Religione, credo e longevità: i primi dati scientifici dai necrologi

Religione, credenza e longevità: i primi dati scientifici

Se credi in un potere più alto, puoi vivere più a lungo, suggerisce un nuovo studio. Avere fede religiosa può prolungare la tua vita di ben 4 anni. Sebbene la ragione di ciò rimanga un mistero, è noto che le donne tendono a vivere più a lungo degli uomini. Negli Stati Uniti, le donne potrebbero vivere fino a 81,2 anni, in media, mentre gli uomini hanno un’aspettativa di vita di soli 76,4 anni. Oltre al sesso, i ricercatori stanno scoprendo sempre più fattori che hanno il potenziale per prolungare le nostre vite. Interazione sociale, avere un animale domestico e camminare più velocemente sono stati recentemente dimostrati per aumentare la longevità. La religione potrebbe avere lo stesso effetto sulla nostra vita? Nuova ricerca suggerisce così. I ricercatori guidati da Laura Wallace, ricercatrice di dottorato in Psicologia presso la Ohio State University di Columbus, hanno condotto due studi i cui risultati mostrano che la religione potrebbe dare ai credenti una spinta alla longevità di 4 anni.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Social Psychological and Personality Science. Nel primo studio, Wallace e colleghi hanno analizzato 505 necrologi pubblicati nel registro di Des Moines tra gennaio e febbraio 2012. Il secondo studio ha analizzato 1.096 necrologi pubblicati online in 42 grandi città degli Stati Uniti tra agosto 2010 e agosto 2011. In entrambi gli studi, il i ricercatori hanno tenuto conto del sesso e dello stato civile, nonché del numero di attività sociali religiose alle quali il popolo aveva partecipato. Il primo studio ha dimostrato che i credenti hanno vissuto 9,45 anni in più rispetto a coloro che non avevano un’affiliazione religiosa nel loro necrologio. Dopo che il loro sesso e stato civile erano stati giustificati, i credenti vivevano in media 6.48 anni in più dei non credenti. Nel secondo studio, questo intervallo era inizialmente di 5,64 anni, quindi di 3,82 anni dopo aver considerato il sesso e lo stato civile.

Come già accennato, gli studi hanno evidenziato l’importanza delle attività sociali per la longevità. Pertanto, Wallace e il team hanno voluto verificare che l’aumento della longevità non fosse spiegato dalle attività sociali e di volontariato a cui le persone avevano partecipato. Hanno scoperto che il volontariato e il coinvolgimento nelle organizzazioni sociali rappresentavano solo un anno in meno rispetto alla spinta alla longevità quella affiliazione religiosa fornita. C’è ancora molto del beneficio dell’affiliazione religiosa che questo non può spiegare. I ricercatori ipotizzano potenziali motivi per cui la religione dà una spinta alla longevità. Un’ipotesi afferma che i credenti religiosi possono astenersi da pratiche insalubri come l’uso di droghe e alcol. Inoltre, molte religioni promuovono pratiche di riduzione dello stress che possono migliorare la salute, come la gratitudine, la preghiera o la meditazione.

Mentre queste sono solo ipotesi, una cosa che lo studio ha dimostrato con un discreto grado di certezza è che la conformità media il rapporto tra religione e longevità – cioè, in città dove la conformità è importante, i credenti sono vissuti più a lungo dei non credenti.

Che ci sia qualche messaggio fra le righe, che non vediamo ancora?

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Minton ME et al. J Clin Nurs. 2018 Jan; 27(1-2):173-181.

Saad M, Medeiros R. Rev Assoc Med Bras 2017;63(10):837.

Koenig LB. J Genet Psychol. 2015; 176(6):369-85.

Mathisen B et al. J Relig Health. 2015; 54(6):2309-23.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1071 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it