipanti con diabete tipo 2 al basale sono stati omessi. Il risultato principale è stata l’associazione tra i markers omega-6 e il diabete di tipo 2 incidente. I partecipanti erano 39 740 adulti, età 49-76 anni che non avevano il diabete di tipo 2 al basale. Durante un follow-up di 366 073 anni-persona, abbiamo identificato 4347 casi di diabete di tipo 2 incidente. In analisi raggruppate multivariabili, le percentuali più elevate di acido linoleico come percentuali di acido grasso totale, erano associate nel complesso a un minor rischio di diabete di tipo 2. Le associazioni tra i biomarcatori dell’acido linoleico e il diabete di tipo 2 erano generalmente simili in diversi compartimenti lipidici, inclusi fosfolipidi, plasma, esteri di colesterolo e tessuto adiposo. I livelli di acido arachidonico non erano significativamente associati al rischio di diabete di tipo 2 nel complesso. I loro risultati suggeriscono che l’acido linoleico ha benefici a lungo termine per la prevenzione del diabete di tipo 2 e che l’acido arachidonico non è dannoso.

Un’altra conferma che a tavola si devono assumere tutti i nutrienti, che siano essi vitamine, proteine, zuccheri, omega-3 ed omega-6. L’importante, come sempre, è non eccedere con ognuno di essi.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

 

Pubblicazioni scientifiche

Wu JHY et al. Lancet Diabetes Endocrinol. 2017 Dec; 5(12):965-74.

Del Gobbo LC et al. JAMA Intern Med. 2016; 176(8):1155-66.

Yary T et al. Virtanen JK. Am J Clin Nutr. 2016; 103(5):1337-43.

Virtanen JK et al. Osteoporos Int. 2012 Nov; 23(11):2615-24.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it