Aspirina: assieme al clopidogrel riduce il rischio di un altro ictus

Come nel caso di un ictus maggiore, in un attacco ischemico transitorio (TIA) o mini-ictus, l’apporto di sangue al cervello viene interrotto. Questo organo principale viene seppur temporaneamente di ossigeno, il che porta a problemi di pronuncia, disturbi visivi e intorpidimento delle estremità. Un ictus minore è simile, ma è normalmente necessario per avere un impatto più persistente, e il termine è spesso usato per i pazienti con ictus con sintomi lievi e non invalidanti. Tuttavia, a differenza di un colpo maggiore, i TIA non tendono a causare danni gravi e duraturi. Tuttavia, molti di coloro che sperimentano un mini-ictus possono andare incontro a un grave ictus nei prossimi 90 giorni, con conseguenze più gravi. Per evitare questo, le persone che hanno avuto un TIA dovrebbero ricevere l’attenzione medica immediata – entro 3 ore dall’evento – e può essere prescritto un trattamento anticoagulante per prevenire ulteriori blocchi che possono ostruire la circolazione cerebrale.

Ma i ricercatori ora stanno chiedendo se ci sono metodi di prevenzione ancora più efficaci per tenere a bada l’ictus maggiore dopo un TIA o un ictus minore. Clay Johnston, professore di Neurologia presso la Dell Medical School dell’Università del Texas ad Austin, suggerisce che i pazienti che assumono una combinazione di anticoagulanti e di aspirina potrebbero ridurre ulteriormente il rischio di subire un ictus maggiore. In un nuovo studio – i cui risultati sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine – il prof. Johnston e il team suggeriscono che l’assunzione dell’anticoagulante clopidogrel + aspirinetta può ridurre il rischio di un ictus post-TIA maggiore. I ricercatori hanno analizzato i dati medici provenienti da 4.881 adulti in 10 paesi che avevano avuto un TIA o un ictus minore. In particolare, erano interessati a valutare i risultati per quei pazienti a cui erano stati somministrati sia clopidogrel che aspirina.

Hanno scoperto che questa combinazione di aspirina più anticoagulante ha comportato un rischio inferiore del 25% di sperimentare un ictus, un attacco cardiaco o una morte maggiori causati dalla formazione di coaguli di sangue entro 3 mesi dall’evento iniziale. Eppure questo approccio non viene senza rischi specifici. Pertanto osserva il prof. Johnston: “Lo studio fornisce una solida evidenza che possiamo usare questa combinazione di farmaci per prevenire ictus nelle persone a più alto rischio, ma non senza il rischio di sanguinamento. I partecipanti che hanno assunto sia aspirina che clopidogrel piuttosto che solo aspirina dopo un TIA o un ictus minore hanno avuto un aumentato rischio di emorragia. Dunque, per ogni migliaia di pazienti trattati con questa combinazione, ci si attendono cinque eventi emorragici extra importanti, oltre a 15 ictus e eventi ischemici maggiori”.

I ricercatori osservano che, nonostante la maggiore possibilità che possa verificarsi un’emorragia, i benefici della combinazione clopidogrel-aspirina superano di gran lunga i rischi, poiché il sanguinamento è normalmente reversibile e quindi più facile da seguire. Delle 33 maggiori emorragie che si sono verificate in questi 4,881 pazienti, più della metà ha coinvolto il tratto gastrointestinale e nessuna di esse è risultata fatale. Queste complicanze emorragiche in gran parte prevenibili o curabili col trattamento, devono essere bilanciate contro il beneficio di evitare ictus invalidanti. Un trial clinico che aveva già testato le acque con la combinazione clopidogrel-aspirina aveva anche evidenziato i suoi benefici, ma non aveva individuato il rischio di sanguinamento come evento avverso. Tuttavia, i risultati della ricerca esistente si sommano, suggerendo che questo approccio potrebbe essere altamente auspicabile in futuro.

I risultati di questo ampio studio internazionale, aggiunti ai risultati di ricerche precedenti, forniscono prove a supporto dell’uso di clopidogrel più aspirina per 90 giorni tra i pazienti con ictus ischemico minore e TIA ad alto rischio trattati entro 12 ore. È probabile che questo studio cambierà la pratica clinica, poiché la maggior parte dei medici e dei pazienti di solito è disposta ad accettare l’aumento del rischio di emorragia per compensare l’impatto invalidante di un ictus.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Johnston SC et al. New Engl J Med. 2018 May 16.

Jing J et al., Johnston SC. JAMA Neurol. 2018 Mar 26.

Pan Y, Cai X et al. Stroke. 2017 Nov; 48(11):3006-3011.

Pan Y, Jing J et al. Neurology. 2017 May; 88(20):1906-11.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it