HomeATTUALITA' & SALUTEInquinamento atmosferico globale ed incidenza diabete: i dati non rassicurano

Inquinamento atmosferico globale ed incidenza diabete: i dati non rassicurano

Una nuova ricerca collega l’inquinamento dell’aria esterna, anche a livelli ritenuti sicuri, a un aumento del rischio di diabete a livello globale, secondo uno studio della Washington University School of Medicine di St. Louis e del Veterans Affairs (VA) St. Louis Health Care System. I risultati sollevano la possibilità che la riduzione dell’inquinamento possa portare a un calo dei casi di diabete in paesi fortemente inquinati come l’India e quelli meno inquinati come gli Stati Uniti. Il diabete è una delle malattie in più rapida crescita, colpendo oltre 420 milioni di persone in tutto il mondo e 30 milioni di americani. I principali driver del diabete includono una dieta non sana, avere uno stile di vita sedentario e l’obesità, ma la nuova ricerca indica la misura in cui l’inquinamento dell’aria esterna gioca un ruolo. Mentre prove crescenti hanno suggerito un legame tra inquinamento atmosferico e diabete, i ricercatori non hanno tentato di quantificare tale onere fino ad ora.

Per valutare l’inquinamento dell’aria esterna, i ricercatori hanno esaminato il particolato, i frammenti di polveri microscopiche nell’aria, la sporcizia, il fumo, la fuliggine e le gocce di liquido. Studi precedenti hanno scoperto che tali particelle possono entrare nei polmoni e invadere il flusso sanguigno, contribuendo alle principali condizioni di salute come malattie cardiache, ictus, cancro e malattie renali. Nel diabete, si pensa che l’inquinamento riduca la produzione di insulina e inneschi l’infiammazione, impedendo al corpo di convertire il glucosio nel sangue in energia che il corpo ha bisogno di mantenere in salute. Nel complesso, i ricercatori hanno stimato che l’inquinamento ha contribuito a 3,2 milioni di nuovi casi di diabete a livello globale nel 2016, che rappresenta circa il 14% di tutti i nuovi casi di diabete a livello globale quell’anno. Hanno anche stimato che nel 2016 sono stati persi 8,2 milioni di anni di vita in buona salute a causa del diabete legato all’inquinamento, che rappresenta circa il 14% di tutti gli anni di vita in buona salute persi a causa del diabete da qualsiasi causa.

Negli Stati Uniti, lo studio ha attribuito 150.000 nuovi casi di diabete all’anno all’inquinamento atmosferico e 350.000 anni di vita sana persi ogni anno. Il team della Washington University, in collaborazione con gli scienziati del Clinical Epidemiology Center dei Veterans Affairs, ha esaminato la relazione tra il particolato e il rischio di diabete analizzando prima i dati di 1,7 milioni di veterani americani che sono stati seguiti per una mediana di 8,5 anni. I veterani non hanno avuto storie di diabete. I ricercatori hanno collegato i dati del paziente con i sistemi di monitoraggio dell’aria terrestre dell’EPA e con i satelliti spaziali gestiti dalla NASA. Hanno usato diversi modelli statistici e testato la validità rispetto a controlli quali le concentrazioni di sodio nell’aria ambiente, che non hanno alcun collegamento con il diabete, e le fratture degli arti inferiori, che non hanno alcun legame con l’inquinamento dell’aria esterna, così come il rischio di sviluppare il diabete un forte legame all’inquinamento atmosferico. Questo esercizio ha aiutato i ricercatori a eliminare le associazioni spurie.

Quindi, hanno setacciato tutte le ricerche relative al diabete e all’inquinamento atmosferico all’aperto e hanno ideato un modello per valutare il rischio di diabete in vari livelli di inquinamento. Infine, hanno analizzato i dati dello studio Global Burden of Disease, che viene condotto annualmente con il contributo di ricercatori di tutto il mondo. I dati hanno aiutato a stimare i casi annuali di diabete e di anni di vita in buona salute persi a causa dell’inquinamento. I ricercatori hanno anche scoperto che il rischio generale di diabete correlato all’inquinamento è più inclinato verso paesi a basso reddito come l’India che non dispongono delle risorse per i sistemi di mitigazione ambientale e le politiche di aria pulita. Ad esempio, i paesi colpiti dalla povertà che affrontano un più alto rischio di inquinamento da diabete includono l’Afghanistan, la Papua Nuova Guinea e la Guyana, mentre i paesi più ricchi come la Francia, la Finlandia e l’Islanda hanno un rischio più basso. Negli Stati Uniti, la soglia di inquinamento dell’EPA è di 12 microgrammi per metro cubo di aria, il più alto livello di inquinamento atmosferico considerato sicuro per la salute pubblica, come stabilito dal Clean Air Act del 1990 e aggiornato nel 2012.

Tuttavia, utilizzando modelli matematici, il team ha stabilito un aumento del rischio di diabete a 2,4 microgrammi per metro cubo di aria. Sulla base dei dati VA, tra un campione di veterani esposti all’inquinamento ad un livello compreso tra 5 e 10 microgrammi per metro cubo d’aria, circa il 21 percento ha sviluppato il diabete. Quando tale esposizione aumenta da 11,9 a 13,6 microgrammi per metro cubo di aria, circa il 24% del gruppo ha sviluppato il diabete. Una differenza del 3% appare piccola, ma rappresenta un aumento da 5.000 a 6.000 nuovi casi di diabete per 100.000 persone in un dato anno. Nell’ottobre 2017, la Commissione Lancet sull’inquinamento e la salute ha pubblicato un rapporto che illustra le lacune nelle conoscenze sugli effetti nocivi per la salute dell’inquinamento. Una delle sue raccomandazioni era quella di definire e quantificare la relazione tra inquinamento e diabete. Pare che i dati adesso ci siano; non si sa ancora come ciò avvenga ma le ulteriori indagini che seguiranno faranno sicuramente luce di come questo possa avvenire.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lim CC et al., Thurston GD. Environ Res. 2018 Aug;165:330-36.

Cho CC et al. Int J Environ Res Public Health. 2018 Jul 1;15(7).

Olvera Alvarez HA et al. Neurosci Biobehav Rev. 2018; 92:226-42.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI