Fertilità: dalla terapia dei tumori il letrozolo mostra efficacia

Un farmaco utilizzato nel trattamento del cancro al seno è ora considerata la migliore opzione per il trattamento della causa più comune di infertilità. Nei pazienti con cancro della mammella, il letrozolo riduce la quantità di estrogeni, ma un effetto collaterale è l’aumento dell’ovulazione. Il letrozolo è stato trovato per aumentare l’ovulazione nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), una forma comune di disfunzione dell’ovulazione, che porta ad un aumento del 40% nei tassi di gravidanza e più ovulazione e nati vivi rispetto al Clomid, lo standard precedente. La dottoressa Stephanie Estes, specialista in fertilità certificata, suggerisce che i pazienti la cui infertilità sia causata da un’ovulazione irregolare chiedono ai loro fornitori di letrozolo, poiché le notizie sulla sua efficacia come trattamento per l’infertilità non si sono diffuse molto rapidamente. È facile da prendere, ha un basso tasso di nascite multiple e meno effetti collaterali del Clomid. Se l’infertilità è causata da fattori maschili o semplicemente inspiegabile, i medici possono raccomandare altri medicinali, iniettabili, inseminazioni o fecondazione in vitro (FIV), a seconda della diagnosi.

L’inseminazione intrauterina (IUI) posiziona lo spermatozoo concentrato direttamente nell’utero della donna in modo che non abbia finora luogo per viaggiare e quindi aumenti le possibilità di fecondazione. Con la fecondazione in vitro, le uova della donna vengono raccolte e combinate con lo sperma in un laboratorio di embriologia e quindi un embrione viene inserito nell’utero. La FIV sta riscuotendo sempre più successo, quindi la sua disponibilità ai pazienti è migliorata. Il dott. Estes raccomanda che le valutazioni della fertilità siano fatte da un endocrinologo riproduttivo e che le coppie vengano valutate se hanno 35 anni o più, con cicli mestruali regolari, e hanno cercato di procreare per più di sei mesi. Se hanno meno di 35 anni e hanno provato per 12 mesi, potrebbe essere il momento di fissare un appuntamento. Le donne dovrebbero essere viste prima se non hanno regolari mestruazioni, hanno una storia di chemioterapia o radioterapia o se c’è un noto fattore maschile. È difficile dire se al giorno d’oggi più coppie stiano lottando contro l’infertilità o se sia solo più comune sentir parlare di tecnologie migliorate e di opzioni di trattamento efficaci.

Altre persone si stanno facendo avanti perché c’è più conoscenza e disponibilità, ma abbiamo anche più da offrire con successo, così da creare un ciclo. Le nuove procedure chirurgiche minimamente invasive possono trattare l’endometriosi, aiutare i medici a valutare le tube di Falloppio e rimuovere i grandi fibromi che possono influire sulla fertilità. Poi ci sono trattamenti olistici gratuiti come l’agopuntura, che hanno risultati contrastanti per quanto contribuiscono alla fertilità. Gli scienziati non possono ancora dire che risolverà i problemi, ma non si sa di effetti nocivi da parte loro, quindi se diminuisce lo stress di una donna, allora fallo. Una delle cose più comuni a cui molte coppie non pensano è di assicurarsi di avere un conto di salute pulito e di vivere lo stile di vita più salutare possibile prima di provare a rimanere incinta. Cose come smettere di fumare e limitare l’abuso di caffeina, ma soprattutto di alcolici, così come il momento giusto del rapporto sessuale possono aiutare a massimizzare le possibilità di concepimento.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Chen Y et al. Med Sci Monit. 2018 Jun 20; 24:4248-4253.

Evans-Hoeker EA et al. Fertil Steril. 2018 May; 109(5):879-887. 

Diamond MP et al. gN Engl J Med. 2015 Sep; 373(13):1230-40.

Legro RS et al. N Engl J Med. 2014 Jul 10; 371(2):119-29.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it