Rughe degli occhi: la spia della sincerità di interazione

I ricercatori della Western University hanno dimostrato che il nostro cervello è pre-impostato per percepire le rughe intorno agli occhi come sorgente di emozioni più intense e più sincere. Questa caratteristica di rughe oculari, detta Duchenne, si manifesta attraverso molteplici espressioni facciali, inclusi sorrisi, espressioni associate al dolore e – come rilevato da questi ricercatori – espressioni di tristezza. Usando un metodo chiamato rivalità visiva, i ricercatori hanno mostrato ai partecipanti di studio foto di espressioni con e senza il marcatore di Duchenne per studiare quale delle espressioni che i nostri cervelli percepiscono come più importanti. Quando vengono mostrate diverse immagini in ciascun occhio, il cervello si alterna tra queste due immagini, ma porterà l’immagine che è percepita come più rilevante nella consapevolezza percettiva più spesso. Il ricercatore principale dello studio, il dott. Julio Martinez-Trujillo, professore alla Schulich School of Medicine & Dentistry di Western, afferma che la rivalità visiva è come una finestra nell’inconscio e dimostra ciò che il nostro cervello considera involontariamente più rilevante o importante.

“Le espressioni che coinvolgono la Duchenne sono sempre state dominanti, quindi se l’emozione è più intensa, il tuo cervello preferisce effettivamente portarlo nella consapevolezza percettiva per un tempo più lungo”, ha detto Martinez-Trujillo. Gli investigatori hanno anche chiesto ai partecipanti di valutare le espressioni su una scala per intensità e sincerità, e hanno scoperto che le persone sistemavano sistematicamente i sorrisi di Duchenne e le espressioni tristi di Duchenne come più sincere e più intense delle espressioni non-Duchenne. “Questi risultati forniscono la prova di un potenziale linguaggio universale per la lettura delle emozioni, in altre parole, una determinata azione facciale può avere un singolo ruolo attraverso più espressioni facciali – specialmente se quell’azione facciale modella le tue interazioni sociali. il sorriso è genuino e se quella persona può essere fidata, ti avverte se dovresti sfuggire o meno “, ha detto Nour Malek, PhD, primo autore sulla carta. Lo studio è stato condotto in collaborazione con gli investigatori dell’Università di Miami ed è stato pubblicato sulla rivista Emotion.

Gli autori sottolineano che i risultati sono un passo verso la comprensione delle domande più generali sul perché le espressioni facciali contengono le azioni facciali specifiche che fanno e su come ciò contribuisce alla nostra comprensione delle emozioni. Da Darwin, gli scienziati si sono chiesti se esiste un linguaggio dell’espressione facciale. Questa ricerca suggerisce che una chiave di questo linguaggio è la costrizione degli occhi. Quando abbiamo interazioni sociali, dobbiamo percepire se una persona è sincera o no. Quindi, l’interesse dei ricercatori ora è, quali saranno i risultati se facciamo lo stesso test con le persone con disturbo dello spettro autistico. Spesso hanno difficoltà a leggere le emozioni degli altri, quindi ci chiediamo se questo potrebbe avere a che fare con la loro capacità di leggere questo indicatore per sincerità. Perciò, non sono solo gli occhi ad essere lo specchio dell’anima, come si dice popolarmente: “se vuoi sapere la verità, guardala in fondo agli occhi”. Il quadro non è fatto solo dalla tela: anche la cornice, se si presenta bene, da informazioni sul contenuto dell’opera.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Leavitt ML et al. Cereb Cortex. 2018 Jul 1; 28(7):2405-21.

Malek N et al., Martinez-Trujillo JC. Emotion. 2018 Jun 11.

Korb S et al. PLoS One. 2014 Jun 11; 9(6):e99194.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it