Insufficienza renale cronica: la dieta vegetariana aiuta?

I principali obiettivi nutrizionali per le persone con malattia renale cronica (CKD) implicano il rallentamento della progressione del danno ai reni, la riduzione della tossicità uremica e dei disordini metabolici dell’insufficienza renale. Questi includono la diminuzione della proteinuria, il mantenimento di un buono stato nutrizionale e la riduzione del rischio di complicazioni secondarie tra cui malattie cardiovascolari, osteoporosi e controllo della pressione arteriosa. Tuttavia, i requisiti nutrizionali differiscono tra i pazienti con vari stadi della funzionalità renale e con varie comorbidità. L’influenza della dieta sugli esiti dei pazienti con malattia renale cronica è stata ampiamente studiata. La malnutrizione ha effetti avversi sulla prognosi dei pazienti con CKD, tuttavia, non è chiaro se la correzione della denutrizione possa migliorare i risultati clinici in questo gruppo di pazienti. Per decenni, il vegetarismo e le malattie renali sono stati ritenuti impossibili da combinare. Le diete a base vegetale, nonostante contengano basse quantità di proteine, sono anche ricche di potassio e fosforo e pertanto si ritiene che non siano adatte ai pazienti affetti da insufficienza renale cronica. Tuttavia, le prove degli studi clinici dimostrano che una tale dieta può essere utile per i pazienti affetti da insufficienza renale cronica quando apprendono come usarla saggiamente.

Oggigiorno esistono numerosi tipi di vegetarismo, tra cui lacto-ovo-vegetarianismo, lacto-vegetarianismo, ovo-vegetarianismo, veganismo, vitarismo, fruttarismo, liquidarismo, ecc. Alcune diete combinano diete a base vegetale con prodotti animali come uova, latte e miele, altri sono a base di frutta o germogli o succhi. Indipendentemente dal tipo di vegetarismo, una tale dieta contiene in genere grandi quantità di cereali integrali, noci, frutta e verdura ed è ricca di fibre alimentari, acidi grassi omega-6, acido folico, potassio, magnesio, vitamina E, vitamina C, carotenoidi, così come molti fitochimici, i risultati di piccoli studi suggeriscono che una dieta a base di piante può ritardare la progressione della CKD, proteggere l’endotelio, aiutare a controllare l’ipertensione e diminuire la proteinuria. Una tale dieta non solo fornisce nutrienti, ma protegge anche contro le complicazioni. Una dieta a base vegetale stimola i batteri produttori di butirrato (microbiota), che influiscono positivamente sulla salute del tratto digestivo. Questi batteri sono utili per le cellule epiteliali. È anche una fonte naturale di pre-biotici. I batteri dell’intestino tenue che partecipano alla fermentazione di fibre e proteine ​​contribuiscono alla generazione di acidi grassi a catena corta (SCFA). Gli SCFA promuovono i meccanismi cellulari mantenendo l’integrità del tessuto colorettale e, mentre sono in circolazione, influenzano la funzione immunitaria e l’infiammazione.

Altri batteri benefici (Bifidobacterium) generano vitamine, come folato, biotina, vitamina K, tiamina e vitamina B12. Nei pazienti con insufficienza renale cronica, è necessaria un’adeguata quantità di proteine ​​per evitare sia la malnutrizione che l’iponutrizione. La malnutrizione proteico-energetica nei pazienti con CKD è un forte predittore di esiti avversi. Studi su modelli animali suggeriscono che una dieta vegetariana è adeguata e nutrizionalmente adeguata nella CKD. Inoltre, studi umani confermano questa tesi. Il grande studio di coorte EPIC-Oxford ha valutato l’assunzione di nutrienti in 33.863 consumatori di carne e 31.546 non carnivori. Questo studio ha rivelato che l’assunzione di energia media era inferiore del 5% nei vegetariani e del 14% inferiore nei vegani, rispetto ai carnivori. Inoltre, l’assunzione di carboidrati era più alta negli individui vegetariani (51,2% contro il 46,9% dell’apporto energetico), mentre l’assunzione di proteine ​​era più bassa (13,1% rispetto al 16,0% dell’apporto energetico) rispetto ai consumatori di carne. Nei pazienti affetti da insufficienza renale cronica, i disturbi del metabolismo minerale sono frequenti e iniziano di solito allo stadio 3 e 4. Man mano che la funzione renale diminuisce, la capacità dei reni di espellere il fosforo si riduce sempre più. 

Le proteine ​​a base vegetale sono più ricche di fosforo rispetto alle proteine ​​animali. Tuttavia il fosfato nelle proteine ​​vegetali è biodisponibile solo tra il 30% e il 50%, mentre nelle proteine animali, ad esempio nel latte e nel formaggio, è biodisponibile al 70-80 %. È associato ad un alto contenuto di fitati nelle proteine ​​vegetali. I fitati legano il fosforo e ne impediscono l’assorbimento. Pertanto, sembra che il consumo di cibo vegetariano a base di cereali possa essere associato ad un ridotto assorbimento del fosforo, rispetto alle diete a base di carne o caseina. Nella malattia renale cronica, il carico di acido alimentare può causare acidosi, nonostante una normale concentrazione sierica di bicarbonato. L’acidosi metabolica è una complicanza abbastanza comune nei pazienti con CKD, che stimola le anomalie endocrine, metaboliche e muscolo-scheletriche. I cibi vegetariani contengono molti anioni di bicarbonato organico, tra cui citrato, lattato, ecc., E quindi producono un carico alcalino. L’implementazione di frutta e verdura che induce alla base nella dieta è stata dimostrata non solo per ridurre il carico di acido dietetico, ma anche per ridurre la proteinuria e la pressione sanguigna in pazienti con nefropatia ipertensiva e insufficienza renale in stadio 2, con conseguente ostacolo alla progressione della stessa.

L’effetto di una dieta vegetariana nei pazienti con CKD è stato esaminato in alcuni studi clinici. Una dieta vegetariana specializzata in pazienti con CKD a 3 e 4 stadi era associata al mantenimento o all’aumento del peso corporeo, delle proteine ​​totali sieriche, dell‘albumina sierica e della transferrina in pazienti di confronto su una dieta convenzionale a basso contenuto proteico. Il confronto dei pazienti vegetariani in emodialisi con quelli non-vegetariani non ha rivelato alcuna differenza significativa nell’albumina sierica o nella prealbumina. Tuttavia, il fosforo sierico e l’ormone paratiroideo sono risultati significativamente più bassi nel gruppo vegetariano. Nei pazienti in dialisi, una dieta vegetariana era associata a livelli più bassi di azotemia, creatinina, massa muscolare, BMI e livelli di marker infiammatori, tuttavia, richiedevano una dose più elevata di eritropoietina. Il confronto tra albumina, prealbumina, forza muscolare, valutazione soggettiva globale e attività della vita quotidiana tra pazienti HD vegetariani e pazienti con MH non-vegetariani, non ha rivelato differenze tra questi due gruppi. I risultati degli studi suggeriscono che una dieta vegetariana, anche se combinata con un basso apporto proteico, sembra essere adatta per i pazienti con CKD e fornire un’alimentazione adeguata. Tuttavia, dovrebbe essere implementato seguendo un’adeguata pianificazione e consultazione con un dietologo.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Letteratura scientifica

Aparicio M et al. J Am Soc Nephrol (2000). 11: 708–716.

Conlon MA, Bird AR. Nutrients (2015). 7: 17–44.

Garneata L et al. J Am Soc Nephrol (2016). 27: 2164–2176.

Mitch WE. J Am Soc Nephrol (2002). 13: S22–S27.

Mitch WE, Remuzzi, G. BMC Nephrol (2016). 17: 80.

Scialla JJ et al. Adv. Chronic Kidney Dis. (2013). 20: 141–149.

Goraya N et al. Kidney Int. (2012). 81: 86–93.

Trujillo J et al. Am J Physiol Ren Physiol. (2005) 288: F108.

Zhou J, Yuan W. Clin. Nutr. (2016). 35: 117–124.

Zhang J et al.  Eur. J. Clin. Nutr. (2014). 68: 987–993.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it