martedì, Aprile 16, 2024

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Sindrome della fatica cronica: pare che la tiroide faccia la sua parte

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), tra 836.000 e 2.5 milioni di persone negli Stati Uniti potrebbero attualmente convivere con la sindrome da fatica cronica (CFS), che è anche conosciuta come encefalomielite mialgica. La CFS è caratterizzata da uno schiacciante senso di affaticamento, che può anche essere accompagnato da dolore, vertigini e compromissione della concentrazione. Nonostante il fatto che questa condizione sia spesso legata a una qualità della vita significativamente diminuita, molte persone non ricevono una diagnosi ufficiale e coloro che lo fanno potrebbero non ricevere sempre un trattamento adeguato; le cause della CFS sono ancora sconosciute. Questo è il motivo per cui la ricerca sulla CFS è in corso, con gli investigatori che cercano di scoprire i meccanismi biologici sottostanti che caratterizzano questa condizione. Recentemente, i ricercatori del Centro medico universitario Groningen e del Laboratorio Europeo di Nutrzione di Bunnik – entrambi in Olanda – in collaborazione con i colleghi dell’Istituto Sanitario di Madrid, in Spagna, hanno lanciato una nuova teoria. Credono che l’esordio della CFS possa avere qualcosa a che fare con i livelli degli ormoni tiroidei. Il Dr. Begoña Ruiz-Núñez e il suo team hanno notato che, come la CFS, anche l’ipotiroidismo è caratterizzato da intenso affaticamento e senso di letargia. Nel loro nuovo studio, i cui risultati sono ora pubblicati sulla rivista Frontiers in Endocrinology, Ruiz-Núñez e il team spiegano che la CFS e la malattia tiroidea hanno una serie di caratteristiche fisiologiche sovrapposte.

La loro speranza è che le somiglianze, così come le differenze, che hanno scoperto tra queste due condizioni potrebbero alla fine portare a trattamenti più mirati per la CFS. Nell’ipotiroidismo, la ghiandola tiroidea non è in grado di produrre abbastanza ormoni tiroidei, che aiutano a regolare il metabolismo del corpo. Quando non viene rilasciato abbastanza di questi ormoni, il corpo diventa più pigro; in tali circostanze, per cercare di aumentare l’attività della ghiandola tiroidea, l’ipofisi rilascia livelli più alti di ormone stimolante la tiroide (TSH). I ricercatori dietro il nuovo studio osservano che nella CSF, come nell’ipotiroidismo, la ghiandola tiroidea non riesce a rilasciare livelli adeguati di ormoni tiroidei. Tuttavia, in questo caso, nessun TSH aggiuntivo viene rilasciato nel sistema. In seguito a questi indizi, Ruiz-Núñez e colleghi hanno dedotto che la CFS potrebbe manifestarsi come risultato di bassi livelli di ormone tiroideo, indipendentemente dalla malattia tiroidea. Per verificare questa ipotesi, i ricercatori hanno lavorato con 197 soggetti, di cui 98 erano stati diagnosticati con CFS e 99 non avevano condizioni di salute eccezionali. L’ultimo gruppo di partecipanti ha agito come gruppo di controllo. Dopo aver confrontato i livelli di attività delle ghiandole tiroidee, così come i markers di infiammazione, tra i due gruppi, Ruiz-Núñez e colleghi hanno scoperto che i partecipanti con CFS avevano livelli significativamente più bassi di importanti ormoni tiroidei, tra cui triiodotironina (T3) e tiroxina (T4). Ma allo stesso tempo, hanno confermato di esibire livelli di TSH normali. Ulteriori test hanno rivelato che i partecipanti con CFS avevano uno stato di iodio urinario inferiore rispetto ai loro omologhi sani.

Le persone con CFS presentavano anche un’infiammazione di basso grado, la risposta automatica del corpo a qualsiasi stimolo nocivo percepito. Tuttavia, questo gruppo di partecipanti presentava livelli più alti del solito dell’ormone tiroideo “reverse T3” (rT3), che è spesso visto in coloro che si stanno riprendendo dopo gravi problemi di salute che hanno richiesto il ricovero in ospedale. Come spiegano gli autori, rT3 è la conseguenza di un cambiamento nella produzione di ormoni tiroidei. Normalmente, la ghiandola tiroidea produce alcuni livelli di T4 e T3, che sono due ormoni che svolgono un ruolo chiave nella regolazione del metabolismo. Ma Ruiz-Núñez e il team spiegano che nel caso di persone con CFS, invece di produrre T3, il corpo converte la T4 in rT3. Questo potrebbe spiegare perché i livelli di T3 sono sostanzialmente diminuiti. “Uno degli elementi chiave del nostro studio”, afferma Ruiz-Núñez, “è che le nostre osservazioni persistono di fronte a due analisi di sensibilità. per verificare la forza dell’associazione tra CFS e parametri tiroidei e infiammazione di basso grado”. Per rispondere meglio ai bisogni delle persone con CFS e comprendere e trattare meglio le loro condizioni, i ricercatori ritengono che i professionisti sanitari dovrebbero tenere traccia di una storia più approfondita del paziente, inclusa la durata della malattia. Núñez e colleghi sperano anche che ulteriori studi possano portare avanti la loro nuova ricerca e confermare se esiste una relazione causale tra la CFS e la cattiva performance della ghiandola tiroidea.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni selezionate

Blomberg J et al. Front Immunol. 2018 Feb 15; 9:229.

Tomic S et al. Turk J Med Sci. 2017;47(4):1097.

Somppi TL. Front Immunol. 2017 Aug 7;8:919.

Wyller VB et al. J Transl Med. 2016 May 5;14(1):121.

Latest

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Le Cucurbitacee: una vasta famiglia di frutti e verdure con straordinarie proprietà per la salute

Le piante della famiglia delle Cucurbitacee, come zucca, zucchino,...

Newsletter

Don't miss

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Le Cucurbitacee: una vasta famiglia di frutti e verdure con straordinarie proprietà per la salute

Le piante della famiglia delle Cucurbitacee, come zucca, zucchino,...

Geraniolo: l’alcol di molti aromi naturali e la sua azione protettiva contro la demenza senile

Nonostante le malattie cardiovascolari, il diabete e i tumori...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Cartilagine: un tessuto delicato che va protetto, e ancor di più in chi fa sport

Cartiliagini, stile di vita e necessità nutrizionali I condrociti sono le cellule che costituiscono la cartilagine. Nella struttura chiusa della capsula articolare, le sollecitazioni quotidiane...

I rischi sul lavoro per la fertilità maschile: parla una recensione di ricercatori italiani

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce l'infertilità come l'incapacità di ottenere una gravidanza dopo un anno o più di rapporti sessuali regolari non protetti....

Dieta Nordica: un colpo d’occhio sui pregi per la salute

Cos'è la dieta nordica? La dieta nordica è stata sviluppata sulla base della cucina tradizionale presente in Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia. Non c'è...