Testosterone e pubertà: come vengono condizionati dall’ambiente

I livelli di testosterone maschile sono in gran parte determinati dal loro ambiente durante l’infanzia, secondo una nuova ricerca. Lo studio condotto dalla Durham University suggerisce che gli uomini che crescono in condizioni più difficili in cui ci sono molte malattie infettive, ad esempio, hanno probabilmente livelli più bassi di testosterone in età avanzata rispetto a quelli che trascorrono la loro infanzia in ambienti più sani. Lo studio, pubblicato su Nature Ecology and Evolution, mette in discussione la teoria secondo cui i livelli di testosterone sono controllati dalla genetica o dalla razza. Poiché i livelli elevati di testosterone portano potenzialmente ad un aumento del rischio di ingrossamento della prostata e cancro, i ricercatori suggeriscono che qualsiasi screening per i profili di rischio potrebbe dover tenere conto dell’ambiente infantile di un uomo. Lo studio ha scoperto che gli uomini del Bangladesh, cresciuti e vissuti da adulti nel Regno Unito, avevano livelli di testosterone significativamente più alti rispetto agli uomini relativamente benestanti che erano cresciuti e vivevano in Bangladesh da adulti. I bengalesi in Gran Bretagna raggiunsero anche la pubertà in giovane età ed erano più alti degli uomini che vivevano in Bangladesh per tutta la loro infanzia.

I ricercatori dicono che le differenze sono legate agli investimenti energetici poiché potrebbe essere possibile avere alti livelli di testosterone se non ci sono molte altre richieste sul corpo come combattere le infezioni. Negli ambienti in cui le persone sono più esposte a malattie o poveri nutrizione, sviluppando i maschi energia diretta verso la sopravvivenza al costo del testosterone. I ricercatori hanno raccolto dati da 359 uomini su altezza, peso, età della pubertà e altre informazioni sanitarie insieme a campioni di saliva per esaminare i loro livelli di testosterone. Hanno confrontato i seguenti gruppi: uomini nati e ancora residenti in Bangladesh; Uomini del Bangladesh che si sono trasferiti nel Regno Unito (Londra) da bambini; Uomini del Bangladesh che si sono trasferiti nel Regno Unito da adulti; uomini di seconda generazione di origine britannica i cui genitori erano migranti del Bangladesh; e gli europei etnici nati nel Regno Unito. Il principale autore dello studio, il Dr. Kesson Magid del Dipartimento di antropologia dell’Università di Durham, ha dichiarato: “È improbabile che i livelli assoluti di testosterone di un uomo si riferiscano alla loro appartenenza etnica o in cui vivono da adulti, ma riflettono l’ambiente circostante quando erano bambini”.

Gli uomini con livelli più elevati di testosterone sono a maggior rischio di effetti potenzialmente negativi di questo ormone sulla salute e sull’invecchiamento. Livelli molto alti possono significare un aumento della massa muscolare, un aumento del rischio di malattie della prostata e sono stati collegati a una maggiore aggressività. Livelli di testosterone molto bassi negli uomini possono includere mancanza di energia, perdita di libido e disfunzione erettile. I livelli di testosterone degli uomini nello studio erano, tuttavia, tutti in un intervallo che avrebbe improbabilmente un impatto sulla loro fertilità. Livelli di testosterone molto alti e molto bassi possono avere implicazioni per la salute degli uomini e potrebbe essere importante sapere di più sulle condizioni dell’infanzia degli uomini per costruire un quadro più completo dei loro fattori di rischio per determinate condizioni o malattie. Gli aspetti della funzione riproduttiva maschile rimangono mutevoli nell’adolescenza, fino all’età di 19 anni e sono più flessibili all’inizio piuttosto che nella tarda infanzia, secondo la ricerca. Tuttavia, lo studio suggerisce che, in età adulta, i livelli di testosterone maschile non sono più fortemente influenzati dall’ambiente circostante.

Questo potrebbe in definitiva influenzare i livelli ormonali, la fertilità e i livelli di rischio per i tumori della riproduzione da adulti.a

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Magid K et al. Nat Ecol Evol. 2018 Jul; 2(7):1146-54.

Kolatorova L et al., Environ Res. 2018 May; 163:115.

Mustieles V et al. Sci Total Environ. 2018; 618:1046-53.

Watkins DJ et al. Environ Health. 2017 Jun 21;16(1):69.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it